Cerca

Ma Napolitano: avanti anche senza i voti

Il Quirinale accelera per l'esecutivo pronto prima della riapertura dei mercati. E il decreto per l'introduzione della patrimoniale sui conti correnti

Ma Napolitano: avanti anche senza i voti
Il governo Monti già in carica lunedì mattina. In tempo per fronteggiare l’eventuale, nuova tempesta sui mercati finanziari. Con in tasca il decreto per l’introduzione della tassa patrimoniale sui conti correnti degli italiani. Misura che potrebbe essere varata da un consiglio dei ministri convocato subito dopo il giuramento e addirittura prima del voto di fiducia. Quindi anche la notte tra domenica e lunedì. O, al più tardi, entro metà della prossima settimana. È questo lo schema messo a punto da Giorgio Napolitano per mettere con le spalle al muro Silvio Berlusconi, “invitato” ad appoggiare il suo successore. Un aut aut che sta diventando insopportabile per il Popolo della libertà, che invece nelle intenzioni del capo dello Stato dovrebbe rassegnarsi a subire la presenza di Monti a Palazzo Chigi alla guida di un governo di minoranza.

L’ira del Pdl
- «Il presidente della Repubblica si sta dimenticando che i governi si fanno in Parlamento». La frase, pronunciata da un maggiorente del Pdl, dà fiato all’irritazione che sta montando nel partito del Cav verso Napolitano. «Lui e Monti stanno forzando la mano al presidente del Consiglio». Le ultime mosse del Quirinale, infatti, sono lette come una sfida al Cavaliere: o il Pdl si piega sul nome del professore bocconiano, o lo sbocco sono sì le urne, ma sotto un governo Monti. Anche di minoranza. Con la prospettiva che sia lo stesso senatore a vita, incontrato in via riservata anche ieri, a scendere in campo.
Sotto accusa è il protagonismo del capo dello Stato, che dal Quirinale sta tessendo la tela del governo Monti imponendo le sue scelte ai partiti, Pdl in primis, che dovrebbero sostenere il professore bocconiano in Parlamento. Troppe, per il Pdl, le «forzature» del Quirinale: le consultazioni informali prime delle formali dimissioni del governo, l’accelerazione sul nome di Monti con la sua nomina a senatore a vita, le trattative sotterranee per la lista dei ministri prima ancora dell’incarico. «Napolitano sta operando al di fuori del recinto costituzionale», è l’affermazione condivisa dai dirigenti del Pdl.
La forzatura sarebbe nei tempi serrati che il presidente della Repubblica sta imponendo alla crisi: entro domani  la chiamata di Monti al Quirinale; lista dei ministri già in giornata; voto di fiducia alla Camera e al Senato entro metà della prossima settimana. Ed è a quel punto, numeri alla mano, che Monti e Napolitano tireranno le somme. In caso di un’azione di governo «efficace e condivisa», il Parlamento durerà fino al termine della legislatura, nel 2013. Qualora  Monti non ottenesse la fiducia, invece, sarebbe comunque il suo esecutivo a portare il Paese alle urne. Spingendo Napolitano a mettere in pratica quel “piano B” messo nero su bianco nei giorni scorsi: lo scioglimento del Parlamento «per dare subito inizio a una campagna elettorale da svolgere entro i tempi più ristretti». Magari già il 15 gennaio. Con Monti, sulla scorta dell’articolo 93 della Costituzione, a Palazzo Chigi per gestire l’ordinaria amministrazione fino all’apertura delle urne e anche, ecco la novità, candidato premier alla guida di quella coalizione da “larghe intese” da legittimare con il voto popolare. Insomma la scelta di Monti, è il messaggio del Colle, è ormai irreversibile.

Consultazioni mondiali
- Avanti tutta con Monti, dunque. Al di là dei tentennamenti del Pdl. E in quest’ottica vanno considerati i messaggi diffusi ieri dal Colle al termine dei colloquitelefonici con Christian Wulff, presidente tedesco, e Nicolas Sarkozy, numero uno francese. «Gli impegni assunti dall’Italia e ogni ulteriore necessaria decisione si traducano presto in una efficace e condivisa azione di governo», ha intimato Napolitano dopo lo scambio di vedute con Wulff. Evidente la richiesta al Pdl affinché sostenga Monti. Più o meno gli stessi i toni utilizzati nella conversazione con Sarkozy, nella quale «è risultata la fiducia di questo grande Paese amico (la Francia, ndr) nella prospettiva che l’Italia si dia al più presto un governo capace di contribuire al superamento di una situazione altamente preoccupante per tutta l’Europa e in particolare per la zona Euro». Conversazioni cui vanno aggiunte quelle con Barack Obama, presidente Usa, ed Herman Van Rompuy, numero uno del Consiglio Ue. Un pressing asfissiante, spalleggiato dalle opposizioni, che nel Pdl tollerano a fatica. «Non c’è già un incarico a Monti», precisa non a caso Ignazio La Russa. Anzi, per il ministro della Difesa, «c’è il rischio che Monti possa uscire cardinale». Sottinteso: dal conclave dove è entrato Papa. E Fabrizio Cicchitto, capogruppo pdl alla Camera, riprende il Colle: «La struttura del governo dovrebbe essere preventivamente discussa con i partiti». Meno freni mostra Domenico Scilipoti, uno dei leader degli ex Responsabili, quando accusa Napolitano di lavorare per lo «sconvolgimento della forma di governo parlamentare» instaurando il «primo governo totalmente del presidente. Alla faccia della centralità del Parlamento. Quanto non è riuscito all’ottimo Oscar Luigi Scalfaro, sembra congeniale al buon Giorgio».

di Tommaso Montesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    12 Novembre 2011 - 17:05

    Quando non capisci le cose,piuttosto chiedi.Tu andresti in uno stadio dove c'è una bomba pronta ad esplodere,gridando " c'è una bomba!"?.Forse un deficente lo farebbe,ma una persona seria e responsabile non scatenerebbe il panico.

    Report

    Rispondi

  • paolino pierino

    12 Novembre 2011 - 17:05

    Alcuni lettori ragionano e scrivono senza la testa ma con l'odio. Accusano Berlusconi,dando ragione al rivoluzionario Napolitano figura oggi anticostituzionale rosso di vergogna amico e sponsor di banchieri e finanzieri ladroni, di avere fino alle regionali affermato la verità che l'Italia non era messa malissimo nei confronti di altri paesi Europei salvo l'enorme massa del debito pubblicopregresso creato caro paolino 44 dai tuoi amici della DC PCI con i sindacati in epoche ove Napolitano il puro nella monnezza era dirigente e si beccava pure danari dall'URSS per tradire e svendere il nostro paese.Forse ti è sfuggita la situazione che hanno denunciato tantri economisti banchieri politici non con la testa piena di me.....a.ma ragionando e provando che la speculazione interrnazionale gia quattro mesi fa aveva pianificato nei minimi dettagli l'attacco per indebolire l'euro e fare enormi guadagni alle spalle oggi della Grecia e Italia domani Francia Germania altro che il Cav.

    Report

    Rispondi

  • nirva69

    12 Novembre 2011 - 17:05

    Questa è la dittatura: vedere le persone che tu hai scelto per il parlamento non contare nulla nella scelta di un esecutivo che dovrà assumersi l'onere di guidare l'Italia nelle scelte più difficili. Questa è le dittatura: vedere un presidente della repubblica iniziare le consultazioni prima che il premier abbia dato le dimissioni. ORA PIU' CHE MAI BISOGNA FARE INFORMAZIONE e chiarire alla gente che la costituzione (tanto declamata dalla sinistra in questi anni) proprio dalla sinistra viene messa da parte. Bisogna far capire che questi signori tecnici hanno delle idee politiche. Bisogna far capire che ci hanno tolto l'utlima cosa che avevamo: IL DIRITTO DI VOTO. Che dire... preferisco la Giamaica, almeno lì è estate tutto l'anno...

    Report

    Rispondi

  • paolino pierino

    12 Novembre 2011 - 17:05

    Questo presidente reazionario anticostituzionale anti democratico è una vergogna per favorire i comunisti i tanti poteri forti luridi personaggi suoi compari per fare il bello davanti alla feccia dell'Europa quali la culona Merkel il pidocchioso francese Sarkosy il suo amico sinistro Obama color nero di merda è reo di cambiare il governo regolarmente eletto con un colpo di stato immondo.Non passerà caro assassino di tanti giovani Ungheresi ti faremo cambiare idea con le buone o con la piazza che si rivolterà a te e ai tuoi compari di truffe Ogni giorno di piu si mostra quale veramente è' un dittatore nazisovietico ricordi questa ingiusta persona che siede al Quirinale che nessuno lo ha mai votato ma è stato designato al colle da una parte del parlamento la minoranza che la nostra repubblica è parlamentare non presidenziale i dittatori come lui si appendono in piazza per i piedi a testa in giu dopo avergli sparato un colpo di pistola in bocca come Gheddafi e Mussolini Hitler

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog