Cerca

Tutti i nodi dell'esecutivo: partito della patrimoniale contro quello dell'Ici

Il premier Monti pensa a un'imposta progressiva sugli immobili: allo studio c'è l'innalzamento delle rendite catastali. Pdl e Pd divisi

Tutti i nodi dell'esecutivo: partito della patrimoniale contro quello dell'Ici
Non è dato sapere la composizione della squadra, né avere una minima indicazione sui tempi, quanto poi al programma neanche a parlarne, al massimo c’è qualche vago rimando alla famosa lettera della Bce. A oggi gli italiani hanno un’unica certezza: il governo tecnico a guida Mario Monti porterà in dote una bella patrimoniale (peraltro non richiesta perché nella missiva di Draghi e Trichet non ve n’era traccia). La vuole la sinistra, la sostiene il Terzo Polo e non sembra che il Pdl abbia la forza per opporsi. Insomma, il dado è tratto, non ci resta che cercare di capire quali sono le ipotesi allo studio.

Ieri Libero ha pubblicato il documento presentato dalla Fondazione dei commercialisti al Senato che percorreva una doppia strada: un contributo strutturale dell’1 per mille sulle ricchezze superiori al milione di euro e una “una tantum” del 2% dal 2012 al 2014 su tutte le ricchezze.  Si può prendere il pacchetto completo o solo una parte, ma comunque sarebbe una stangata mica di ridere. Nel calderone del patrimonio tassabile ci sarebbe di tutto: dai conti correnti ai depositi bancari e postali, dai fondi di investimento fino ad azioni, obbligazioni, le auto con una potenza superiore a 225 Kw e gli yacht.

Ma è solo una delle opzioni in campo. Perché nelle ultime ore ha preso corpo un dossier che ci porta dritti dritti nel cuore del sistema fiscale francese. Nel corso del colloquio con Berlusconi, infatti, Monti avrebbe  parlato esplicitamente della necessità di introdurre una patrimoniale, facendo capire che il punto di partenza sarebbe proprio l’imposta di solidarietà (ISF) transalpina. Un balzello progressivo che avrebbe il vantaggio di chiedere di più, in modo graduale, a chi più possiede. A oggi funziona così: l’aliquota parte dallo 0,55% sulle ricchezze che vanno da 800mila euro al milione 300mila e arriva scaglione dopo scaglione (sono illustrati nella tabella) all’1,80% quando si superano i 16 milioni. Certo. Ma come calcolo il mio patrimonio? Ci sono gli immobili (edificati e non), i beni detenuti in usufrutto, le liquidità (conti correnti), gli investimenti finanziari ma anche i mobili, le auto, gli aerei e le imbarcazioni private fino ad arrivare a cavalli da corsa, gioielli, oro e metalli preziosi. Non concorrono, invece, alcuni beni strumentali (per esempio le imprese individuali di cui il contribuente è a capo), i titoli oggetto di un patto collettivo di conservazione e quelli alla sottoscrizione del capitale di piccole e medie imprese.  Il tutto è certificato da una dichiarazione annuale sul valore netto dei beni (anche quelli all’estero) al 1° gennaio dell’anno d’imposta. 

Occhio, però. Perché gli stessi francesi stanno facendo un passo indietro. Del resto la patrimoniale progressiva è stata sempre vista come un’eccezione tutta transalpina che rischiava di penalizzare  la capacità attrattiva d’Oltralpe. Et voilà: dal 2012 diventa tutto più semplice e le aliquote passeranno a due, quella dello 0,25% per le ricchezze da 1 milione e 300 mila euro a 3 milioni e l’altra dello 0,50% quando si va oltre.  Del resto, è stata la spiegazione, i patrimoni oggi rendono assai meno e aliquote che raggiungono l’1,80% assumono sempre più un carattere confiscatorio.

E in Italia? Tutto dipende da percentuali e soglie che Monti intende adottare. Ma considerando le cifre in ballo non c’è da essere molto ottimisti. Si parla, per esempio, di rivedere  il valore delle rendite catastali: a oggi mediamente rappresentano il 30% del valore di mercato degli immobili e l’obiettivo sarebbe di arrivare fino al 50%. Poi c’è la possibile reintroduzione dell’Ici. Secondo le risposte che  il ministro uscente dell’Economia Giulio Tremonti ha dato alle 39 domande dell’Ue porterebbe nelle casse dello Stato un gettito di circa 3,5 mld di euro.  Si può fare anche subito.  Sarebbe possibile grazie al decreto legislativo sul federalismo approvato dal Consiglio dei ministri il 24 ottobre. Piangerà il mattone, dunque, e con esso l’80% e passa di italiani proprietari di casa.

 di Tobia De Stefano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vgrossi

    15 Novembre 2011 - 09:09

    ... sui finanzieri d' assalto a Wall Street. Nessuno fa giochetti del genere, contando su quel che faranno altri, e soprattutto di esser capace di farglielo fare, e mettendoci il PROPRIO denaro, e VERO, oggi. Il fatto è semplicissimo, altro che "speculatori" e "squali della finanza" : se si dubita che un bond venga rimborsato a scadenza ed al prezzo facciale, si chiede un utile supplementare e CERTO per il rischio che si corre, insomma un rendimento più alto. Più forte è il dubbio, più elevato è il rendimento richiesto. E sotto queste cose c'è una matematica ben precisa, i prezzi non si fanno a casaccio : intendo dire che un bond da 100 nominale ha un prezzo ben preciso in funzione della probabilità di default. Se la probabilità sale, lo yield sale, e viceversa. I mercati sono un posto TRASPARENTE nessuno è tanto idiota di rischiare soldi veri e suoi per ipotesi da film, credimi. Ma allora chi guadagna e chi perde ? guadagna chi sa PREVEDERE l' andamento dei prezzi, la fortuna dura poc

    Report

    Rispondi

  • Armadillo

    15 Novembre 2011 - 08:08

    che ha fatto il Berlusca e proprio per questo la sinistra vorrebbe reintrodurre quell'odiosa tassa che colpisce indistintamente poveri e ricchi. Allora meglio una patrimoniale ben strutturata che vada a incidere in maniera selettiva. Naturalmente solo dopo aver tagliato i parassiti della politica e della burocrazia.

    Report

    Rispondi

  • tsfulvio

    15 Novembre 2011 - 08:08

    Nè una nè l'altra . In un Paese stratassato pensi piuttosto a tagliare gli sprechi : le pensioni ed i vitalizi regalati, può anche tagliare del 50,-% gli stipendi dei dirigenti della Banca d'Italia tanto con il resto ed i privilegi che hanno arrivano sicuramente alla quarta settimana del mese. Per non parlare dei parlamentari . . .

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    15 Novembre 2011 - 07:07

    Almeno da parte del CDX. Hanno voluto la bici ? Che pedalino ! Troppo comodo tirare il sasso e nascondere la mano. Del resto, il pluri remunerato prof. Monti, presidente della Bocconi, CdA della coca cola Co., ex della Goldman Sachs, editorialista del Corsera e certo altri incarichi, ora che ha anche ottenuto il contentino di una senatorialità a vita (25mila cocuzze al mese) se fallirà, e fallirà perché le uniche cose che potrà fare sarà di tagliare spese ed aumentare imposte e tasse, sarà sempre ed esclusivamente per sue responsabilità, cacciato in questo pantano dalla politica sfascista di PD, IDV, terzo polo, PdR e sindacati. Quindi PDL e Lega non devono, nella maniera più assoluta condividere quella che sarà comunque una disfatta. Berlusconi ha avuto ed ha grosse responsabilità ma fare esattamente quello che gli si rimproverava di fare o voler fare è il massimo dell'ipocrisia. Quindi, prendano, pesino e vadano a giocare sul loro campo, vedremo quali miracoli sapranno fare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog