Cerca

Giovedì la fiducia al Senato. Venerdì alla Camera: il Cav prepara un intervento

Tappe forzate per il nuovo governo Monti. Berlusconi in aula vuole spiegare la linea del Pdl

Giovedì la fiducia al Senato. Venerdì alla Camera: il Cav prepara un intervento
Habemus Monti: il nuovo esecutivo ha giurato alle 17 nel Salone delle feste del Quirinale. Ma il percorso a tappe serrate non è affatto terminato. Subito il primo Consiglio dei ministri presieduto dal professore, terminato intorno alle 20.10. Nella nota diffusa da Palazzo Chigi, si legge che il Consiglio ha collegialmente condiviso la scelta del Presidente Monti e che il sottosegretario Catricalà ha prestato giuramento ed assunto immediatamente le proprie funzioni. Poi è stata la volta del conferimento degli incarichi ai ministri senza portafoglio: Monti, sentito il Consiglio, ha conferito i seguenti incarichi: Enzo Moavero Milanesi, gli Affari europei; Piero Gnudi, il Turismo e lo Sport; Fabrizio Barca, la Coesione territoriale; Piero Giarda, i Rapporti con il Parlamento; Andrea Riccardi, la Cooperazione internazionale e l'integrazione. Il neo-premier Monti ha poi sentitamente ringraziato Napolitano.

Agenda fittissima - Ma anche giovedì si preannuncia una lunghissima giornata per il presidente del Consiglio. L'agenda stabilita dalla capigruppo parla chiaro: il Professore parlerà a Palazzo Madama dalle 13 alle 13.30, poi ci sarà una sospensione di 30 minuti nel corso della quale si recherà alla Camera in cui consegnerà e integrerà il testo delle sue dichiarazioni. Quindi, dalle 14 alle 18, si terrà in Senato la discussione generale: la replica di Monti è calendarizzata per le 18.30. Alle 19, seguite in diretta televisiva, si terranno le dichiarazioni di voto, e dalle 20.30 la "chiama" dei senatori che voteranno la prima fiducia del nuovo esecutivo, che si dovrebbe concludere intorno alle 21.30

L'intervento di Berlusconi - Il voto di fiducia alla Camera invece è previsto per venerdì. Secondo alcune fonti del Pdl, Silvio Berlusconi è intenzionato a parlare in Parlamento per sostenere la linea del partito nel corso del dibattito sulla fiducia al nuovo governo. In queste ore il Cavaliere starebbe preparando, insieme ai suoi più stretti collaboratori riuniti a Palazzo Grazioni, i punti del suo intervento. Intanto il Cav un primo incontro con Monti lo ha avuto, per il rituale passaggio della campanella che suona a inizio e fine del Consiglio dei ministri. "Auguri e in bocca al lupo", ha detto il premier uscente a quello che ha da poco giurato al Quirinale. La scampanellata del nuovo presidente del consiglio è stata accolta da un lungo applauso, al pari del saluto tra Gianni Letta e Antonio Catricalà, nuovo sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Masquart

    16 Dicembre 2011 - 14:02

    Berlusconi ha trovato la foglia di fico: non ha fatto l'atteso intervento per spiegare il voto del PdL, lasciando l'ingrato compito a Cicchitto, alla destra del quale sedeva semimummificato. Che squallore, che tristezza, vedere l'ignobile epilogo di un'avventura politica nella quale avevo riposto tanta fiducia! Riconoscere che il PdL avrebbe fatto le stesse cose di Monti, rimangiarsi l'UNICA riforma fatta (abolizione dell'ICI), ritrovarsi insieme a Casini, Fini e Napolitano, alla ballerina di fila Carlucci ed altri miserabili conquistati giorni fa da Cirino Pomicino (?!) Naturalmente il PdL non avrà mai più il mio voto. Ed io sono uomo di parola. Complimenti a Libero ed al Direttore Belpietro: continuate così.

    Report

    Rispondi

  • jethrotull

    17 Novembre 2011 - 08:08

    ...e speriamo che Riccardi non significhi assistenzialismo cieco: dopo anni e anni ne facciamo volentieri a meno

    Report

    Rispondi

  • campcl

    17 Novembre 2011 - 02:02

    Di Berlusca possiamo dire tutto ma, era il minor male, questo "passaggio" ha confermato chi veramente conta e quale è la verità sul "collasso" economico italiano. Cittadini sveglia, siamo arrivati alla frutta!! Sono riusciti, i veri poteri forti, a levarci l'ultima speranza che ci rimaneva, la "liberta". Ora siamo veramente al collasso. Non siamo noi che non siamo in grado di produrre, siamo il popolo più abile di questa terra, ma siamo "burattinati" da persone che del sovrano popolo se ne fottono, ci hanno ridotto a diventare schiavi e non più liberi nella nostra terra!! FORZA ITALIA E FORZA ITALIANI, NON CI FACCIAMO FOTT..... DA QUESTI MISERABILI, INCALLITI, SANGUISUGHE!!

    Report

    Rispondi

  • liviel

    16 Novembre 2011 - 21:09

    la carfagna è ormai vecchia.... ma monti dorme assuefatto dai possibili voti a scuola della ragazzina invece di pensare al suo sedere...ma che premier ci hanno messo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog