Cerca

Immigrati separati da italiani Giggino accusato di apartheid

Napoli, padre Alex Zanotelli contro sindaco: discrimina gli ambulanti del mercato della zona Stazione. Comune: solo per far ordine

Immigrati separati da italiani Giggino accusato di apartheid
I guai per Giggino non finiscono mai. L'ultima? L'accusa di apartheid. Prorpio lui che si ergeva a difensore dei diritti...A lanciarla l'associazione 3 febbraio di padre Alex Zanotelli che, denuncia l'esistenza di una forte discriminazione tra gli ambulanti napoletani e quelli immigrati in una strada di mercato nei pressi della stazione centrale. La notizia è riportata dal Corriere del Mezzogiorno che cita il comunicato dell'associazione di Zanotelli: Vogliamo denunciare l'indegno atteggiamento dell'amministrazione e, in particolare, dell'assessore alle aree mercatali. Col provvedimento del Comune, infatti, si promuove un vero e proprio apartheid e uno scontro etnico: l'assessore ha avuto l'assurda l'idea di schierare gli italiani sul lato destro di via Bologna e gli immigrati su quello sinistro. Il Comuine si prende la responsabilità di condurre alla fame e alla conflittualità persone che fino ad ora hanno convissuto tranquillamente". L'assessore al lavoro e attività produttive Marco Esposito, replica: Resto sbigottito dal fatto che Zanotelli consideri aperthie la presenza, nella stessa strada, di italiani e stranieri. L'unica ragione dei marciapiedi diversi era il poter garantire la prima fila per tutte, condizioni paritarie".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    23 Novembre 2011 - 11:11

    pensa solo a fare i soldi e la pensione, e' incapace. Non lo fa per cattiveria, lo fa perche' non ne e' capace.

    Report

    Rispondi

blog