Cerca

Napolitano ora come Silvio: "Giustizia, servono le riforme"

Giorgio si accorge che l'economiva viene uccisa dal carrozzone della giustizia, così chiede di "combattere le inefficienze"

Napolitano ora come Silvio: "Giustizia, servono le riforme"
Giorgio Napolitano, il giorno dopo aver strigliato le toghe invocando un "valido codice deontologico per affermare il necessario rigore nel costume e nei comportamenti dei magistrati", ritorna sull'argomento. Questa volta il Capo dello Stato invoca "riforme incisive e di ampio respiro". La richiesta è arrivata in un telegramma inviato alla settima conferenza nazionale dell'Avvocatura. Secondo il Quirinale, "nell'attuale fase di difficoltà per il consolidamento degli equilibri della finanza pubblica e per il conseguimento di un elevato ritmo di crescita economica, la modernizzazione del sistema giustizia costituisce obiettivo indifferibile imposto sia dall'esigenza di assicurare al cittadino procedure giudiziare di ragionevole durata sia dalle gravi conseguenze che le odierne inefficenze comportano per la competitività del Paese".

Giorgio come Silvio - Le richieste di Napolitano, insomma, ricalcano quelle avanzate per un'intera carriera politica da Berlusconi: anche il Capo dello Stato si è accorto che la macchina giudiziaria è un carrozzone che procede a passo di tartaruga creando gravi disagi alle aziene e sfavorendo l'insediamento di società estere, gravate da toghe e burocrazia. Così Napolitano invoca riforme di ampia portata "che razionalizzino l'organizzazione giudiziaria, snelliscano i processi, assicurino la certezza del diritto e corrispondano alle esigenze collettive di sicurezza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PETTIROSSO

    26 Novembre 2011 - 10:10

    Caro Napolitano, solo ora hai trovato il tempo di riflettere su quanto da anni affermava il "cattivo Berlusconi" sommerso di insulti e obbligato solo ai tacere ed essere mandato a casa per far contenti i compagni di sventura... ecco dove siamo arrivati oggi: quasi disperati, anche per il tuo poco accorto e democratico volere!!!

    Report

    Rispondi

  • linhof

    26 Novembre 2011 - 09:09

    Siamo nel campo del ridicolo, Berlusconi per anni ha cercato di fare la riforma della giustizia, scusate ma non è lui il predidente bdel CSM? se vuole la riforma della giustizia basta che dice si. Secondo me però non è così, come si dice a Napoli? FACIMMO A' MMUINA.

    Report

    Rispondi

  • alduzzo

    26 Novembre 2011 - 07:07

    Peccato che il Presidente Napolitano, che cosi' spesso ha ritenuto di intervenire nella politica del Governo, solo adesso si renda conto dei problemi della giustizia e nella giustizia. Se avesse difeso il precedente Presidente del Consiglio con la stessa cura affettuosa con la quale ha sponsorizzato l'attuale, forse gli abusi della stampa e della magistratura non avrebbero toccato certi estremi .

    Report

    Rispondi

  • bussirino

    25 Novembre 2011 - 19:07

    Il solito comunista che parla a vanvera! Il solito napoletano che parla troppo e plateale. Un commediante come qualcuno direbbe. E' subito pronto a criticare qualsiasi giusto intervento ma appena si smorzano le critiche ecco che salta fuori il benpensante a proporre del "suo" ma non riprorre naturalmente....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog