Cerca

Lo spettro di Prodi su Monti Governo puzza di Mortadella

Molti ministri del nuovo esecutivo sono vicini al professore: dal suo successore all'Iri Gnudi al suo legale Paola Severino

14
Lo spettro di Prodi su Monti Governo puzza di Mortadella
Il governo dei secchioni, il governo dei professori, il governo-consiglio di facoltà. E' stato definito in mille modo il nuovo esecutivo formato esclusivamente da tecnici. Ma andando dietro i nomi e leggendo bene tra le righe dei curricula dei nuovi ministri, ci si accorge che c'è dell'altro. Più si scorre l'elenco dei nomi e più si materializza l'ombra (ingombrante) di Romano Prodi, più si fa forte l'odore di Mortadella.  Il professor Romano Prodi  è presente come uno spettro molti "link" rinviano a lui. A opartire da Piero Gnudi, il neo ministro del Turismo a cui Romano ha lasciato la poltrona dell'Iri, e Paola Severino, la super-toga che lo difese nel processo per la vendita Cirio. E poi il professor Piero Giarda, sottosegretario di Prodi. Altri nomi non portando direttamente a Prodi ma ci arrivano attraverso strade più tortuose: Renato Balduzzi, per esempio. Il neoministro della Salute è un fedelissimo di Rosy Bindi.


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lyon66

    17 Novembre 2011 - 19:07

    Ma sti rimbabarimba non sanno che, ormai da anni, il mitico Feltri è stato sostituito da Belpietro (grande anche lui)....? Bello vedere i compagnuzzi in crisi d' identità invidiosetti girare per le ns. testate e commentare. Grandioso, diritto alla cultura e voglia di vera informazione, mica baubau micio micio come al Fatto, L' Unità, RCS o Repubblica e i vari sottoprodotti che non meritano neanche menzione. Questi nuovi lettori sono, a mio parere, raggruppabili in tre categorie: la prima - i disturbatori alla Paolini - ridicoli e patetici, nonchè insulsi perchè se non disturbano neanche li si fuma, la seconda - quelli del vorrei ma non posso - per radici/cultura, amici e colleghi la terza - quelli che cominciano, insultando, per darsi un tono, ad avvicinarsi alla realtà, al futuro e alla concretezza.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    17 Novembre 2011 - 17:05

    Io proseguo e perpetuo la religione dei mie avi, i quali portavano sullo scudo una grande croce rossa e combattevano chi come lei abiurava la fede cristiana e la perseguitava. Stia fra i suoi pidocchi e frequenti chi vuole, che io già lo faccio e non mi mischio con gentucola come lei.

    Report

    Rispondi

  • VFeltri

    17 Novembre 2011 - 16:04

    guardi che se le fiamme gialle fanno un passaggio qualcosa di losco lo troavano, ci vada piano con l'evasione ;-)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media