Cerca

Il Cav rompe con la Lega: "Segue interessi elettorali"

Berlusconi difende Monti: "Lasciatelo lavorare". Il Pdl "farà le primarie, non mi ricandiderò". Presto un faccia a faccia con Bossi

Il Cav rompe con la Lega: "Segue interessi elettorali"
Silvio Berlusconi ci ha provato, a tenere vicini Pdl e Lega. Domenica aveva parlato di Bossi come "alleato fedele" in vista delle prossime elezioni. Poi Calderoli prima, Maroni dopo hanno fatto intendere come sia il Carroccio a non digerire l'atteggiamento del Cav e del suo partito. "Un errore", ha definito Maroni la scelta di sostenere il governo Monti. Eppure, il Cav tiene duro, anzi ribadisce: "Monti non è in ritardo, è appena arrivato e si deve occupare di cose di enorme complessità ma lasciatelo lavorare". Oggi era il giorno dell'udienza del processo Mills, ma con una seduta noiosa ("Per poco non mi addormentavo", ha detto) Berlusconi si è concentrato sulla questione politica. E naturalmente sulla rottura con Bossi. Mentre il Pdl è "solidissimo e fortissimo", con la Lega c'è poco da fare al momento. "Segue i suoi interessi elettorali". Non si tratta allora che di pensare al futuro e programmare al meglio un partito che probabilmente correrà con altri alleati: "Il Pdl - ha spiegato - farà le primarie con tutti gli iscritti per individuare il miglior candidato possibile, io non mi ricandiderò". Berlusconi dunque fa un passo indietro per il bene del centrodestra. Nell'attesa che arrivi il tempo del voto, l'ex premier cercherà "di convincere la Lega a fare scelte nell'interesse del Paese né capisco come potrebbe fare altrimenti avendo già votato misure analoghe quando era al governo". Si parla di Monti, ma l'ago della bilancia sono ancora Silvio e Umberto, che probabilmente nei prossimi giorni avranno un incontro faccia a faccia. "L'uno ha bisogno dell'altro", ha assicurato Osvaldo Napoli, vicepresidente dei deputati azzuri. Per ora, però, sono amanti divisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gado53

    29 Novembre 2011 - 14:02

    Basta PDL, ognuno per la sua strada. Se poi si presentassero interessi comuni si potra' votare assieme. sara' il PDL a fare macelleria sociale. Forte con i deboli e debole con i forti !

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    28 Novembre 2011 - 20:08

    "marciare separati, combattere uniti". Mi pare chiaro (ve lo vedete il PDL battere in breccia per aiutare il PD, e la Lega intralciare il PDL per favorire il PD?)

    Report

    Rispondi

  • gitex

    28 Novembre 2011 - 20:08

    per interessi personali

    Report

    Rispondi

  • ambrogio.brambilla

    28 Novembre 2011 - 20:08

    Mi spiace che Berlusconi dica che la lega fa i suoi interessi elettorali: opponendosi a questo governo fa anche i mei interessi. La lega dirà no all'aumento dell'iva, al taglio delle pensioni di anzianità, alla svendita del patrimonio pubblico agli amici degli amici, alla reintroduzione dell'ici sotto falso nome, all'aumento degli estimi catastali. Proporrà il taglio dell'assistenzialismo, gli aiuti alle piccole e medie imprese, la riduzione delle spese statali parassitarie, l'applicazione dei costi standard. Farà lo stesso Berlusconi, e il Pdl? La gente valuta chi fa gli interessi di chi sui fatti, non sulle ciance....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog