Cerca

Amato oltre tecnici e politici: "Sono un ermafrodita"

Il dottor Sottile sente odor di poltrona nel governo Monti. Il centrodestra è contrario a parole, ma nei salotti... E lui ne approfitta

Amato oltre tecnici e politici: "Sono un ermafrodita"
Del governo che sta per nascere giura di «non sapere nulla». Quanto al suo ruolo, se  tecnico o politico dice di  sentirsi «un ermafrodita». Insomma il dottor Sottile, all’anagrafe della politica dei politici senza tempo Giuliano Amato, è tornato ed ha ritrovato la verve di un tempo. A rinfrancare il candidato a tutte le poltrone del governo Monti, devono essere state le uscite di alcuni esponenti della maggioranza che hanno deciso di appoggiare la sua candidatura, replicando lo schema adottato per il governo tecnico. Tutti contrari a parole, convinti sostenitori nei salotti, e non solo della conventicola politica.

A dare il là a questo  ribaltamento di prospettiva è stato il ministro uscente della difesa Ignazio La Russa, seguito a ruota dal collega per l’Attuazione del programma, Gianfranco Rotondi. «Non è un problema di nomi. Amato è una persona per bene, quindi non credo che ci sia un problema su di lui».  Nessun problema quindi se diventasse ministro? «Ma sì...», risponde sorridendo il coordinatore del Pdl. Sintonia, al limite della furbesca accondiscendenza, la fa registrare Rotondi: «Mi associo all’apprezzamento di La Russa per Amato», dice l’ex ministro, «a prescindere dal mio dissenso per questa operazione politica, considero la presenza di Amato al governo un elemento rassicurante». E dire che sino a ieri la presenza del dottor Sottile all’interno del nuovo esecutivo veniva considerata un ostacolo insormontabile. Le trattative delle ultime 24-36 ore devono aver indotto tutti a più miti consigli.

Persino Clemente Mastella si ritrova dalla parte del dottor Sottile. «In questo momento, da esterno alle vicende della politica italiana ma con un’esperienza parlamentare più che trentennale, mi permetto un suggerimento», dice l’ex ministro della Giustizia, voglioso di tornare in pista, «due autentici fuoriclasse come Gianni Letta e Giuliano Amato non potrebbero che giovare al governo che, mi auguro, il presidente incaricato riuscirà presto a formare». Ultimamente i desideri tendono a diventare realtà.

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    15 Novembre 2011 - 16:04

    Non lo sò se sia un vecchio ermafrodita, e comunque a me piaccione le donne vere e non vecchie. Quello che sò per certo invece è che Amato è stato un ladro. Mi ha rubato dei soldi dal c/c con la scusa che doveva sanare il bilancio statale. Ma il bilancio dello schifo statale, così come lo schifo statale di oggi, non lo si doveva sanare, lo si doveva SOLO RIPULIRE. Lo si doveva ripulire dagli enormi sprechi di una amministrazione spezzettata per decenni che con centinaia di enti doppi ed inutili costava un'enormità. Invece Amato, da politico, ha salvato gli sprechi statali perchè sono un utile in tasca ai politici, non ha tagliato alcuno spreco, ED HA RUBATO SOLDI A ME ED A TUTTI GLI ALTRI CITTADINI. Quindi di Amato sò poco, ma sò quanto serve e quanto basta.

    Report

    Rispondi

  • libero

    15 Novembre 2011 - 14:02

    siamo proprio mal ridotti se dobbiamo raschiare sul fomdo dei feretri per riesumarne le salme;possibile che l'elenco in dotazione debba fornire solo prodotti scaduti e avariati?Per quale arcano motivo, dal mulinet della politica,gira e rigira riemergono sempre le stesse facce?Spero che prima o poi si cambi questo andazzo,perche' diversamente ci ritroveremmo al governoAndreotti,De Mita,Cirino Pomicino e non solo:sembrano tutti li a spingersi a gomitate per raggiungere la prima fila per scattare alla prima occasione ad occupare la seggiola,

    Report

    Rispondi

  • morenoanna_1950libero.it

    15 Novembre 2011 - 14:02

    sicuramente un ladro di professione sarebbe piu onesto del ratto nella foto, maledetti furfanti

    Report

    Rispondi

  • Vito la Civita

    15 Novembre 2011 - 14:02

    Se il Cavaliere non si oppone per la nomina di topo gigi,non avrà più da parte della mia famiglia e conoscenti i nostri voti.Non gli bastano i trentamila euro mensili?Cacciatelo a calci nel lato B.Ricordatevi che durante mani pulite rinnegò il segretario del suo partito!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog