Cerca

Il Cavaliere apre a Bossi, Maroni chiude al Pdl

Patto Berlusconi-Lega: contro in aula, amici fuori. Ma Bobo a Belpietro: "Per le elezioni politiche resta tutto da costruire"

Il Cavaliere apre a Bossi, Maroni chiude al Pdl
Il gelo di Roberto Maroni su Berlusconi: l'alleanza della Lega con il Pdl "è  momentaneamente finita". L'ex ministro degli Interni leghista, ospite del direttore di Libero Maurizio Belpietro a La telefonata su Canale5 sottolinea dunque la rottura avvenuta in parlamento sulla fiducia al governo Monti, anche se "in Piemonte, Lombardia e Veneto l’alleanza c'è e continua. Sappiamo fare la differenza tra il livello centrale e quello regionale  e locale". Tutto a posto, dunque? No, perché l'alleanza "futura possibile, per quanto riguarda le politiche, è un percorso tutto da costruire". Anche perché, punge Bobo, in aula i nodi vengono al pettine. Come sull'Ici: "Reintrodurla? Che orrore! Non so come il Pdl potrà votare la reintroduzione delle tasse che il governo Berlusconi aveva tolto...". Il giudizio sul governo Monti è secco, e negativo: "Ammettiamolo, la politica non è riuscita a fare il suo mestiere, ci siamo messi nelle mani di tecnici che rispondono a interessi precisi...". Che non sono quelli della Lega, nonostante secondo fonti vicine al Carroccio pochi giorni fa Bossi abbia stretto un patto con Berlusconi per rinsaldare l'ex maggioranza, convergendo su pensioni e federalismo fiscale. Ma Maroni pare minacciare altri progetti.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emilioq

    21 Novembre 2011 - 18:06

    E' un partito di buffoni! Dove ci sono non fanno niente e se fanno qualcosa fanno solo danni!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • pussy

    21 Novembre 2011 - 16:04

    Maroni è stato,senza dubbio, un bravo ministro. Lo ha dimostrato con la lotta alla criminalità organizzata. Ma penso che non guasterebbe, se a volte fosse un pò più riflessivo e diplomatico!!

    Report

    Rispondi

  • IoSperiamoCheMeLaCavo

    21 Novembre 2011 - 16:04

    Il discorso é reciproco Berlusconi senza Lega non andrà mai piu' al governo, perché per fare accordi con altri partiti tipo FLI e UDC conditio sine qua non é che lui non si ricandidi piu' e che si ritiri per sempre dalla politica e quindi fino al 2018 accordi con FLI e UDC non ce ne saranno. Quindi siamo al cane che si morde la coda, Berlusconi ha bisogno della Lega e la Lega "avrebbe" bisogno di Berlusconi. dico "avrebbe" perché almeno per il federalismo fiscale potrebbere fare accordi con altri partiti mentre per il resto la Lega ha bisogno di Berlusconi o almeno del PDL.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    21 Novembre 2011 - 15:03

    senza Berlusca, sono a piedi per sempre, anche se loro ce l'hanno duro!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog