Cerca

Monti in giro per l'Europa Pronta la stangata da 25 mld

Il premier a Bruxelles incensa la Ue mentre i mercati ci puniscono. La gaffe: "L'Italia potrà andare a fondo". La sua manovra ci costerà l'1,5% del Pil

Monti in giro per l'Europa Pronta la stangata da 25 mld
Mario Monti in visita a Bruxelles giura di fronte al Vecchio Continente, primo riferimento del governo tecnico imposto dalle bizze dello spread e delle Borse, mentre le stesse Borse e lo stesso spread continuano a sparare ad alzo zero sul nostro Paese. "L'Europa non ci dà dei vincoli, l'Europa - ha spiegato il presidente del Consiglio - è nata per risolvere i problemi che possono gravare sulle spalle dei giovani in futuro". E per risolvere questi problemi servono delle manovre, e su queste manovra trapelano i primi conteggi: il premier ha pronta una super stangata. Secondo le prime stime, tra Ici, Iva e tasse il pacchetto di misure con cui accontentare l'Europa messo a punto dal professore di Varese costerà agli italiani 25 miliardi di euro, l'1,5% del prodotto interno lordo nazionale. Il punto è che evasione e pensioni hanno lunghi tempi di incasso: più semplice, dunque, agire subito sulle tasse.

E la Borsa ci bastona - Nella conferenza stampa congiunta con Barroso, Monti ha proseguito: "Il nostro sforzo non è un adempimento buurocratico, ma lo facciamo perché ci serve per migliorare. Il programma del Consiglio europeo sarà il punto di partenza della nostra azione - ha proseguito -. Lo sforzo del mio governo sarà mettere l'Europa al centro del nostro sviluppo e della nostra azione": una vera professione di fede nei confronti del Vecchio Continente. In parallelo, però, i mercati hanno continuato a bastonare il nuovo governo tecnico: nuova gioranta di forti vendite a Piazza Affari (l'indice principale ha lasciato l'1,54%) mentre lo spread si è pericolosamente riavvicinato a quota 500 (ha chiuso a 490 punti base rispetto al bund tedesco).

La gaffe - Monti ha proseguito sottolineando che "farò di tutto per mantenere un consenso ampio" grazie alla convergenza delle forze politiche nel parlamento italiano per far fronte alla crisi. "Grazie al consenso più ampio e al clima meno conflittuale - ha proseguito - credo che potremo andare avanti più incisivamente per quanto riguarda le riforme strutturali". Poi la gaffe del premier: "Credo che potremo andare a fondo", ecco lo scivolone di Mario Monti: al suo fianco Barroso se ne accorge e sorride. Così la correzione del Presidente del Consiglio: "In senso buono, cioè essere più incisivi". Monti ha poi ringraziato "il precedente presidente del Consiglio", ovvero Silvio Berlusconi, poiché è stato il primo artefice della sua nomina alla presidenza del Consiglio.

Barroso: "Sfide enromi" - Nel corso del suo intervento il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, ha spiegato che "l'Italia ha davanti sfide enormi ma superabili", anche se resta "in una situazione difficile". Barroso ha poi aggiunto che Monti "ha la mia piena fiducia e stima" e ha "l'autorità per guidare l'Italia". Barroso ha continuato sottolineando che il nuovo esecutivo tecnico ha "una responsabilità storica" per far superare all'Italia questo momento di crisi", ma che "certo non si aspetta miracoli o cambiamenti magici" della situazione attuale. "L'Italia - ha concluso - deve proseguire gli sforzi per riguadagnare la fiducia degli investitori".

L'agenda e gli incontri - Il premier italiano in precedenza ha incontrato il presidente della Commissione Europea, Josè Manuel Barroso per una colazione di lavoro. Successivamente la conferenza stampa e l'incontro con il presidente del Consiglio Ue Herman Van Rompuy. Nel corso della colazione con barroso Monti non ha rilasciato alcuna dichiarazione. Per giovedì è in programma un vertice trilaterale tra Germania, Francia e italia. Una nota dell'Eliseo ha spiegato che si tratterà di una "riunione consacrata alla preparazione dei prossimi appuntamenti europei", come il vertice di Bruxelles del prossimo 9 dicembre. Sarkozy, continua la nota, "accoglierà giovedì 24 novembre a Strasburgo la cancelliera Angela Merkel e il presidente del Consiglio italiano, Mario Monti, per una riunione consacrata alla preparazione dei prossimi appuntamenti europei".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    23 Novembre 2011 - 19:07

    I comunisti notoriamente si fanno fare la barba dal barbiere a prezzo politico, oppure si lasciano crescere una fluente barba alla Karl Marx proprio per non dover guardarsi allo specchio la mattina e confrontarsi con la loro coscienza color antracite. Interessante a questo proposito la lettura dell'opera "Fenomenologia tricologica trinariciuta" di Engels (nome) Berlinguer (cognome), nella quale questa dinamica è spiegata in tutte le sue sfaccettature, compresa la lista completa delle micosi e delle dermatiti causate dalla poca cura della peluria facciale. Pertanto ritengo sarebbe il caso che con feltroni, invece di parlargli di barba e specchio, ti limitassi a fargli notare che il bruciore che avverte nei pressi del suo lato B molto probabilmente non si deve alle emorroidi.

    Report

    Rispondi

  • male

    23 Novembre 2011 - 00:12

    Ma non bisognava fare presto? Sembrava che per un solo minuto poteva cadere il mondo. E adesso questi cosa fanno: niente! Monti che come nell'antica Roma doveva assumere le veci del Dictator a tempo determinato e uno scopo ben preciso; salvare la patria. Ora fa tutto quello che non faceva Berlusconi cioè niente. Stanno cercando di creare un personaggio con un emerito sconosciuto, che nessuno ha votato, che doveva fare il suo lavoro alla svelta per eclissarsi nuovamente perchè illegittimo. Ma la volete capire che ci stanno prendendo per il culo? Mi auguro che il PDL, se non vuol scomparire, tenga fede alle condizioni cui aveva subordinato la fiducia e provveda quanto prima a staccare la spina. Questo governo l'unica cosa che sembra voler fare è portarci alla miseria più nera pur di assecondare per piaggeria i diktat dell''euragermania e delle multinazionali. L'Italia per salvarsi ha bisogno di svalutazione e dazi, non certo tasse.

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    22 Novembre 2011 - 22:10

    ... ma una cosa diversa, il senso di esser stato preso per il naso, e di esserci cascato con tutte le scarpe. Uno non ha colpe se semplicemente è stato imbrogliato. La colpa, casomai, viene se uno, sapendo che le cose erano ben diverse, ha comunque cercato di spacciarle per buone. Farsi imbrogliare è sempre una colpa, mancato uso del contenuto della teca cranica. Ora io non so tu cosa abbia veramente pensato sull' argomento "la colpa della crisi italiana è di B.". Ora i fatto DIMOSTRANO che era un errore. Io non ci sono cascato. Se e perchè TU ci sia cascato sono fatti tuoi. Io ti vedo solo dopo che ti sei rasato. Spero solo che tu consideri, d' ora innanzi, EVENTUALMENTE, che l' uso principale del contenuto della teca cranica è l' onestà intellettuale. Dà una cosa preziosa chiamata LIBERTA'. Buon dopobarba, comunque

    Report

    Rispondi

  • VFeltri

    22 Novembre 2011 - 21:09

    guardi, io mi alzo la mattina e sinceramente quel senso di colpa da lei descritto non ce l'ho proprio. Io preferisco un Italia senza un governo Berlusconi (ho detto governo Berlusconi, non Berlusconi persona, eh). Tuttavia non è che sia entusiasta di quello attuale. Salùt. PS.: a me da il voltastomaco il pensiero capitalista-liberista della destra moderna, ma sono punti di vista personali.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog