Cerca

Sulle pensioni si accelera Ecco cosa cambia subito

Il ministro Formero: "Le riforme in gran parte sono già state fatte, ora servono tempi rapidi". Le misure che potrebbero essere inserite a giorni

Sulle pensioni si accelera Ecco cosa cambia subito
La riforma delle pensioni "è già stata largamente fatta, ma necessita di tempi più accelerati", rispetto a quelli che erano stati previsti. Così il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, nella sua prima uscita pubblica all'assemblea della Confederazione nazionale dell'artigianato. Secondo la ministra, per uscire dalla crisi, l'Italia deve puntare su elementi di forza, come il risparmio delle famiglie e l'imprenditoria. Per quel che riguarda il sistema previdenziale, la Fornero ha così indirettamente confermato che una serie di provvedimenti potrebbero essere inseriti già nella manovra correttiva in agenda per i primi giorni di dicembre

Che cosa cambierà -
Come potrebbe cambiare il sistema previdenziale nel brevissimo termine? Alcuni elementi, infatti, potrebbero essere anticipati già alla manovra correttiva che l'esecutivo vorrebbe varare prima del Consiglio Europeo del 9 dicembre (per quel che riguarda il paccheto organico di misure il governo vorrebbe approvarlo entro la fine dell'anno). Così, nell'arco di 15 giorni, si potrebbe decidere per l'anticipo al 2012 del meccanismo di aggancio all'aspettativa di vita e del percorso per elevare la soglia di vecchiaia delle donne nel settore privato. E' possibile, anche se l'immediata attuazione risulta più difficile, che nel decreto venga inserito il contrbutivo pro-quota per tutti a partire dal prossimo gennaio (leggi nell'anatomia della stangata scritta da Libero le cifre di come incide sulle pensioni l'introduzione del contributivo pro-quota). Infine non è da escludere che nel primo pacchetti di provvedimenti che varerà il governo Monti in tema di previdenza possa essere anticipata dal 2013 al 2012 la quota 97 - somma dell'età anagrafica e contributiva - per i pensionamenti di anzianità. Vi è poi un'opzione meno gettonata, ovvero il blocco di un anno della finestra d'uscita. Dopo la prima serie di misure si aprirebbe un confronto con le parti sociali, il cui obiettivo è un'intesa sulla flessibilità in uscita da 63 a 70 anni. Capitolo successivo, inoltre, sarà quello relativo alla stretta sulle pensioni di invalidità e sulla reversibilità.

"Rigore finanziario" -
La Fornero, nel suo primo intervento pubblico, non ha però parlato solo di pensioni, ma ha voluto snocciolare i principi fondamentali che "rappresenteranno l'azione di questo governo e del mio ministero". I capisaldi? "Rigore finanziario, equità degli interventi e crescita". Il rigore, secondo la ministra, £deve essere associato a uno stile d'azione improntato sempre alla sobrietà" e "i sacrifici devono essere calibrati alla capacità di singoli e gruppi di supportarli, perché non possono più essere i deboli a sopportare la parte peggiore dei sacrifici".

Messaggio a Fiat - Per quel che riguarda il mondo del lavoro, la Fornero ha detto che "le grandi imprese non devono abbandonare il Paese": chiaro il riferimento al Lingotto. "Da sempre - ha proseguito la ministra - Fiat rappresenta un simbolo di capacità produttiva e di identità nazionale", e il governo "sta seguendo con grandissima attenzione il caso". Poi una battuta sulla sicurezza sul lavoro: "La sicurezza deve rimanere e resterà centrale nell'azione del governo, è un mio impegno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gabrix62

    29 Dicembre 2011 - 11:11

    posso chiamare ladro chi mi ruba 600 euro al mese ,cosi solo perchè secondo la ministra adesso che mi accingevo alla pensione ,,a no cazzo me la spostata piu in la di qualche anno, va be e' lo stesso,, anzi non e' lo stesso, cara fornero perchè avendo cominciato a lavorare presto ,io a 56-57 anni avrei avuto (ora ne ho 50 e disoccupato..) 40 anni di contributi versati, e in più mi passi dal retributivo al contributivo ,che vuol dire che se mi attendevo una pensione non bassissima ma neanche d'oro cioe' di circa 1000 euro adesso dovrò fare i conti ( e con me tutti i futuri pensionati ad una restante vita di stenti ).....cara ministra qualcuno là chiamata per risolvere dei problemi all 'ita-glia ma se non e' all'altezzza lasci stare che di incapaci ne avevamo già tanti.....comunque auguri LADRA AUTORIZZATA DAL QUEL INSOLENTE COMUNISTA DI NAPOLITANO

    Report

    Rispondi

  • genviello

    25 Novembre 2011 - 05:05

    Anche se insediata da pochissimi giorni, la nostra ministra Tecnica (e meno male che lo e') ha subito compreso la logica da applicare: per i lavoratori accellerare la riforma delle pensioni e per i Parlamentari, invece, rallentarla, perche' a Loro si deve ogni rispetto per i loro "diritti acquisiti"... mentre per quelli dei cittadini ce ne si puo' anche infischiare... Un'altra frotta di ineffabili fa la sua comparsa all'orizzonte! (Adesso e' anche piu' chiaro il senso di cio' cha disse Monti in occasione del suo insediamento: "...chiederemo di piu' a chi sino ad oggi ha dato di meno..." Se questo e' l'inizio dell'inizio, come inizio non c'e' proprio male...)

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    24 Novembre 2011 - 21:09

    che sia il sogno della sua vita arrivare a che "Dopo la prima serie di misure si aprirebbe un confronto con le parti sociali, il cui obiettivo è un'intesa sulla flessibilità in uscita da 63 a 70 anni. " e vota felice i provvedimenti che, poi, forse, magari verranno presentati al solito "tavolo" per ulteriori restrizioni. Una tale perla sarà Palma D'Oro, Oscar, Leone d' Oro e qualsiasi altra cosa d' oro per la interpretazione cinematografica per il 2011 (attribuzione a posteriori) e il 2012, oltre che Premio Nobel in abbonamento per gli anni dal 2012 al 2121 (ancora da definire, però, la disciplina). E lo deve fare, e felice, o il governo Monti va all' aria, e chi glielo dice poi a Bersani che ha rilasciato un assegno firmato in bianco a Monti ? Che massacro, povero PD

    Report

    Rispondi

  • ex finiano

    24 Novembre 2011 - 20:08

    Ed i partiti perchè dobbiamo finanziarli noi? Si autofinanzino! Io non voglio pagare per quei gaglioffi! Se non finanziamo i partiti risparmiamo!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog