Cerca

Si va in pensione dopo 43 anni E la sinistra è già spaccata

Sale la soglia per l'anzianità. A rischio gli assegni di chi è già a riposo. Barricate della Cgil. Bersani indeciso: Non va bene tutto

Si va in pensione dopo 43 anni E la sinistra è già spaccata
La Cgil considera "inaccettabili" le ipotesi circolate sugli interventi che il Governo intende fare sulle pensioni (misure che però, ha spiegato Mario Monti all'Ecofin di Bruxelles, devono essere attuate in tempi rapidissimi, "altimenti "le conseguenze sarebbero molto gravi per tutti"). La sinistra appoggia il governo tecnico di Mario Monti ma già si trova davanti le barricate della Cgil. "Senza interventi sulla crescita e senza una vera svolta sull'equità - spiega il segretario confederale Vera Lamonica - il Paese non esce dalla condizione difficile che si è determinata. Il ventilato blocco dell'adeguamento all'inflazione delle pensioni in essere è esattamente il contrario dell'equità perchè colpisce le fasce più deboli, già impoverite dalla caduta del potere d'acquisto di salari e pensioni, e non in grado di reggere ulteriori colpi". Poi rincara la dose il segretario generale. La manovra sulle pensioni è ancora una nebulosa, ma nonostante l'urgenza secondo Susanna Camusso le riforme sono inaccettabili. Così il segretario si lascia andare a un commento sibillino: "Il governo deve sapere che 40 è un numero magico e intoccabile e mi pare che questo sia esaustivo della discussione". Così anche il leader del Pd, Pier Luigi Bersani, va dietro alla Camusso: "Sulle pensioni, su alcuni punti potremmo essere d'accordo, su altri no". Il segretario mette così le mani avanti, dopo aver appoggiato sempre e comunque Mario Monti. Segue l'articolo di Francesco De Dominicis: come cambiano le pensioni.

Sale silenziosamente il conto della manovra targata Mario Monti. Il Governo lavora a fari spenti, ma le cifre cominciano a prendere corpo: la correzione ai conti pubblici potrebbe arrivare a quota 20 miliardi di euro, compresi i 4 delle delega fiscale. Un po’ meno dei 27-28 miliardi di cui si è parlato la scorsa settimana e quasi il doppio, però, rispetto agli 11 miliardi indicati nel rapporto della Commissione europea.  Le misure del nuovo Esecutivo, salvo sorprese, dovrebbero essere messe sul piatto il 5 dicembre. Giusto in tempo per rovinare le feste di Natale. Ancora top secret i contenuti. Si ragiona, dunque, su ipotesi e indiscrezioni. Che sembrano far emergere la volontà di intervenire in materia previdenziale. E un primo esempio dei sacrifici che dovranno essere fatti  arriva dal Parlamento: metodo contributivo per tutti i nuovi e in pensione più tardi. 

Una mossa che deriva dalla necessità di dare un rapido segnale sul taglio ai costi della politica, prima che alle imprese e alle famiglie italiane venga presentato il salasso del Governo. Così  i Presidenti di Camera e Senato, in un gioco di sponda con palazzo Chigi, hanno deciso di far partire il metodo contributivo dal primo gennaio prossimo per i vitalizi. E di mandare senatori e deputati in pensione più tardi. Una novità che dà l’idea di un progetto battistrada che anticipa le ipotesi che potrebbero arrivare per tutti i cittadini. Si va infatti definendo meglio il pacchetto di interventi legati alla previdenza: blocco totale del recupero dell’inflazione per le pensioni per il 2012 (vale 5-6 miliardi ma già i pensionati della Cgil dicono «no») e l’aumento di due punti delle aliquote per i lavoratori autonomi (ora al 20-21% molto inferiore rispetto al 33% dei dipendenti) per fare cassa. Poi aumento dell’età per le pensioni di anzianità anche oltre i 40 anni, un anticipo delle misure previste per portare l’età delle donne a 65 anni (ora prevista al 2026 che invece sarebbe al regime nel 2020).

Ogni intervento in tema previdenziale deve passare però anche   dal vaglio delle parti sociali. Al momento sul tavolo c’è la   possibilità di un incontro informale per venerdì, un primo giro di   orizzonte sulle logiche di fondo che ispirano gli interventi. A   chiedere subito un confronto nel merito è stato ieri il leader della Cisl,   Raffaele Bonanni: Basta con queste notizie sulle pensioni, è   arrivato il momento di un confronto trasparente e pubblico sul tema,   perchè non possiamo lasciare ai media le ipotesi e le interpretazioni  su quello che accadrà in materia di previdenza». Per il resto le misure sul tavolo sono quelle discusse nei giorni scorsi.  Ici sulla prima casa, patrimoniale, aumento dell’Iva . Ma anche   dismissioni immobiliari da 5 miliardi l’anno fino al 2014 . 
Le misure sull’Iva potrebbero tradursi  in un ritocco dell’aliquota ordinaria oggi al 21% e di quella agevolata al 10% che potrebbe garantire tra i 6 e gli 8 miliardi. Nel menù delle misure ci sono anche interventi di contrasto all’evasione a partire dalla stretta sull’utilizzo del contante attraverso un abbassamento della soglia di tracciabilità a 300-500 euro.  Escluso, almeno per il momento, il ricorso alla patrimoniale in versione soft con un prelievo sopra il milione di euro. Misura a cui si oppone il Pdl. La patrimoniale potrebbe contenere anche un prelievo forzoso sui conti correnti bancari. E proprio ai piani alti degli istituti di credito il blitz è particolarmente temuto. Ieri il termometro è cresciuto sensibilmente e segnava febbre alta,  mentre a Roma saliva l’ammontare complessivo della manovra. Le cifre ballano. E a palazzo Chigi si lavora su diverse soluzioni. L’ultima  bozza, come accennato, prevede interventi robusti da oltre 20 miliardi di euro. Cifra legata anche al peggioramento del quadro economico: le stime Ocse di lunedì indicano una contrazione del Pil dello 0,5% per il 2012 contro un aumento dello 0,6% previsto dal governo Berlusconi e dello 0,1% stimato dalla Commissione europea. Nel caso in cui, invece, dall’Europa dovesse arrivare un’indicazione meno restrittiva, la manovra sarebbe più contenuta e scenderebbe a 13-15 miliardi.  
Anche sui contenuti le richieste di Bruxelles sono ancora tante e riguardano, a esempio, la maggior flessibilità in uscita nel mercato del lavoro (cioè l’articolo 18). Per quanto riguarda la delega fiscale il percorso è tracciato: entro fine gennaio 2012 dovrebbe esserci l’approvazione della delega. In ogni caso se non si metterà mano alla revisione e al taglio delle agevolazioni fiscali entro il 30 settembre 2012, scatterà automaticamente il taglio lineare per 4 miliardi di euro il prossimo anno di 16 miliardi nel 2013.
 
Una cura da cavallo sui conti  che dovrebbe riuscire a coniugare   rigore e crescita, senza  perdere di vista l’obiettivo   finale dell’equità. Per questo, nella logica del pacchetto organico, dovrebbero   troveranno spazio anche norme per  lo   sviluppo:  liberalizzazioni,  infrastrutture,  reti energetiche e  banda larga. Monti dovrà tener conto anche del fatto che gli stipendi degli italiani non riescono più a tenere il passo del caro vita. A ottobre la forbice tra il fiacco ritmo di crescita dei salari e la corsa dell’inflazione ha  toccato un nuovo record, raggiungendo il divario maggiore da almeno quattordici anni, ovvero dal 1997. L’ultima rilevazione Istat registra retribuzioni fredde: ferme su settembre e in rialzo dell’1,7% su base annua, lo stesso livello segnato già nei tre mesi precedenti. E  sempre a ottobre, i prezzi sono balzati al 3,4%, spinti dalla bolletta energetica e dall’incremento dell’aliquota Iva.
E oggi alla Camera dovrebbe prendere corpo la riforma della Costituzione con il pareggio di bilancio che diventerà una regola inviolabile. Prende corpo, frattanto, la creazione di una nuova authority. A Montecitorio, infatti, è stata messa a punto la norma che prevede la nascita di un «Organismo indipendente» di controllo delle finanze pubbliche. Libero ha già denunciato l’iniziativa del Governo Monti che pare essere inutile: l’ennesimo spreco a carico dei contribuenti. Non bastava rafforzare i poteri della Corte dei conti (invece di ridurli senza motivo) che peraltro ci invidiano in tutta Europa?

di Francesco De Dominicis
twitter@DeDominicisF

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • patrizia1992

    01 Dicembre 2011 - 12:12

    quanto guadagna il "democraticamente" eletto nuovo capo governo? "Solo" 72000 euro al mese (compresi i 25000 euro perchè è stato eletto anche senatore a vita dal compagno Napolitano). E chiede ai poveri cristi di fare sacrifici. Fra le sue varie "manovrine" non ho sentito parlare di riduzioni di stipendio, vitalizi e benefit dei politici, (a quante pare solo in Italia così strapagati e "coccolati) o mi sbaglio? E sì che sarebbe un bel risparmio. Ma no, la casta non si tocca. Del resto come diceva Petrolini (se non erro) i soldi bisogna prenderli dove si trovano, presso i poveri, hanno poco, ma sono tanti. Che schifo, se con Berlusconi eravamo nella m..... fino al collo, Monti e compagnia faranno "arrivare l'onda"

    Report

    Rispondi

  • krgferr

    01 Dicembre 2011 - 09:09

    Avendo avuto la ventura di essere, per ragioni di lavoro, a contatto con sindacati e uffici personale la situazione mi sembra quella classica dell'accordo a priori: uno, Monti in questo caso, propone 43 avendo necessità di 41; i sindacati si intestardiscono per 43 ma, per “ il bene del Paese “ accetteranno 42 potendo così vantare di fronte agli allocchi, pardon agli iscritti, il grande risultato della titanica lotta compiuta. E Monti in cambio dell'1 in più, non sperato, concederà il mantenimento dei privilegi fiscali e normativi ai difensori dei lavoratori. Saluti. Piero

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    01 Dicembre 2011 - 00:12

    Il mondo non è governato da perfetti imbecilli, ma da gruppi finanziari in mano a non più di qualche milione di furbissimi delinquenti dal bianco colletto e dalla totale impunità, che comandano Governi, banche, Stati (tutti!!!) e sono arbitri del destino di miliardi di essere umani; a questo ci hanno portato questo capitalismo disumano (spacciato per vero liberismo) ed una opposizione socialista spesso imbelle, quasi sempre ottusa (quando non collusa). Una opposizione socialista che, oltretutto, ha perso tempo e "faccia" infognandosi nella follia comunista-staliniana! Uscire da questo sterco, questo sì veramente "globale", sarà tutt'altro che facile se non impossibile.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    01 Dicembre 2011 - 00:12

    Magari l'ottuso massimalismo della CGIL fosse la vera, o unica, causa della melma nella quale stiamo affogando potremmo ancora sperare!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog