Cerca

Ma c'è chi dice: si ricandida

Prima di stappare lo champagne gli anti-Cav dovrebbere pensarci due vuole. Dal passo indietro all'uscita di scena ce ne passa...

Ma c'è chi dice: si ricandida
«A questo punto le elezioni anticipate sono più vicine. Mi sembra che sia logico, perché questo Parlamento oggi è paralizzato almeno alla Camera, mentre al Senato il centrodestra ha ancora una buona maggioranza. Anche la situazione che si è verificata conferma che questa è una fotografia esatta della realtà».
Prima di stappare lo champagne opposizioni e anti-berlusconiani dovrebbero pensarci due volte. Dal passo indietro all’uscita di scena, infatti, ce ne passa. E il Cavaliere non sembra così intenzionato a gettare la spugna. Anzi, dall’insistenza con cui nelle varie interviste rilasciate dopo il vertice con il Capo dello Stato parla di elezioni anticipate come unica alternativa, viene anche da pensare, o quantomeno da non escludere, ad una clamorosa ricandidatura.
«Dopo l’approvazione della legge di stabilità», dice al Tg5, «darò le dimissioni, in modo che il capo dello Stato possa aprire le consultazioni. Sul futuro non sta a me decidere, spetta al capo dello Stato, ma io vedo solo la possibilità di nuove elezioni».

Poi, per essere chiari sull’ipotesi ribaltone, aggiunge: «Non è assolutamente pensabile che in una democrazia possono assumere responsabilità di governo le forze che hanno perso le elezioni». Praticamente identiche le riflessioni concesse al Tg1, dove però aggiunge un tassello che la dice lunga sulla voglia di arrendersi di Berlusconi. La «maggioranza probabilmente è sempre esistente se noi ponessimo la fiducia, ma non possiamo porre la fiducia su tutti i provvedimenti», spiega il Cavaliere. Il premier prende comunque atto «che il governo non ha più quella maggioranza che noi credevamo di avere» e che quindi, «con realismo, dobbiamo preoccuparci della situazione italiana e di ciò che sta accadendo sui mercati».
Il voto, prosegue il Cavaliere, «ha reso ancora più forte la mia preoccupazione sul nostro momento, una situazione che vede i mercati non ritenere che noi vogliamo veramente introdurre quelle riforme liberali che l’Europa ci ha chiesto con insistenza».

La cosa importante, adesso, è «dare la precedenza all’approvazione di queste misure» e quindi, prosegue, «intendo chiedere all’opposizione di consentire il varo urgente di queste misure di stabilità» che conterranno «tutte le richieste dell'Europa». Perché bisogna dare ai mercati «la dimostrazione che facciamo sul serio». Solo dopo, spiega Berlusconi facendo venire un po’ di sudore freddo ai suoi avversari, «vengono le altre cose, come chi guidi o chi non guidi il governo».
Quanto ai dissidenti, dice, «non ho provato solo sorpresa, ho provato molta tristezza, dolori in certi casi, perché tutte le persone che hanno ritenuto di lasciare la nostra parte politica erano persone verso le quali io avevo un rapporto che non era solo di collaborazione politica ma anche umano di amicizia».
di Sandro Iacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curcal

    09 Novembre 2011 - 18:06

    un nuovo PDL più compatto, una squadra di meno vecchi. Si ricandiderà ottenen do un risultato inaspettato (il ruggito del leone ferito) e abbandonerà la politica. Il CDX è ancora lontano dal deporre le armi a chi non si è dimostrato in grado di saper difendere l'Italia da avversari che intendono distruggerla economicamente. Anzi hanno cercato di fare il gioco del nemico.

    Report

    Rispondi

  • IoSperiamoCheMeLaCavo

    09 Novembre 2011 - 13:01

    In caso di elezioni tr febbraio e aprile spero vivamente che si ricandidi cosi oltre a non prendere tanti voti per il disastro che ha combinato e che sarà davati agli occhi degli italiani la lega perderà un casino di voti facendo una nuova alleanza con Berlusconi perché la base leghista non lo vuole piu'. PER FAVORE RICANDIDATI FACCI STO FAVORE

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    09 Novembre 2011 - 12:12

    Berlusconi farà qualcosa che lascerà basiti tutte le opposizioni e traditori, può anche non candidarsi personalmente, anzi è probabile, ma nascerà un suo nuovo partito di giovani.

    Report

    Rispondi

  • sumeana

    09 Novembre 2011 - 11:11

    Non vendete la pelle dell'orso prima di avarlo ucciso. San Tommaso insegna.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog