Cerca

"Devo governare fino al 2013"

Le condizioni di Monti: "No a limiti di tempo, preferirei ministr politici, è indispensabile l'appoggio. Sacrifici, no lacrime e sangue"

"Devo governare fino al 2013"
Governo fino al 2013 e sacrifici, anche senza lacrime e sangue. Dopo giornate di condizioni poste dai politici, è il premier designato Mario Monti, adesso, a mettere le sue, di condizioni. Anche senza l'appoggio dei partiti. Ma se Pdl, Pd, Udc gli metteranno i bastoni tra le ruote il professore potrebbe perfino lasciare. Lo ha detto lunedì sera, senza troppi giri di parole, davanti alle telecamere. Il nodo, per ora, è la partecipazione di Alfano, Bersani e Casini all'esecutivo. Monti preferirebbe che entrassero "ai massimi livelli", da ministri, per garantirsi una seria 'camera di compensazione' tra Palazzo Chigi e Parlamento e una sorta di 'polizza' sulla vita del governo. "E' un desiderio, ma non drammatizzerei", spiega in conferenza stampa, perché la presenza di un segretario "non è indispensabile". "E' indispensabile invece un convinto appoggio" al governo. Convinto appoggio significa anche nessun vincolo temporale o data di scadenza: "La predeterminazione della durata toglierebbe credibilità al governo" e "non accetterei una definizione temporale", ammonisce Monti che si pone come obiettivo la "fine della legislatura". Anzi, molte delle misure - spiega - avranno effetti che andranno al di là del 2013 perché parte dei provvedimenti saranno strutturali. E porteranno a "sacrifici", ma non a "lacrime e sangue", termine che preferisce non usare. Quel che è certo è che serviranno misure "impopolari". Ed è proprio questo che spaventa maggiormente i partiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • parigiocara

    15 Novembre 2011 - 16:04

    e con il voto di quale elettore ??? si è appena insediato e già sta pregustando tutti i privilegi ..... senta, faccia quello che deve e tolga il disturbo . se poi napolitano vuole incaricarla di qualcosa, padronissimo, ma a casa sua. e per fortuna anche il settennato sta per scadere .... dopo Cossiga i presidenti della Repubblica non sono stati più quelli che la Nazione si aspettava ..

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    15 Novembre 2011 - 10:10

    Non te lo ha chiesto nessun cittadino elettore! Per quello ci sono gli eletti con la maggioranza! Vallo a dire al compagno-presidente che non lo ha ancora capito e torna alla tua burocrazia. Sgomma!!

    Report

    Rispondi

blog