Cerca

Il piano di Monti e Passera: distruggere Pdl e Pd

Bechis su Libero: il ministro dello sviluppo vuole azzerare le ali e creare un nuovo soggetto liberal-laburista. Per candidarsi premier nel 2013

Il piano di Monti e Passera: distruggere Pdl e Pd
Se si muovono i poteri forti, vuol dire che la situazione è davvero drammatica. O, in seconda battuta, che in gioco c'è una posta ghiottissima. Checchenedica Mario Monti, i poteri nostrani non sono poi così debolucci e avrebbero in mente qualcosa di grosso. Come scrive Franco Bechis su Libero in edicola oggi riportando un colloquio esclusivo avuto con l'ex ministro degli Interni Roberto Maroni, il professore nonchè premier fresco di fiducia a Montecitorio e Palazzo Madama sarebbe solo il volto del progetto della grande finanza.

Tutti i retroscena su Libero in edicola oggi, sabato 19 novembre

La trama - Monti a Palazzo Chigi fino al 2013, ad aggiustare le cose e rimettere in piedi gli interessi delle èlite e, di riflesso, del Paese. Dopo di lui, che per lo scomodamento è già stato pagato in anticipo con il posto da senatore a vita, ci sarà qualcun altro. Già in rampa di lancio: è Corrado Passera, l'ex ad di Intesa Sanpaolo che studia da presidente del consiglio. Come confidato a Bechis da Maroni, l'attuale ministro dello Sviluppo avrebbe in mente (e si adopererà in tal senso) un piano per ridisegnare il quadro politico italiano del dopo Berlusconi: spappolare Pd e Pdl, raccogliere quel che resta dopo il governo tecnico in un nuovo soggetto politco Lib-Lab (liberale-laburista) e tagliare le ali estreme: Di Pietro, la sinistra di Vendola, gli ex An, la Lega. Non c'è molto tempo e, forse, servirà la riforma elettorale.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • DUKE PURPLE

    20 Novembre 2011 - 11:11

    ehhh magari fosse vero!!

    Report

    Rispondi

  • Quijote

    20 Novembre 2011 - 10:10

    Enrico Letta, con il suo ormai noto bigliettino, ha già fatto sapera al nuovo premier che la sua lingua è lunga e che è disposto a leccarlo. E' evidente che, dopo l'esperienza Prodi, nel PD sono ora alla ricerca di un nuovo leader carismatico (perché al loro interno non ce l'hanno) da candidare alle prossime elezioni. Per questo fanno il filo a Monti e dichiarano di accettare a scatola chiusa tutte le sue decisioni: vogliono accattivarsene le simpatie.

    Report

    Rispondi

  • egenna

    20 Novembre 2011 - 10:10

    Non credo troppo a questi pettegolezzi, specie se detti da un leghista. Comunque.... Certo il delirio di verità in saccoccia che la pervade e la mette al di sopra di tutti è perlomeno "strana", lei è l'unico a sapere esattamente come stanno le cose,gli altri raccontano solo sciocchezze,ooolè. Cordiali saluti

    Report

    Rispondi

  • lupacchiotto

    19 Novembre 2011 - 19:07

    Tentano di varare quei guai che Berlusconi ha voluto ed a ragione evitare. Adesso c'è il robot con le pile scariche convinto che, coi suoi compari d'alto bordo, l'Italia permetta la distruzione dei propri sudati interessi economici. Dove sono le piazze infuocate i poveri studenti dell'ignoranza universitaria? Se tutto va male,come crediamo sin d'ora, avremo un anno di guai e, rimpiangendo il passato,spereremo nelle elezioni nel più breve tempo possibile. senza attendere la dipartita del cantante Napolitano che da buon vecchio sta tentando di distruggere in noi l'ultima speranza. La Democrazia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog