Cerca

Alfano pronto a rifare il partito Nome, simbolo, regole e alleati

Il segretario Pdl prepara il congresso in primavera: incompatibilità tra le cariche politiche e quelle elettive. Formigoni si candida...

Alfano pronto a rifare il partito Nome, simbolo, regole e alleati
Alfano vuol cambiare il partito. Entro la fine dell'anno sono previsti congressi provinciali e comunali del Pdl. "Dopo il grande successo delle iscrizioni, si parte con i congressi", ha scritto Alfano su Twitter. Il partito cambierà nome e il candidato premier sarà scelto con le elezioni primarie. Inoltre, ci saranno incompatibilità tra cariche politiche e quelle elettive nelle amministrazioni. Il primo congresso nazionale si svolgerà in primavera. Nessuna indiscrezione sul simbolo del partito, mentre sul nome l'ex ministro Gianfranco Rotondi anticipa che si sta pensando a un "Viva l'Italai-Partito popolare europeo".

Per quanto riguarda le alleanze, certamente ci sarà Casini anche se non è ancora chiaro se ci sarà una forma di collabotrazione o una fusione tra i due partiti. Roberto Formigoni - scrive il Corriere della Sera - propone un'apertura alla società civile, al mondo dell'associazionismo e alle singole personalità per dare rappresentanza ai moderati riformati sulla baste di un nuovo patto con la Lega "per presentarci alle elezioni del 2013 e vincerle". Per Formigoni leader del partito e premier devono essere persone diverse e sembra pronto a correre come capo di una coalizione.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • totareo

    09 Dicembre 2011 - 14:02

    Bravo Angelino il segretario del pdl potrà fare se sarà sostenuto chi crede in un nuovo progetto politico deve sostenerlo .smettiamola di dire sempre" vai avanti tu che a me viene da ridere" è troppo comodo .rimbocchiamoci le maniche e partecipiamo dopo potremo anche criticare farlo prima è pretestuoso e inutile.

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    25 Novembre 2011 - 16:04

    Non è per niente facile operare (tout court, politicamente, economicamente ecc)..in Italia..la forte presenza di numerose velenose, velleitarie, magliare ..forze centrifughe..rende pressochè impossibile agire (onestamente, efficacemente, costruttivamente ecc)..Ma, ad onor del vero,.. il centro destra avrebbe potuto avere più idee originali ed efficaci,.. più coraggio, più determinazione..senza farsi irretire dalla subdola rete tesa dalla magistratura, dai massimilisti, dai poteri forti ecc...Qualcosa abbiamo visto (Maroni, Gelmini, Brunetta..e anche.. Carfagna, Meloni..), ma è mancato il classivco colpo di reni..ripetuto, infinito..Le ideuzze un po' ribolllite,..i personaggi ricicclati,..le allenaze ambigue..ventilate/i da..Alfano..appaiono asssai evanescenti, viscide, pappose..prive di mordente di attrattività..Al Paese occorre ben altro..Occorrerebbe.. qualche giovane politico lucido, scanzonato, originale, determinato..Ma, purtroppo, nel PDL..neanche l'ombra di ciò...

    Report

    Rispondi

  • Antaresss

    25 Novembre 2011 - 15:03

    tenere distinti i ruoli tra leader di partito e premier è indispensabile affinchè le rispettive figure diano il meglio di se senza vincoli

    Report

    Rispondi

  • graziele

    25 Novembre 2011 - 12:12

    riorganiziamoci dalla base con elezioni diretta dei rappresentanti e creando indipendenza economica dal partito, Come in america.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog