Cerca

Le città che Pdl e Carroccio perdono se stanno divisi

L'ex Asse rischia una disfatta. Correndo da soli, pidiellini e lumbard andrebbero sotto in sette capoluoghi del Nord

Le città che Pdl e Carroccio perdono se stanno divisi
Una disfatta. Ecco a cosa andrebbero incontro Pdl e Lega se davvero l’alleanza su cui negli ultimi dodici anni è tornato a fondarsi il centrodestra dovesse andare in frantumi. In caso di divorzio tra Silvio Berlusconi e Umberto Bossi, infatti, il voto amministrativo previsto nella primavera del prossimo anno rischia di trasformarsi in un bagno di sangue. Con la dozzina di Comuni capoluogo del nord dove si apriranno le urne pronti a diventare terra di conquista del Partito democratico e dei suoi alleati.

Nel 2012, i Comuni interessati dalla tornata elettorale saranno complessivamente 952. Di questi, 144 sono sopra i 15mila abitanti – e quindi voteranno con il doppio turno – mentre 808 sono sotto la soglia e quindi il sindaco sarà eletto dopo un solo turno. Il dato politicamente più rilevante, tuttavia, sarà ricavato da quello che accadrà nei 27 Comuni capoluogo in cui poco più di 2,8 milioni di cittadini saranno chiamati alle urne. Il centrodestra, forte del fatto che dodici di questi sono al nord, governa in 17 amministrazioni. Attualmente Pdl e Lega guidano Alessandria, Asti, Como, Monza, Belluno, Verona, Gorizia e Parma. Ma cosa accadrebbe se la coalizione, come lasciano intendere i leghisti, dovesse sciogliersi, oltre che a livello nazionale, anche su base locale? Semplice: il disastro. «Diviso, il centrodestra è destinato a perdere ovunque con l’unica eccezione di Verona, dove con il sindaco uscente Flavio Tosi la Lega potrebbe farcela anche da sola», prevede Osvaldo Napoli, vicecapogruppo del Pdl a Montecitorio, ma soprattutto, grazie al lungo passato come vicepresidente dell’Anci, l’Associazione dei Comuni italiani, profondo conoscitore delle realtà locali. Una proiezione condivisa dal politologo Roberto D’Alimonte, che sul Sole 24 Ore è giunto alla conclusione che al nord «Pdl e Lega da sole non riuscirebbero a conquistare nessun capoluogo senza trovare una qualche forma di accordo». Già, l’accordo. Quante possibilità ci sono che sopravviva almeno a livello amministrativo? Secondo Napoli, alla fine una soluzione si troverà: «Non ci si fa del male da soli, una sintesi bisognerà trovarla». Anche perché, spiega, «noi abbiamo bisogno di loro e loro di noi. Non realizzare intese su base locale sarebbe autolesionistico».

Insomma, minimizza, quello che sta accadendo in questi giorni è solo tattica: «Ognuno sta cercando di alzare il prezzo». Al quartier generale del Pdl in pochi credono che il Carroccio sia pronto a portare alle estreme conseguenze la frattura che si è aperta con il diverso atteggiamento nei confronti del governo Monti. «A livello nazionale il quadro politico non sarà definito prima di gennaio, quando il Parlamento sarà chiamato a pronunciarsi sulle prime misure del governo. Quindi è troppo presto per tirare le somme», osserva un colonnello berlusconiano, che di conseguenza invita gli (ex) alleati della Lega a separare i due piani: «Quello locale deve essere indipendente da quello nazionale». Anche perché in cinque giunte uscenti del Mezzogiorno - Isernia, Lecce, Trani, Palermo e Trapani - c’è già da sciogliere il nodo dei rapporti con l’Udc. Che faranno i centristi, resteranno fedeli al Pdl o presenteranno una candidatura del Terzo polo?

di Tommaso Montesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxgarbo

    29 Novembre 2011 - 18:06

    si lavano in casa, cari leghisti. fra proclami, minacce, avete rotto! mi sembra di essere tornato al Giverno Prodi con i comunisti che lo tiravano per la giacchetta! non sarebbe ora di crescere? è il gioco delle parti il pdl sta col governo voi all'opposzione, appena Monti floppa tutti addoso....

    Report

    Rispondi

  • fossog

    29 Novembre 2011 - 17:05

    Mi viene un dubbio, dubbio a dire il vero ormai annoso. Ma se una forza politica perde una amministrazione locale a favore di un'altra, è una perdita SOLO per la forza politica o lo è ANCHE per i cittadini ??? perchè non mi sembra che le due entità abbiano ORMAI molte convergenze , vero ?

    Report

    Rispondi

  • feltronzi

    29 Novembre 2011 - 17:05

    In Parlamento c’è chi  alle lacrime e al sangue ha deciso di  adeguarsi, pure se un po’ obtorto collo. E c’è chi sulle lacrime e sangue scommette.  Come la  Lega, che  conta di lucrare sullo sporco lavoro dei tecnici la sua piccola o grande rendita elettorale. Ognuno sulla faccenda può dare il  giudizio politico che preferisce,  e quando verrà il momento si vedrà  quanto renderà la scommessa del Carroccio. La cosa curiosa è che i lumbard raccontano all’universo mondo di aver detto no a Monti in nome di un  presunto golpe contro la politica, ma  intanto sperano di raspare voti esattamente  dal bacino dell’antipolitica.  Così facendo, i patrioti padani  somigliano a chi  raccoglieva le indulgenze per togliere dal mondo la lussuria ma con i proventi alimentava l’avarizia. O semplicemente, somigliano a ciò che sono sempre stati.  Al mattino in piazza con Mani Pulite e contro Roma ladrona.  Il pomeriggio in Procura, con in  mano un assegno Montedison da 200 milioni.

    Report

    Rispondi

  • gpaololeandro

    29 Novembre 2011 - 17:05

    Un caldo invito ai responsabili della ex(?)coalizione del centrodestra,agli amici della Lega e del Pdl.Non aggiungete il danno alle beffe,non portate al limite dell'esasperazione ed a conseguenze irreversibili il dissidio nato con l'appoggio/non al governo Monti, fate in modo che la "congiura" ordita contro il Ministero Berlusconi non raggiunga l'effetto paradossale di frantumare un'alleanza,l'unica in grado di opporsi alle "truppe cammellate" della sinistra democratico-progressista.Sarebbe veramente un risultato insperato per tutti i detrattori del Cav ,se alla fin fine l'unico vero grande risultato da loro conseguito fosse quello di dividere partiti e movimenti di area moderata e liberale.Fate in modo che alla grande euforia delle conventicole progressiste per le dimissioni di Berlusconi,non si debba aggiungere il risultato di constatare la fine di una collaborazione tra partiti che sono riusciti,in più di una occasione,a fermare la gioiosa macchina della sinistra.Rifletteteci!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog