Cerca

Di Pietro va all'opposizione: sinistra perde un pezzo

L'Idv potrebbe non votare le misure di monti. Tonino rifiuta le consultazioni, si smarca dal Pd e cavalca la protesta

Di Pietro va all'opposizione: sinistra perde un pezzo

Era prevedibile, quasi scontato, ma succede ancora prima di quanto si potesse immaginare. Il leader dell'Idv ha, infatti, detto che il voto sulla manovra potrebbe non arrivare. Monti ha cercato di evitare un vero strappo invitando l'ex pm al giro di consultazioni che svolge oggi e domani, ma lui nha rifiutato: "Abbiamo dato una fiducia tecnica e chiediamo di poterci incontrare in Commissione e in Aula alla Camera, nelle sedi dove si illustrano i provvedimenti". Infatti oggi sarà lontano da Roma, per marcare la distanza dal governo ma anche dall'alleato Bersani che, invece, sulla riforma previdenziale sta cercando salvare capre e cavoli (il governo e i sindacati). Il capogruppo al Senato Felice Bellisario ha detto: "Se il governo metterà le mani sulle pensioni bloccando l'indicizzazione di quelle minime o colpendo chi ha pagato per 40 anni i contributi, il nostro voto non potrà che essere contrario. Specie se non verranno toccati i patrimoni, i capitali scudati, le rendite finanziarie". Insomma, Di Pietro si avvicina ai sindacati creando ulteriori grattacapi a Bersani. Tonino non usa mezze parole per bocciare le misure Monti: "Se tutto si dovesse ridurre ad andare a prendere i soldi agli italani, magari eliminando le pensioni e aumentando le tasse alle fasce più deboli, allora non c'era bisogno di un governo di professori, bastava un governo di malfattori".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Dream

    04 Dicembre 2011 - 14:02

    con Berlusconi e ora scassa con Monti...(dice le cose che posso dirle io,e altra gente del popolo,ma non lui!) non gli credo, lo fa solo per i "sacri voti," e i "sacri referendum" (anche quelli portano dane'!)

    Report

    Rispondi

  • toroinfuriato

    04 Dicembre 2011 - 12:12

    Finalmente l'aggettivo giusto: il governo dei malfattori. Colpire i deboli e le loro povere risorse accumulate solo perché assolutamente convinti di dovercela fare da soli senza poter contare sull'aiuto delle Stato. Lo Stato e' sempre rappresentato da un vampiro. Il primo risultato che hanno ottenuto e' quello di avere spaccato il Paese in un momento in cui sarebbe stata necessaria la massima coesione sociale. La Confindustria gode, i sindacati piangono (forse un pianto di coccodrillo perché forse fanno finta di rappresentare gli iscritti, ma forse fanno parte delle oligarchie dei potenti che se ne fregano di coloro che dovrebbero rappresentare). Dove sono le misure contro l'evasione? Pensate che una pensione minima non puo' essere pagata con una banconota da 500 euro perché il pensionato dovrebbe portarsi dietro il resto da dare in cambio. Ma andate a ca....re!!!

    Report

    Rispondi

  • zape01

    04 Dicembre 2011 - 11:11

    Il 27 Novembre scrissi su facebook che: alla fine scappa il matrimonio Berlusconi-Dipietro, non lo dico perché mi diverte, perché non é giusto (se é vero ) che si valichi la soglia dei quaranta per le pensioni, se lo si vuol fare, allora bisogna proporre delle alternative. Siccome al momento non vi sono, Dipietro/Lega non hanno tutti i torti. é pero giusto perseguire i falsi pensionati e a far loro rimborsare i danni (parliamo di equità)allo stato. Abbbassare di 2 punti % le imposte (crescita) con i quali si finanziamo le imprese che vogliono innovare, i startup creando nuovi posti di Lavoro, perseguendo gli evasori. Dopo di che anche noi Italiani all'estero possiamo fare anche noi la nostra parte. L'abolizione delle province altro punto importante, chi neha piu ne metta

    Report

    Rispondi

  • mainardi

    04 Dicembre 2011 - 10:10

    Il sig. Di pietro avrebbe dovuto stare all'opposizione di questo cosiddetto "governo" da nessuno eletto e frutto di un atto incostituzionale di G. Napolitano, da sempre nemico del centro destra e della Lega Nord in particolare, ed invece si è fatto ricattare dal PD altrimenti niente più alleanze al prossimo voto. Ora si accorge, ma vediamo se la sua posizione resiste 24h, che siamo cascati nella dittatura dell' economia e della finanza, che ci rovinerà. Facci risparmiare, vattene!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog