Cerca

Tutte le novità sulle pensioni Servono 42 anni di contributi

La riforma prevede il passaggio al contributivo per tutti, l'addio al tetto dei 40 anni di versamenti e il blocco degli adeguamenti

Tutte le novità sulle pensioni Servono 42 anni di contributi

I primi provvedimenti saranno approvati lunedì in consiglio dei ministri. E oggi, finalmente, si sa qualcosa in più sui dettagli di una riforma che cambierà le nostre vite, soprattutto la nostra vecchiaia. Il ministro del Welfare le ha illustrate più nel dettaglio:

Contributivo - Con la riforma Dini dal contributivo erano stati esclusi tutti coloro che a quella data, il 1995, avevano più di 18 anni di servizio e che mantennero il calcolo retributivo (pensione dell'(ottanta per cento della retribuzione dopo i 40 anni). Col metodo contributivo si terrà conto per tutti di quanto effettivamente è stato versato. Ma i risparmi che si recupereranno da questa riforma saranno minimi, un centinaio di milioni nei primi anni. Più si è vicini alla pensione meno si verrà penalizzati. Quindi la riforma riguarta pochissimi lavoratori anziani (chi aveva più di 18 anni di contributi nel 1995 è già andato in pensione)

Le donne e l'anzianità
- Bisognerà maturare 42 anni di contributi per poter accedere alla pensione d'anzianità, indipendentemente dall'età. L'attuale soglia è fissata a 40 anni. Andranno in pensione da subito a 62-63 anni e nel 2016-2018 si arriverà all'equiparazione della soglia di vecchiaia degli uomini che dovrebbe salire a 66-67 anni. Assegni di anzianità solo con 41-42 anni di contributi.  La soglia di vecchiaia per gli uomini sale da 65 a 66 anni. Per ottenere l'assegno bisognerà aver lavorato almeno venti anni.

Adeguamento - L'idea è quella di bloccare al più presto, al massimo nel 2013, l'adeguamento annuale delle pensioni all'inflazione, preservando solo gli assegni più bassi. Queasta misura permette di risparmiare molto anche 5 miliardi, ma non piace a sinistra e sindacati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    03 Dicembre 2011 - 20:08

    ....è una bella fregatura avere oggi il TFR nell'INPS..............Vorrei chiedere a MONTI e FORNERO se anche loro hanno il TFR versato all'INPS ? Ha questo punto direi che tutti i lavoratori si impegnassero a dirottare da subito il versamento del proprio TFR su altre soluzioni più vantaggiose per noi e non per questi vampiri di tasse. Adesso ho capito!!! Avete fatto tanta pubblicita perchè tutti i lavoratori facessero un fondo pensione perchè gia nei vostri studi bocconiani avete fatto abbocare tutta la popolazione che lavora a farsi una pensione integrativa...............DOVETE PARLARE CHIARO A NOI LAVORATORI perchè siamo per voi solo carne da macello...........

    Report

    Rispondi

  • aifide

    03 Dicembre 2011 - 17:05

    Il tentativo di trasformare i lavoratori in cadaveri che camminano, facendoli morire possibilmente il giorno dopo essere andati in pensione, è destinato a ritorcersi contro chi lo ipotizza: sono gli attuali componenti del governo golpista che sono politicamente, e non solo, cadaveri che camminano. Il grande Monti! Si dimetta subito prima che la folla inferocita, che prima lop osannava, lo assalga.

    Report

    Rispondi

  • mlgponte

    03 Dicembre 2011 - 14:02

    Al solito prevenuto che parla delle pensioni dei dirigenti come fossero dei furti dico che si vada a vedere quanti contributi hanno pagato certi dirigenti. Nel mio caso sicuramente quanto quattro/cinque volte (se non di più) quelli di un operaio. La pensione me la sono guadagnata e ladro è chi me la vorrebbe togliere o ridurre.

    Report

    Rispondi

  • mlgponte

    03 Dicembre 2011 - 14:02

    Quello che sindacati, sinistre, bocconiani e massoni vari non dicono è che, a differenza degli altri stati dove le pensioni vengono tassate come redditi da risparmio o cmq in misura minore dagli altri redditi, in Italia vengono tassate come reddito da lavoro dipendente. Bello schifo !!.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog