Cerca

Ex ministri non si rassegnano Sul web sono ancora in carica

Brunetta, Meloni, Gelmini e Carfagna a una settimana dall'esordio di Monti figurano ancora nel pieno delle funzioni

Ex ministri non si rassegnano Sul web sono ancora in carica
Non si vogliono rassegnare. Silvio Berlusconi si è dimesso. Lui, il Cavaliere, il passo indietro lo ha fatto. Loro - virtualmente - non ancora. Loro sono quattro ex ministri del governo Berlusconi: Renato Brunetta, Mara Carfagna, Mariastella Gelmini e Giorgia Meloni. Dopo una settimana dall'esordio di Monti a Palazzo Chigi, su Facebook e altri social network, figurano nel pieno delle loro funzioni. La Carfagna fino a ieri sera era ancora il ministro delle Pari Opportunità su Twitter. La Gelmini, sul canale Youtube, resta 'figurativamente' in carica. Brunetta, al solito, rimane iperattivo: la sua pagina è continuamente aggiornata, e ancora nel mondo del web non si rassegna ad aver lasciato il dicastero della Pubblica Amministrazione. Vi è poi la Meloni, ex responsabile delle Politiche Giovanili. Lei, su Facebook (dove 'è ancora' ministra), non scrive. Lo fanno però i suoi sostenitori, che sul profilo postano richieste e domande sul futuro degli italiani più giovani. La Meloni però ha voluto puntualizzare: "L'intestazione di una Pagina Facebook deve essere cambiata da Facebook, negli Stati Uniti. Ho fatto una richiesta e sto aspettando. Non mi sogno nemmeno di tenere una pagina come ministro ora che non lo sono più, ma nemmeno voglio chiuderla". Sicuri che per i quattro ministri non si tratti di nostalgia?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frank-rm

    23 Novembre 2011 - 18:06

    Premetto di non sapere come funzioni FB, e pertanto se necessario che gli aggiornamenti vadano richiesti. Posso però dire una cosa della Meloni, che da quando non è più Ministro, è anche una persona molto simpatica. Ieri è stata ospite di Un Giorno da Pecora (orrenda trasmissione radiofonica) ed ha dato il meglio di se in simpatia, diversamente da quando era costretta a difendere d'ufficio il precedente governo. Meloni riprenditi la vita e gotitela!!!!

    Report

    Rispondi

  • air79

    23 Novembre 2011 - 14:02

    concordo con il sig. "Al-dente" ma non con chi ha scritto questo articolo, giornalista che, a mio parere, prima di scrivere farebbe bene informarsi.... su fb ho avuto per parecchio tempo un gruppo aziendale abbiamo cambiato nome all'azienda e di conseguenza volevamo cambiare anche il nome del gruppo... ed è stata decisamente un'impresa... un po contro senso direi perchè per aprirlo ci si mette un nano secondo per cambiare nome un eternità.... cmq al posto di scrivere questi articoli ben adatti a repubblica tu giornalista fai qualcosa di buono... magari recati nel messinese che hanno molto bisogno di aiuto....

    Report

    Rispondi

  • VitoGM

    23 Novembre 2011 - 14:02

    Il problema è che purtroppo non è possibile, da parte del gestore di una pagina su facebook, modificarne il nome se ha più si 100 fans ( o mi piace). La funzione di modifica il nome della pagina risulta disabilitata se ci si trova nelle condizioni di cui sopra. Come indicato nei faq di facebook: Modifica del nome di una Pagina Questa opzione di modifica è disponibile solo se la tua Pagina piace a meno di 100 persone. Per maggiori informazioni... Pertanto solo gli amministratori di facebook possono effettuare tale modifica. Ho letto in diversi post della pagina di Giorgia Meloni, che lei ha già provveduto a fare richiesta per la modifica del nome.

    Report

    Rispondi

  • Al-dente

    23 Novembre 2011 - 13:01

    La Meloni e la Gelmini sono donne in gamba, politicamente valide e con un gran senso della realtà. Sarà difficle riavere Ministri così capaci. Mi spiace solo che la Meloni sia stata messa in un Ministero da poco conto, poteva fare molto di più per l'Italai e gli italiani in un Ministero importante. Spero che vengano rielette alle prossime elezioni e che trovino un assegnazione istituzionale adeguata alle loro capacità, perchè l'Italia di gente in gamba ne ha bisogno.

    Report

    Rispondi

blog