Cerca

Cronaca minuto per minuto: eccovi il golpe postmoderno

Elezioni negate senza dirci perché, Silvio uscito di scena per un ricatto Ue, i politici con Monti saranno solo comparse. Facci

Cronaca minuto per minuto: eccovi il golpe postmoderno
Resta un golpe postmoderno, perché ci sono dei fatti che sono incontrovertibili.
 
1) Non è ancora chiaro, alla fine, perché l’impossibilità di andare a votare sia valsa per noi e non per la Spagna, che pure è passata da un annuncio di dimissioni con successive e fisiologiche e democratiche elezioni anticipate: saranno tra una settimana. Nei fatti, alcuni organismi internazionali e alcuni capi di stato stranieri ci hanno proibito di andare a votare. Nei fatti, la speculazione internazionale è rivolta solo contro di noi.

2) Il prossimo governo Monti è un commissariamento  della politica e della democrazia italiana, oltretutto imperniato su un ricatto: se non si avesse incondizionatamente accettato un suo dicastero - lo raccontava Libero di domenica, che attribuiva l’intimazione al commissario europeo Herman Van Rompuy - diverse banche cinesi e anglosassoni erano pronte a immettere sul mercato miliardi di Btp (titoli di Stato italiani) facendo schizzare gli spread lungo una strada senza ritorno. La sostanza è che dovevamo accettare un governo Monti senza neppure conoscere che cosa volesse e voglia realmente fare.

3) La fiducia data dal Parlamento è stata sostituita dalla fiducia data dalla Banca centrale e dal Fondo monetario e dai famosi mercati. L’indice di gradimento è lo spread, la schiuma ne sono le varie telefonate di alcuni leader mondiali a Giorgio Napolitano. Il fatto che un gradimento parlamentare sia comunque e formalmente necessario (ci mancherebbe altro) appare ingannevole, perché l’emiciclo è chiuso all’angolo e non è nelle condizioni politiche e psicologiche per negare alcun appoggio. Sarà comunque, tra vari borbottii, una fiducia al buio. Non fossero esempi cretini, verrebbe da dire che più di un dittatore novecentesco ascese al potere con appoggi parlamentari giustificati dall’emergenza.   

4) In questa fase, il Parlamento è divenuto una sorta di definitivo ostacolo, di intoppo, una pastoia burocratica come parimenti sembrava considerarlo, a tratti, anche Silvio Berlusconi: ma è Mario Monti ad aver ottenuto la risoluzione del problema. L’adesione al neo-governo di eventuali «politici», rigorosamente su invito, ha tutta l’aria dell’ennesima copertura formale la cui pre-condizione è che i medesimi non incidano realmente sulla gestione monocratica del programma di riforme decise da un uomo solo. Bene che vada, eventuali ministri di destra-sinistra-centro si annullerebbero a vicenda. 

5) Siamo al completamento di una Repubblica presidenziale sottotraccia, al «governo del Presidente» come già tentato a suo tempo da Oscar Luigi Scalfaro. Una differenza è che Giorgio Napolitano in pratica ha designato Mario Monti ancora con un legittimo governo in carica (neppure sfiduciato) e ricevendo il simultaneo e fondamentale gradimento di leader e organismi stranieri: e questo non si era mai visto. Il piglio decisionale di Napolitano nasce dalla presunzione che il governo non avrebbe dato seguito alla legge di stabilità che pure ha approvato: ma questa presunzione, senza gli input e le impazienze d’oltreconfine, non sarebbe certo bastata al mite Giorgio Napolitano perché intimasse le dimissioni di Berlusconi.

6) Se è vero che l’intero residuo di legislatura rimarrebbe commissariato da un governo monocratico e dedito anche a cambiare la legge elettorale o addirittura la Costituzione - questo si apprende -  l’espressione «golpe postmoderno» torna più attuale che mai, sorry.

7) Alla comunità internazionale non importa nulla dell’intrinseca risoluzione dei nostri problemi storici o acquisiti: non dell’aumentata disuguaglianza sociale, delle nuove sacche di povertà, della disoccupazione o del diminuito potere d’acquisto. Importa solo, a costoro, del pareggio di bilancio, dell’appeal mercatista e, diversamente per ciascun leader, della risoluzione di propri problemi interni. Vera protagonista di ciò che realmente accade non è la nostra politica, ma la loro.

di Filippo Facci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • xindicativo

    16 Novembre 2011 - 16:04

    . Prima te la porti in casa l’”europa” perché ti senti provinciale poi scopri quando vai da loro che si funziona meglio, il nord europa…..però non sai perché sono così bravi sti francesi,tedeschi,inglesi, svedesi, pure spagnoli e portoghesi; perché vengono dalla scuola del colonialismo che non hanno mai smesso di frequentare. Il che brutalmente significa imparato a sfruttare di tutto e di più di un “popolo sotto tutela” anche dopo morto , capito perché starebbero un pochino meglio di noi che per inciso abbiamo fatto autostrade alla Libia e poi cacciati a casa , contrattino con Gheddafi per il gas almeno quello e il bastardello d’oltralpe ci ha scippato l’imprimaturino . Anche il multipolpettone Usa ha sempre capito ed applicato , con le buone sic . o con le cattive la regoletta che per economia d’esercizio chiameremo democrazia. E siccome non siete tutti stupidi né insensibili , con questa nostra bella e strombazzata unità nazionale , avrete suppongo già predisposto ed individuato coloro che combatteranno per disarmare lo spread -done di Brenno ? O no ?

    Report

    Rispondi

  • xindicativo

    16 Novembre 2011 - 16:04

    Chi è contento alzi la manina , dove vai a costruire sbocchi di futuri sostenibili e remunerativi se respiriamo più pm10 che ossigeno , più evo antico che rinascimento, se il senso di gratitudine al meglio è misconosciuto, se un emigrato a casa sua gli tagliano la testa per un nonnulla e da noi impara il peggio del peggio ; hai capito sinistra dei falsi problemi perché aumentano i burqa e spariscono i crocifix ? Finti tolleranti solidali in finte chiese sconsacrate , preti dell’8 per 1000, oratori più sguaiati di bordelli , maleducazione alle stelle come il cancro che avanza, salute cara da sceicchi , il mare è caro e sporco, la montagna non ha più ghiacciai ne aria pulita , invasa da deficenti chiassoni stressati , da donne schizofreniche mascoline dentro e bastarde.

    Report

    Rispondi

  • xindicativo

    16 Novembre 2011 - 16:04

    Terzo, un comunista al colle , autentiche facce di merda come di pietro, bocchino, fini , rutelli, pierferdi, santoro, floris, gruber,scalfaro , de magistris, rappresentano pacchia e manna per qualsivoglia nefandezza contro natura logica e bisogno. In presenza di necessità per difendere la “casa” , se aspetti che questi ti aiutino, il meglio dell’Italia tutta può finire solo o sul Golgota o a piazzale Loreto , in galera o sotto terra.Quarto, adesso con la Lega dell’ictus , la partite iva son “partite” in altre faccende affaccendate del tipo Equitalia beach , allo sbando , innovando poco , studiando meno, de localizzando più per l’illusione di trombare a buon mercato , coi fuoristrada d’ arroganza vestuta , coi ragionamenti da colonialisti al netto di congiuntivi , lontani anni luce da pollami, albero degli zoccoli, tornio, turni e via andando : pazzi scatenati su furgoni , camion , nel roller ball delle tangenziali da paura , guerre da schizzati dove il giovedì è già week end se no collassano ….pelati obesi a 30 anni , giovani vecchi rigenerati con aiutini, infelici più ancora dei papponi figli che “studiano” da sinistri per almeno intercettare l’onda della “specializzazione statalista” , e farsi almeno notare per spaccare qualche testa, rompere qualche vetrina, bruciare qualche auto per il sollazzo di reporter , bazzicume nell’emisfero che tira e rende….

    Report

    Rispondi

  • xindicativo

    16 Novembre 2011 - 16:04

    Concludendo quindi , dott. Facci , primum vivere deinde philosophari ....Secondo: la modernità della proposta e soluzione strumento" Lega" era la chiave interpretativa per modernizzare l'Italia senza la violenza dei diktat , con esercizio virtuoso ed abitudine buone da imparare , con democrazia ,.ma , niente assoluto.. ..second , le anime belle e parassite del crepi Sansone coi filistei han preferito attivare le loro mafie in primis magistratura, radical comunist scic-industrial giornalism, coi mestieranti delle piazze, i pazzi di Collegno con le statuette, impuniti logicamente, coi dineri dei cittadini piuttosto che lasciar a Silvio la possibility di una soft rivoluzioncina liberal all'acquetta di rose ..( avete mai percepito cosa significhi dittatore tipo sud America, o buana Africano al soldo multinazionale ? ai dissidenti questi fanno stragi di massa per 20-30 generazioni facendo sparire anche la memoria ai microbi della zona ) .i garantitoni da comunismo compulsivo in cachemirino ed orticello di proprietà , rigorosamente privata, con piglio anglo-british e tesserina tattica cgl-fiom in salsa style Colannino-Marcegaglia, cioè mai lavorato , cioè con sana nighittosa recalcitrante idiosincrasia al sudore-labor ....fighetti dagli spropositati poteri, burattini dell’ ingorda famelica finanza malata debosciata e assassina…., coi loro papi-mami più prosaicamente e meno eticamente a impattare con schifezze e diavoli ovunque , risorse di dinero …coi rampolli in giro a rompere coglioni invece che a sportiveggiare in località amene , trombando salutisticamente per prevenire l’aspetto da foruncolosi incarogniti infelici malaticci.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog