Cerca

Sindacati e casta privilegiata Chi blocca le nuove pensioni

Il governo farà solo piccoli ritocchi per non scontentare nessuno. Ma politici e avvocati pagano contributi minimi. E in Sicilia si lascia a 45 anni

Sindacati e casta privilegiata Chi blocca le nuove pensioni

Sindacati e categorie privilegiate: ecco chi blocca davvero la riforma previdenziale. Il ministro Fornero è costretta a parlare solo di piccole riforme per non scontentare Cgil, Cisl e Uil. Risultato? Cancellando i vitalizi d'anzianità si risparmierebbero somme irrisorie. Ecco perché la proposta del governo Monti, un contributivo pro rata per tutti dal 2012 (anche per chi nel 1995, all'epoca della riforma Dini, aveva maturato 18 anni di contributi) e un'età pensionabile non inferiore a 63 anni (con penalizzazioni per chi si ritira tra 63 e 65 anni) non basta. C'è poi tutta una schiera di professioni che dalle aliquote contributive ci guadagna eccome. Architetti, avvocati (stragrande maggioranza in parlamento, neanche a dirlo) e psicologi pagano un terzo del 33% versati dai dipendenti. E i parlamentari? Ancora meglio (per loro), visto che si possono fermare a un misero 8,6 per cento. E anche sui regimi speciali, la giungla delle disparità è intricata. Deputati e senatori, per esempio, possono andare in pensione a 65 anni, limite riducibile a seconda della durata del mandato. Il record però è per i dipendenti della Regione Sicilia: possono andare in pensione a 45 anni. Non a caso, sono 500mila le baby pensioni ancora in vigore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RANMA

    13 Dicembre 2011 - 14:02

    A questi zozzoni bastano " 3 " dico " TRE "soli anni di presenza.. per andare in pensione con 12.ooo euro.... e centinaia di benefit..

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    02 Dicembre 2011 - 13:01

    le caste e i privilegi sono sotto gli occhi di tutti, ma c'e' un clima nuovo : attenzione politici che la gente potrebbe davvero incazzarsi adesso non e' aria.

    Report

    Rispondi

  • Randon

    29 Novembre 2011 - 19:07

    Se la legge è uguale per tutti, cari professori, incominciate a dare voi il buon esempio e NON solo piccoli ritocchi: incominciate bene!!! il popolino deve vedere il vostro buon esempio, prima di farci pagare noi che non abbiamo nè panfili e nè ville, per noi che abbiamo lavorato una vita, 700 euro al mese sono un pò pochini per NOI........ma voi ve ne fregate!

    Report

    Rispondi

  • degrel0

    29 Novembre 2011 - 13:01

    vareranno provvedimenti contrastati dai sindacati.l'Europa chede la riforma dell'art,18 e questi ,solo al pensiero,se la fanno addosso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog