Cerca

Cresce il partito 'urne subito': chi vuole il voto anticipato

Il 'no' al vertice trilaterale con Monti nasconde l'insofferenza dei partiti al governo tecnico: il 2013 è lontano...

Cresce il partito 'urne subito': chi vuole il voto anticipato
La grande coalizione, la maggioranza trasversale rischia di esserci davvero, ma non quella utile a Mario Monti, anzi. Pdl, Pd e Udc hanno detto no al vertice trilaterale con il premier per decidere su misure anticrisi e nomine ministeriali: il timore che frena i tre principali partiti italiani è quello di passare per i fautori dell'inciucio, dell'accordo furbetto alle spalle degli elettori. Il nodo dei sottosegretari c'entra relativamente (12 al Pdl, 12 al Pd, 6 al Terzo polo, più rispettivamente due, due e un viceministro). C'è soprattutto la voglia di non cedere campo ai tecnici, di non sottostare ai loro diktat. E c'è la tentazione di tornare alle urne ben prima del 2013. Renato Brunetta, ex ministro dell'Pubblica amministrazione, ha avvisato: "Per fare quello che deve fare. a Monti basterebbero 3 mesi". Parole chiare, una insofferenza che percorre il Pdl nonostante Berlusconi abbia assicurato al premier che potrà terminare la legislatura. Ma se alle difficoltà della crisi si aggiungono anche le bucce di banana come la cittadinanza italiana ai figli di immigrati, è chiaro che l'alleanza forzata tra centrodestra e centrosinistra è destinata ad avere vita breve, come questo governo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • soraman

    28 Novembre 2011 - 07:07

    Certo. Alle urne SUBITO. Cosa aspettiamo che questi sprovveduti ci dissanguino? Basti pensare che li ha issati il bolscevico napoletano, Napolitano

    Report

    Rispondi

  • D.P.F.

    24 Novembre 2011 - 20:08

    Ma subito !

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    24 Novembre 2011 - 20:08

    Ormai siamo stati defraudati sia del voto sia della nostra sovranità popolare dal golpe orchestrato dal comunista Partenopeo.Inutile dire urne subito.Alle urne ci andremo con il voto degli immigrati e quando lo diranno loro,per continuare con il trionfo del comunismo e del tripudio delle poltrone occupate dai soliti noti.Non ci sarà cambiamento,non ci sarà innovazione.Solo il nulla.Dietro....la falce ed il martello.5 milioni di voti contano. Auguri.

    Report

    Rispondi

  • opzionemib0

    24 Novembre 2011 - 20:08

    certo che una parte del paese, quella democratica e non fascista le vuole.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog