Cerca

La Camusso: "Subito la patrimoniale, no all'Ici"

La leader Cgil: "Tassare le grandi ricchezze e le seconde case, non le prime. Nel governo non solo uomini o milanesi"

11
La Camusso: "Subito la patrimoniale, no all'Ici"
A Mario Monti non piace essere tirato per la giacchetta, ma Susanna Camusso ci prova lo stesso. Il segretario della Cgil prova già a dettare l'agenda al nuovo premier ancora alle prese con qualche impasse su formazione della squadra di governo e, soprattutto, programmi. E qui gioca la Camusso: patrimoniale, ora. "Al presidente Monti sottolineeremo che le ricette finora presentate non sono utili e ascolteremo cosa ci dirà - ha spiegato a Palermo la leader del sindacato di sinistra -. L'Italia ha bisogno di un'altra politica economica che si basi sull'equità sociale e bisogna partire dalla redistribuzione fiscale, da una patrimoniale sulle grandi ricchezze". Non solo. " Oltre che una patrimoniale sulle grandi ricchezze, pensiamo che il governo debba agire sulle rendite finanziarie e sui grandi immobili e le seconde case". Sbagliato, invece, parlare di Ici: "Se la mettono sulla prima casa si parte maluccio", avverte a chiare lettere la Camusso, che poi inserisce anche un altro veto: "Ai governi tecnici, ai governi d'emergenza, ai governi su Marte diciamo che l'articolo 18 noi non lo cancelleremo mai perché è una legge a scopo deterrente". Per finire, la Camusso mette becco anche sul colore del nuovo esecutivo: "Non mi esprimo sui nomi, certo sarebbe estremamente negativo avere un governo di soli uomini e di soli uomini della cintura milanese". Più che quote rosa, quote rosse.




Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frank-rm

    14 Novembre 2011 - 18:06

    La Camusso ha invocato il ritorno alle urne, come lo hanno fatto Ferrara, Belpietro e Sallusti. Quale la differenza se la stessa richiesta è fatta dalla Camusso o dal trio dei giornalisti?

    Report

    Rispondi

  • gpaololeandro

    14 Novembre 2011 - 17:05

    Idee chiare e propositi sicuri quelli del segretario della Cgil,la gentile signora Camusso.Con le sue proposte sicuramente la voragine del debito pubblico italiano sarebbe colmato e tutti ci saremo levati un bel pensiero.Peccato che al solito faccia riferimento al ricorrente e trito sproloquio demagogico sulla istituzione di una pesante patrimoniale sulle grandi ricchezze.Come se poi una misura del genere risolvesse in modo incisivo la crisi finanziaria e non fosse invece causa di un rimbalzo assolutamente negativo sullo scenario economico.Il fiscalismo eccessivo non ha mai prodotto ricchezza nazionale ma è sempre e solo servito a colmare di volta in volta i grandi buchi causati dalla insipienza ed incacapacità a gestire la finanza pubblica.Sono ben altri i settori su cui intervenire,evitando sprechi e privilegi,armonizzando strutture ed interventi.E si sa quali sono. E se proprio proprio ci tiene,in uno slancio generoso estenda la patrimoniale anche...alle organizzazioni sindacali!

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    14 Novembre 2011 - 17:05

    forse non lo hai capito se il berlusconismo come dite voi è finito ora il comunismo è finito 20 anni fa. non ho fiducia in supermario ma al momento non esiste alternativa comunque presto al voto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media