Cerca

Dopo il pizzino di Letta Junior telecamere vietate alla Camera

L'ufficio di presidenza si riunisce per decidere se proibilre a fotografi e operatori di riprendere quello che accade in Aula

Dopo il pizzino di Letta Junior telecamere vietate alla Camera
Non è piaciuto l'obiettivo sul pizzino firmato a Enrico Letta a Mario Monti. L'idea che telecamere e obiettivi possano riprendere la vita dei politici, possano immortalare dettagli che spesso sfuggono anche all'occhio più attento proprio non va giàù. E così prende strada l'ipotesi di vietare le foto in aula. Parlamente blindato per zoom e telecamere. In tempi di crisi, la priorità è proprio questa: decidere se interdire l'accesso a fotografi e teleoperatori. Oggi, martedì 23 novembre, l'ufficio di presidenza si riunisce per decidere se oscurare la Camera. Le proposte sono due, una del Pdl e un'altra della Lega che chiedono delle regole più chiare su cosa possa essere ripreso e cosa no. Invece di tagliare i vitalizi, e i privilegi i parlamentari tagliano l'accesso a chi vuole riprendere, con foto e filmati, quello che accade dentro il Palazzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • buonavolonta

    24 Aprile 2014 - 20:08

    ouuuu... siamo noi che vi paghiamo e che vi eleggiamo cosa vi scaldate se un po vi controlliamo ...

    Report

    Rispondi

  • dbell56

    24 Novembre 2011 - 11:11

    E se davvero questa proposta assurda perchè antidemocratica, dovesse essere fatta da PDL e/o Lega, essendo possessore di un bellissimo distruggidocumenti professionale che fagocita e tritura pure le tessere di plastica, sarà mio atto finale quello di distruggere la tessera PDL or ora rinnovata.

    Report

    Rispondi

  • AUREA

    24 Novembre 2011 - 11:11

    Ma questi impuniti , parassiti, fancazzisti la vogliono capire che sono al nostro servizio e non si possono permettere di fare quello che gli pare? Ne abbiamo piene le tasche delle loro continue angherie! In piazza tutti per "il giorno del calcio in culo"

    Report

    Rispondi

  • gug

    24 Novembre 2011 - 10:10

    Ma come mai chi scende in piazza sulle intercettazioni , oggi non scende in piazza sul divieto delle telecamere o teleobiettivi sullla camera , sempre due pesi e due misure , l'imporante che non sia la solita persona che chiede certe censure .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog