Cerca

Ma Angelino non ha voglia

Bossi propone Alfano premier, ma è lui a fare un passo indietro: è leale con Berlusconi e il partito. E non vuole bruciarsi

Ma Angelino non ha voglia
Umberto lo manda avanti, ma Angelino frena. Bossi prova l'ultima carta per salvare il governo e la maggioranza: Alfano premier al posto di Silvio Berlusconi. Una strategia dettata più dalla pancia che dal raziocinio politico, visto che i malpancisti non convergono sul nome del segretario Pdl a Palazzo Chigi. E soprattutto lo stesso Alfano non avrebbe alcuna intenzione di prendersi una responsabilità così gravosa in un momento tanto delicato. Per tre motivi. Il primo è una forma di lealtà nei confronti del Cavaliere. E' stato Berlusconi a sceglierlo come proprio delfino, una mossa che presupponeva la fine della legislatura. E contraddire quella scelta, in un momento in cui il Cav si sente accerchiato dai traditori, significherebbe lacerare un rapporto di fiducia consolidato. Secondo motivo: lealtà non solo al premier, ma al partito. Salire a Palazzo Chigi senza il consenso totale del Pdl sarebbe un azzardo troppo grande. Alfano si è speso in questi mesi per ridisegnare il Pdl del futuro, lasciando un ruolo prestigioso come il ministero della Giustizia, che gli aveva fatto guadagnare consensi anche nell'opposizione. Insomma, per rispondere alla chiamata del partito Angelino aveva accantonato la gloria personale. Eccolo, il terzo motivo: Alfano non ha messo da parte la voglia di giocarsi le proprie carte per una crescita politica. Farlo ora, entrando dalla porta di servizio, significherebbe bruciarsi. Meglio attendere, magari tornare in gioco in campagna elettorale. Quando forse Berlusconi si sarà defilato e Alfano potrà finalmente essere il protagonista assoluto.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mardur1972

    08 Novembre 2011 - 14:02

    ma non e' mica scemo come il capo. Ha gia'capito come va a finire...per lui se prende il posto del nano

    Report

    Rispondi

blog