Cerca

Bersani in ginocchio da Tonino

Il segretario lo implora: "Sul governo Monti ripensaci, prima viene l'Italia". Intanto l'Italia dei Valori processa il suo leader

Bersani in ginocchio da Tonino
Dopo la rivolta della base dell'Italia dei Valori, gli scongiuri di Pierluigi Bersani. Il segretario del Pd supplica Tonino: "Ognuno si deve prendere le sue resposnabilità: spero che Di Pietro possa ripensarci perché prima viene l'Italia, poi le alleanze e la politica". La questione è l'appoggio al governo tecnico di Mario Monti, un appoggio che Di Pietro non vuole dare. Bersani poi ribadisce: "Credo che ci debba essere un governo con un forte profilo tecnico, senza escludere la politica ed il parlamento". Quindi si spende in una metafora storica per ribadire il suo 'no' ai ribaltoni: "Non vedo come un governo possa avere credibilità in una situazione parlamentare da Vietnam", anche se la coesione attorno a una figura come quella di Mario Monti è ancora tutta da verificare.

Di seguito l'articolo di Elisa Calessi

«Cambierà tutto», riflette un importante dirigente del Pd. Se davvero si farà il governo di emergenza, dopo nulla sarà come prima. Nel Paese, ma anche nei partiti. E soprattutto nei due più grandi: Pdl e Pd. Più ancora delle misure impopolari che il nuovo governo dovrà adottare, è questa consapevolezza a far discutere i Democratici. E a dividere nettamente il partito in due: chi non tema affatto, ma anzi spera in un cambiamento totale e chi, invece, lo accetta, ma vede più svantaggi che altro. Nel primo fronte c’è Walter Veltroni, non a caso il primo sostenitore del governo Monti, e che ieri in un articolo sul blog Huffington Post ha tratteggiato profilo e perfino programma dell’esecutivo in fieri: «Un governo guidato da una personalità riconosciuta, in Italia e sulla scena europea e mondiale, per le sue capacità e credibilità», che abbia «in Parlamento un largo sostegno e sia riconosciuto dai cittadini».

Quanto alle misure da fare, ha citato «la messa in sicurezza dei conti pubblici», «l’aggiustamento del sistema pensionistico», provvedimenti contro la precarietà e sul sistema fiscale. Con lui ci sono Beppe Fioroni, Paolo Gentiloni, ma anche Enrico Letta e Dario Franceschini. Nella seconda c’è Pier Luigi Bersani e tutta la squadra di trenta-quarantenni cresciuti sotto la sua ala, più l’area Marino. La partecipazione al governassimo, infatti, prima di tutto cambierà il profilo del partito: da old-laburista a turbo-riformista. Il nuovo governo, infatti, avrà come programma la lettera della Bce. Gli effetti si sentiranno anche nella macchina del Pd. Già si parla di un «assestamento» negli organismi dirigenti. «Mi pare complicato», dice un veltroniano, «che resti responsabile economico del partito Stefano Fassina», ferocemente contrario alla lettera della Bce e al governo tecnico, come ha detto al coordinamento dell’altra sera. E non sarà facile far passare la nuova linea tra i militanti. La Velina Rossa, foglio storico vicino a D’Alema, ieri ha detto “addio” al Pd, annunciando che non sosterrà mai un governo «Berlusconi-Bersani».

Cambierà il profilo del partito. E quindi le alleanze: se Di Pietro resta fuori dal governo di emergenza, è evidente che salterà il centrosinistra in formato Vasto. Certo il Pd, dopo due anni di governo con terzo polo e Pdl, non potrà tornare al Nuovo Ulivo. L’ha capito bene Nichi Vendola che ieri ha diffuso una nota per sostenere, sia pure a certe condizioni, il governo di emergenza. Pone alcuni paletti: nessuna “ipoteca berlusconiana” sui nomi, la patrimoniale, tempi brevi.  Ma non ha detto “no”. E nel Pd si scommette che nella squadra di Monti ci sarà anche un uomo di Sel. Il perché lo spiega Ettore Rosato, franceschiniano: «Se Vendola non costruisce oggi le basi per andare con il Pd, il Pd se ne va con il terzo polo per sempre. Non credo che a Nichi convenga».

Archiviata la foto di Vasto, cosa ci sarà al suo posto? Qui si apre un altro problema. «Tutto dipende da cosa accadrà nel Pdl», ragiona Stefano Ceccanti. «Se la fronda ex An si stacca, non potrà fare se non un partitino di destra. Lo scenario più probabile è che i due partiti principali, Pdl e Pd, si spostino verso posizioni più centrali con un rafforzamento dell’area del terzo polo. Può nascere un bipolarismo diverso». Ma c’è anche un altro scenario, più pericoloso per il Pd: una riunificazione tra terzo polo e Pdl. Il che creerebbe un asse elettoralmente molto forte. Quello che è certo è che si va verso un sistema che taglia con le estreme: Lega e Idv. «Speriamo. Se salta l’alleanza con Di Pietro non ci metteremo a piangere. Sarebbe ora...», commenta il lettiano Francesco Boccia. Se cambiano le alleanze, giocoforza cambieranno i leader. Bersani è il garante dello schema Vasto. Ma se nel 2013 lo schema cambierà, come probabile, il leader sarà un altro. Rientrano in gioco Matteo Renzi e Nicola Zingaretti. E addio alle primarie di coalizione. Come dice Ceccanti, «è chiaro che se non c’è più il centrosinistra classico, si faranno solo primarie interne al Pd». E l’appuntamento, a questo punto, potrebbe essere anticipato rispetto alla primavera 2013.

di Elisa Calessi


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sago72

    11 Novembre 2011 - 20:08

    bersani in ginocchio da tonino??? chissà cosa ne pensa il movimento omosessuali...

    Report

    Rispondi

  • roby347

    11 Novembre 2011 - 19:07

    da quando Peppone da Bettola pensa all'Italia ? Finalmente le sue proposte sono state accolte : B. si sta' per dimettere.Adesso viene il bello: corsa a ricoprire piu' ministeri possibili (Turco,Bindi,Letta,Franceschini,Fassina....Finocchiaro,ecc.ecc.) e nuovo programma : Di Pietro ripensaci!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    11 Novembre 2011 - 19:07

    Di Pietro ha gia' cambiato idea.

    Report

    Rispondi

  • Ninnella

    11 Novembre 2011 - 17:05

    Che duetto magnifico............ il Bersani Gargamella detto lo stolto e il sedicente Avvocato imbecille. Mio Dio dove siamo capitati, non hanno fatto altro che ripere per anni "Berlusconi deve andare via", ora che Berlusconi li ha accontentati si trovano senza idee ne parole per poter far fronte alla situazione. Per anni non hanno fatto opposizione, ma solo caciara e quando ci saranno le elezioni avranno pure il coraggio di ripresentarsi. A quel punto tutti gli Italiani apprescindere dai colori politici dovremmo astenerci dal voto e ripresentarci alle urne solamente quanto tutti questi idioti che dicono di rappresentarci vadano via oppure dovremmo avere noi la possibilità di scegliere gli uomini che ci devono rappresentare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog