Cerca

Silvio è stato costretto dal Pdl

Berlusconi cala il jolly Alfano premier. Giornata di incontri con i big del partito spaccato su Monti, Stasera ufficio di presidenza

Silvio è stato costretto dal Pdl
Una girandola di incontri. Silvio Berlusconi, febbricitante, sta incontrando uno a uno tutti i notabili del Pdl per capire l'aria che tira nel partito poche ore prima del consiglio di presidenza di stasera che dirà la parola definitiva sul governo Monti. A preoccupare il Cavaliere non è tanto un no all'eventualità del governo tecnico, quanto le ripercussioni che questo rifiuto possano avere sulla tenuta del Pdl. A Palazzo Grazioli sono entrati e usciti, nell'ordine, i ministri Ignazio La Russa, Raffaele Fitto e Altero Matteoli, il presidente dei senatori Maurizio Gasparri, il coordinatore Denis Verdini, il vicepresidente della Camera Maurizio Lupi. E ancora: da via del Plebiscito passano e passeranno il capogruppo alla Camera Fabrizio Cicchitto, il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini, quello per lo Sviluppo economico Paolo Romani. Qualcuno di questi, da Fitto alla Gelmini e Lupi, sono in predicato di rivestire un qualche ruolo nell'esecutivo di Monti, anche se Gaetano Quagliariello ha ribadito che la posizione del Pdl è per un governo tecnico "puro", senza esponenti di partito. La verità è che il Pdl, oggi, ha dimostrato molto nervosismo. Franco Frattini ha sbottato contro l'ala ex An più oltranzista e contraria, per ora, ad appoggiare i disegni del Quirinale. La Russa ha risposto per le rime, anche se la posizione di Berlusconi, ufficialmente attendista, pare orientata ad avallare le indicazioni di Napolitano e consegnare a Monti le chiavi di Palazzo Chigi. Ecco perché l'ultima carta scelta dal Cav, quella di un Angelino Alfano premier da presentare al Colle, più che un jolly sembra l'unico modo per non scontentare nessuno. O scontentare tutti un poco, ma tenendo in vita il Pdl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Megas Alexandros

    11 Novembre 2011 - 23:11

    E' troppo evidente che ciascuno, a modo suo, stia cercando disperatamente di fare i propri interessi al fine di cadere in piedi e di mantenere i privilegi che gli derivano da un ruolo istituzionale che, va ricordato, hanno ricoperto e possono ricoprire solo grazie ad un preciso mandato elettorale. Quel che invece da ancora più fastidio è che il nostro Re Giorgio si stia prendendo la briga di fare cose che non rientrano nelle sue prerogative e ad aggravare il tutto resta il fatto che il barbagianni istituzionale non è stato votato dal popolo ma è anzi espressione di una sinistra che a due anni dall'elezione di Sua Maestà è caduta per manifesta incapacità. Ora che il sig. Monti,col permesso di un vecchio cretino, pretenda di fare quel caspita che gli pare mi pare quanto meno irrispettoso del popolo italiano. Per non dire altro! L'illustre Bocconiano si faccia spiegare da qualche altro illustre suo collega che la Cost. non gli consente di farele cose a proprio piacimaento.ELEZIONI SUBITO!

    Report

    Rispondi

  • gia161170

    11 Novembre 2011 - 22:10

    A quelli di sinistra che scrivono su questo sito vorrei ricordare che la ricreazione e' finita, Berlsconi si dimettera' e quindi dovete cominciare ad inventarvi qualche stralcio di programma o allenza. Sarebbe dunque il caso che torniate dalle vostre parti per vedere se c'e' 'qualcosa' da votare.

    Report

    Rispondi

  • Dennis98

    11 Novembre 2011 - 20:08

    . Alfano premier???????Nooooooooo!!!!!! ......ma guardatelo.....ha gli occhi ...camaleontici e la lingua ....servile...appunto, un servo al posto del ......PADRONE...........

    Report

    Rispondi

  • wing125

    11 Novembre 2011 - 20:08

    quello che è chiaro a chiunque è che berlusconi si è completamente bruciato all'estero. lo stesso obama quando vuole contattare l'italia telefona a napolitano, e non perchè napolitano va oltre i suoi compiti. no, gli è che berlusconi ha in questi due mesi dato una tale pessima prova di se da essere allontanato da tutti. compresi i suoi elettori, come me . ed ora, dopo la clamorosa sconfessione di mercati che solo a sentire la parola monti si rincuorano, e dopo la estesissima stampa che ride su questo ometto in tutto il mondo, berlusconi parla di governo dini . ma se dovrebbe scappare più lontano che può . ma da se stesso , cosa peraltro purtroppo impossibile .non lo invidio, ma ci lasci in pace. un ex ,non da tanto , elettore .purtroppo .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog