Cerca

I manifesti, la piazza e la tv: Silvio è in campagna elettorale

Il Cav annuncia la nascita di una web tv, organizza il congresso del Pdl e mobilita la piazza. In Aula pace armata con Monti

I manifesti, la piazza e la tv: Silvio è  in campagna elettorale
L'aveva annunciato nel suo ultimo discorso da premier: "Io raddoppio l'impegno". Ed eccolo qui, di nuovo in campo per niente intenzionato a mollare. Ricomincia dal partito, Silvio. E lo fa nel suo stile. Così, fallita la tv di Massimo D'Alema a Palazzo Grazioli (Red Tv), ci riprova lui. E certo il Cavaliere, ha tutte le carte in regola per trasformare l'idea naufragata del 'baffetto' in un vero e proprio successo. Così annuncia: "Ci riprenderemo gli spazi che erano della tv di D'Alema, Red tv, e lanceremo una nostra televisione". Sia Berlusconi che Alfano hanno insistito molto, durante la riunione del gruppo alla Camera, sulla necessità di sfruttare "le potenzialità di internet".

Ma la tv è solo il primo tassello di una strategia ben più articolata. L'Italia sta per essere tappezzata da un milione di manifesti con la scritta "Io raddoppio il mio impegno". Il congresso nazionale del Pdl che ieri sera ha preannunciato alla ruiunione del gruppo a Montecitorio sarà uno spartiacque, da indiscrezioni si scopre che Belrusconi ha affidato a una società di consulenza internet di lanciare una campagna elettorale in stile Obama. Il quartier generale sarà proprio la sede dell'ex tv di D'Alema a Palazzo Grazioli. A dicembre poi la grande manifestazione di piazza. Il sogno di Silvio? Due milioni di persone in piazza sotto lo slogan "la marcia della liberà". Vuole rivedere lo spirito e l'entusiasmo del 1994.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudionebridio

    19 Novembre 2011 - 01:01

    L'acqua va scaldata lentamente, per eliminare gradualmente le tossine accumulate: immagine politicamente appannata dai media "progressisti" e dalle colpe effettive del bunga bunga. Riprendere certi dialoghi basati su indirizzi chiari: l'ultralaicismo massonico non puo' andare d'accordo con chi si appoggia a valori etici millenari (niente radical-femminismo abortista e famiglie omosex). Portare attacchi diretti e precisi non all'Europa in se, ma alle lobbies che la gestiscono e che cercano di corrompere principi etici e morali e distruggere la famiglia monogamica in nome della globalizzazione mercantilista e della corruzione neo-malthusuana e sessantottina (ossia, fuori Fini e i Radicali). Attaccare duramente, continuamente, senza inutile diplomazia chi ha gettato discredito sull'Italia, sia dall'interno (Sinistra improponibile) che dall'esterno: professori europei che danno lezioni pur essendo essi la causa dei disastri economici per cattiva gestione politica ( Germ e Fran.)

    Report

    Rispondi

  • freia66

    19 Novembre 2011 - 00:12

    ergo......lei sta a destra ed è un fascista...i sillogismi non sono il suo forte...le consiglio un bel ripasso di Aristotele...... a me non mi hanno pescata da nessun mazzo, la sua risposta manca di basi.....chi si oppone al governo "del non-FARE" è per forza comunista ? dal SUO amato premier promesse tante ...fatti zero....è proprio sicuro che io in passato non abbia votato Berlusconi e ne sia rimasta delusa, amareggiata.....Ma si sa lei al grande dono della divinazione , è l'unico possessore della verità assoluta o è semplicemente uno che parla a vanvera !!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    18 Novembre 2011 - 23:11

    Quando si è fascisti non bisogna vergognarsi, come fa Fini, di dichiararlo. Io avevo letto tra le righe oltre quello che lei credeva di voler dire. Forse non si riferiva al premier ma nel suo subconscio era quello che le dava fastidio. Un fascista duro e puro non può tollerare che il simbolo del rinascimento della destra(non liberale) si comporti in modo liberticida. Lei è un bacchettone che elenca una serie di fatti gravi e che vanno combattuti con le armi del garantismo e della ragione. Io non saprò leggere in italiano o forse lo avrò disimparato nel mio peregrinare per lavoro. Ma in altri Paesi ho imparato a capire cos'è il rispetto di tutti gli altri esseri viventi(compresi gli animali domestici e quelli selvatici) e soprattutto cosa è la tolleranza ed il rispetto per gli altri esseri umani. Ricordo ad imafhu i B.o.B. quei gentiluomini che andavano ad incendiare i supermercati Standa perché di proprietà del biscione. Una battaglia figlia del tanto peggio tanto meglio!

    Report

    Rispondi

  • clintock

    18 Novembre 2011 - 23:11

    Il cavaliere è pazzo e lo dice uno che l'ha votato e che continuerà a votarlo fino a che si presenterà alle elezioni (Non dimentichiamoci che l'alternativa sono quelli del fallito colpo di stato chiamato "mani pulite"). Dubito della sua sanità mentale perchè continua a buttare il suo tempo e denaro a cercare di fare qualcosa per una nazione di individui culturalmente sottosviluppati, arroganti e ipocriti e lo fa mettendoci la faccia. Cavaliere, lasci che la SX con la sua (sub)cultura affossi l'Italia, lasci che gli operai se lo prendano in quel posto senza poter protestare perchè dietro hanno gli "amici", lasci che i paesi stranieri ci rispettino formalmente ma che in realtà ci usino a loro piacimento, lasci che l'Italia ottenga quello che merita .... l'oblio. Lei è un uomo potente e sono convinto delle sue buone intenzioni ma in realtà non fa altro che allungare l'agonia degli italioti, ci lasci al nostro destino, ci lasci crepare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog