Cerca

Il deputato Pdl a Bechis: Quella testa di c. si dimette

Telefonata choc tra il vicedirettore di Libero e un onorevole. "Il premier doveva andare da Napolitano già oggi". Ascolta la registrazione

Il deputato Pdl a Bechis: Quella testa di c. si dimette
Questa mattina ero a Omnibus su La7. Alla fine della trasmissione Enrico Mentana ha portato in studio Paolo Cirino Pomicino, che ha annunciato le dimissioni di Silvio Berlusconi fra stasera e domani. In diretta ho detto che non ci credevo e che non sarebbe accaduto nulla questa settimana. Quando sono uscito ho sentito più dirigenti del Pdl che mi hanno informato di una riunione con il premier chiusa all'una di notte dove si erano ipotizzate le dimissioni. Ne ho riferito su : ", con la cronaca minuto per minuto. Poi è arrivata la smentita. Ho continuato a riferire le informazioni così come le ricevevo, perchè questo è il mestiere che ho imparato. Siccome molti commenti hanno ipotizzato una cosa sciocca, come la turbativa dei mercati e una mia (e di Giuliano Ferrara) speculazione su titoli di Stato, ho scelto di proteggere le fonti con la distorsione della mia e loro voce, ma di testimoniare che ho fatto come mio dovere il cronista. Per altro non ho risparmi e un avvocato ha chiesto ed ottenuto il pignoramento del mio stipendio per un articolo altrui ritenuto diffamatorio e risalente alla mia direzione responsabile de Il Tempo. Non sono riusciti a farsi pagare dalla società nè dai due giornalisti che scrissero, e hanno pignorato me. Non ho speculazioni da fare.

di Franco Bechis



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giampeo44

    08 Novembre 2011 - 08:08

    Credo che il compito di Bechis sia quello di fare il nome del disonorevole col quale si è sentito al telefono; non dico adesso ma sicuramente prima delle prossime elezioni perchè la gente deve sapere con quali personaggi ha a che fare. Spero che il Capo dello Stato si renda conto che non si possa comunque lasciare l'Italia in mano a gente come Gargamella Bersani, un forcaiolo come DiPietro che, solo dagli altri, pretende le mani pulite. Non parliamo poi di gente come il traditore opportunista Fini, il democristiano Casini che è arrivato addirittura a riesumare Cirino Pomicino e l'essenza del nulla Rutelli.

    Report

    Rispondi

  • marino43

    08 Novembre 2011 - 08:08

    Ma finoiamola con questa commedia...andiamo a prenderceli tutti con la forca....ci stanno rubando i soldi mentre loro si intascano mensilmente quello che una persona perbene che lavora ci mette sei mesi a prenderlo. Vigliacchi farabutti maledetti, avessero fatto qualche cosa per questo straordinario Paese che sostiene tutto il peso della crisi con i propri risparmi di una vita.Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa il sottosegretario di tutti i padani che sostengono B. ehehehe......ehehehehe.......ehehehe....me la rido di gusto anche se so che non la pubblicherete!!!!Ehehehehehehehehe

    Report

    Rispondi

  • antari

    08 Novembre 2011 - 08:08

    ahahahahhaha

    Report

    Rispondi

  • luciana c.

    08 Novembre 2011 - 04:04

    il problema dell'Italia non e' Berlusconi. Berlusconi e' solo un uomo che ha provato a cambiare un sistema politico in cancrena, con nessuna preparazione politica, ma molta specializzazione imprenditoriale: cosa eccellente in un Paese come gli Stati Uniti, pessima in un Paese dove sembra che "chi ha le leve del comando" sia autolesionista o solo interessato ai propri interessi. Berlusconi e' stato chiamato in difesa contro il comunismo piu' becero (dopo il Venezuela, non c'e' Paese dove il comunismo sia piu'fondamentalista). Accompagnato da "vecchi" della politica: questo e' il problema primario di Berlusconi. Voler cambiare il sistema con "vecchi" del sistema e' un assurdo logico. Berlusconi ha commesso, da uomo italiano macho, molti errori (non e' il solo leaderche ama l e belle donne, ma sicuramente altri sono piu' furbi), ma questo e' qualcosa che il tutto il m0ndo non sarebbe additato al pubblico lubridio cone in Italia (Francia, G.B. , Spagna, docent). Berlusca:va avanti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog