Cerca

Pronto il governo tecnico di Napolitano e Monti

Il capo dello Stato nomina senatore a vita l'economista. Primo passo verso Palazzo Chigi: "Esecutivo per fare le riforme entro poco tempo"

Pronto il governo tecnico di Napolitano e Monti
Un "nuovo governo entro breve tempo oppure sciogliere il Parlamento e andare al voto". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano esce ancora allo scoperto e in una nota chiarisce la posizione del Quirinale: "Entro breve tempo o si formerà un nuovo governo che possa con la fiducia del Parlamento prendere ogni ulteriore necessaria decisione o si scioglierà il Parlamento per dare subito inizio a una campagna elettorale da svolgere entro i tempi più ristretti". E' il risultato, prevedibile, di una giornata durissima a Piazza Affari per mercato e titoli di stato italiani, decisamente sotto attacco. Anche per questo il Colle ha espresso una posizione politica già anticipata in qualche modo in mattinata, prima dei vertici con il ministro dell'Economia Giulio Tremonti e con il sottosegretario Gianni Letta. Secondo indiscrezioni, la proposta di governissimo o governo tecnico sarebbe una nuova avance a Mario Monti e Giuliano Amato. L'economista avrebbe per il momento rifiutato temendo la mancanza di numeri di un'eventuale maggioranza, ma l'opera di convincimento del Quirinale continuerà. La prova? La nomina di Monti senatore a vita, decisa intorno alle 19 da Napolitano. Un'investitura e, ad usare un po' di ironia, si potrebbe dire che non si parlerà più d'ora in poi di governo tecnico...


Coesione e decisione - La politica deve "decidere subito". Così Napolitano aveva sottolineato incontrando al Quirinale i rappresentanti del mondo dello spettacolo. Nel momento della crisi economica e politica il presidente è sceso nuovamente in campo con decisione. Il presidente della Repubblica, in "ore difficili e delicate", ha chiesto a destra e sinistra di far "cadere chiusure e tabù", mettendo in piedi un "confronto più aperto e obiettivo" e dimostrando "nuovi comportamenti". La stretta sui titoli di Stato del debito pubblico italiano, definita "molto pericolosa", rischia di avere "ricadute sull'attività economica e sull'occupazione". Per questo bisogna "riguadagnare credibilità e fiducia nel Paese". Come? "Abbiamo bisogno di decisioni presto e nei prossimi anni per esprimere una rinnovata responsabilità e coesione nazionale". Un impegno "immediato e di lunga lena, nella gestione della finanza pubblica e più in generale nella visione e nella guida dello sviluppo economico e sociale del paese". Un allarme doppiato dopo poco tempo da quello, in fotocopia, del presidente di Confindustria Emma Marcegaglia.

L'invito del Colle - Attraverso i richiami alla credibilità e alla fiducia, spicca dunque quel "confronto aperto senza tabù" che i più leggono come un nuovo invito a governi tecnici o governissimi. Si tratta di capire se l'appello verrà accolto e soprattutto, nel caso, se sarà in grado di evitare quei "fatali ritardi e contraddizioni" citati da Napolitano "nell'affrontare, con riforme spesso annunciate e sempre mancate, debolezze di fondo del sistema Paese". Tutto in un contesto, ribadisce il Quirinale, in cui "non solo in Europa è insorta una grave crisi di fiducia nei confronti del nostro Paese" e non solo, visto che "l'Unione Europea - prosegue il Colle - sta vivendo il suo momento più critico in un mondo radicalmente cambiato e a noi, Italia, tocca dare un apporto maggiore che non negli ultimi tempi al necessario rinnovamento dell'Europa". In mattinata, proprio per far fronte al momento drammatico delle Borse, Napolitano ha ricevuto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Il primo passo di una fase di transizione in cui il presidente mette in conto ogni "sforzo che mi guiderà anche nell'arbitrare la crisi di governo che sta per aprirsi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Angrus

    10 Novembre 2011 - 07:07

    Bisogna quindi dedurre che tra tutti coloro che hanno preso almeno un voto nelle urne, il nostro Presidente non ritiene ci sia una persona in grado di guidare un nuovo Governo. Che c**** andiamo a votare a fare, per poi essere presi per il c*** col trucchetto del Senatore a vita? p.s. Siccome come tanti sono nella m++da, anche avendo investito capitali enormi, potrei sapere dove si presentano le domande per essere nominato Senatore a vita o qualche altra carica, basta che porto il pane a casa?

    Report

    Rispondi

  • kiboko2

    10 Novembre 2011 - 07:07

    Non lo so se sara' in grado di portarci fuori dalla melma lasciata dall'uomo dal viso di plastica e il cervello da galera, ma almeno e' persona perbene, capace, conosce la finanza. e' stimato in Italia e all'estero ed e' presentabile, parla un ottimo inglese e non ha bisogno di imparare a memoria le frasette come fa e ha fatto il vecchio sporcaccione...non va a puttane e non spreca il tempo a danno della cololettivita'. Sapra' avere un occhio di riguardo anche per noi Italiani onesti che viviamo all'estero e facciamo grande questo nostro Paese umiliato da un magnaccia puttaniere. Detto questo chiunque sara' sempre meglio di quel personaggio incipriato....Viva l'Italia libera...Un grande pernacchione a tutti i nostagici di mr.antenna televisiva.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    10 Novembre 2011 - 06:06

    con calma, e dopo aver salvato il Paese dalla bancarotta, propongo una piccola modifica alla legge elettorale (che va benissimo cosi' com'e') : gli elettori impiegati statali (tutti, politici compresi) possono votare ma il voto vale meno dei lavoratori autonomi, privati, ecc. Direi la meta' , anche di meno, ma se ne puo' discutere. Cosi' casini e fini dovranno lavorare il doppio per accaparrarsi il consenso dell'Italia vecchia di mantenuti e voltacabbana: noi non siamo come loro: noi siamo l'Italia che avanza, e fara' cose grandi. Ma prima raddrizziamo i cerchi e facciamo terra bruciata attorno ai mantenuti parassiti statali per come ci hanno ridotto. Poi ripartiamo freschi e leggeri. Forza Italia.

    Report

    Rispondi

  • GiacomoBertacchi

    10 Novembre 2011 - 05:05

    23.000 Euro/mese al Prof. Monti mi sembrano una mossa coerente da parte di chi ci chiede sacrifici e invoca una maggior credibilita' dell'Italia! All'ennesimo atto inopportuno e arrogante della casta fa da contrappunto l'outing di Goldman Sachs, che ieri segnalava nel governo tecnico la migliore soluzione "politica" per ridurre lo spread btp/bund. Certo, se il Prof. Monti non fosse un'emanazione di GS e se il suo "confratello" Mario Draghi non avesse in mano le chiavi della cassa, il parere sarebbe senz'altro legittimo. Signori miei, qui siamo di fronte a un colpo di stato bello e buono, in cui GS si e' pappata la BCE e sta ponendo i suoi tecnocrati a guida di Grecia e Italia, dopo che i banchieri europei hanno sapientemente messicanizzato il Sud Europa. Berlusconi verra' sterilizzato assicurandogli l'assenza di ulteriori attacchi speculativi a Mediaset. Gli indignados riceveranno ordini di partito e si accucceranno ignari di essere eterodiretti. A noi resteranno le lacrime, forse...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog