Cerca

Le consultazioni barzelletta: trentasei incontri in 90 minuti

Monti ci prende in giro: 70 incontri in due giorni. Oltre ai sindacati ci sono altre 28 rappresentanze. Sembra il dottor Tersilli

Le consultazioni barzelletta:  trentasei incontri in 90 minuti

Trentasei sigle sindacali, 28 rappresentanze dei Cocer e dei sindacati di polizia, le guide degli organismi che a livello nazionale riflettono le istanze dei Comuni, delle Regioni e degli Enti locali. Il tutto dopo aver ascoltato i leader dei partiti. In due giorni. Questo il frenetico programma di consultazioni di Mario Monti: una presa in giro.

Come il dottor Tersilli - All'interno del governo tecnico la chiamano fase di ascolto piuttosto che di consultazione. C'è anche chi, spingendosi più in là nella ricerca lessicale, la chiama "camera di compensazione". Viene piuttosto da pensare al mitologico Guido Tersilli, il medico della mutua interpretato da Alberto Sordi che affannosamente rincorre quanti più mutuati possibili: un immagine efficace per definire il Mario Monti di questa due giorni di consultazioni. Viene da chidersi, inoltre, come più di settanta tra opinioni, richieste e punti di vista possano incidere, anche in modo poco profondo, su una manovra i cui tempi sono contingentati: sarà partorita lunedì.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunero48

    04 Dicembre 2011 - 17:05

    E' finita l'epoca che per decidere quanta carta igienica acquistare era necessaria la concertazione.Se siamo arrivati al fondo della bottiglia lo dobbiamno anche a questo tipo di "ritualità", come dice Monti, fatta dai governi, sindacati e imprese. Mi pare ancora che vi sia tra i partiti e i gionralisti un numero elevatissimo di idioti che non ha capito che se non si mangia questa minestra poi ci si dovrà buttare dalla finestra. Se andremo a fondo saranno quelli che oggi gridano "al ladro al ladro!" a scagliarsi contro il governo Monti che non ha fatto abbastanza per rendere il Paese credibile di fronte ai mercati.Tutti qui ipocritamente a condannarli questi ultimi(i mercati) salvo poi piangere se non si hanno i denari per costruire le case, i ponti, le ferrovie o anche semplicemente per andarsene in vacanza o comprarsi il cellulare chic!Ma siamo seri.

    Report

    Rispondi

  • sdavids

    04 Dicembre 2011 - 09:09

    E le riforme strutturali? Ma che razza di governo è? Ma era necessario il capoccione di Monti per aumentare le tasse? Noi abbia necessità urgenti di riformare il nostro sistema paese, azzerare e riscrivere tutto su modelli nuovi e funzionali altro che tasse, solo con queste rallentiamo ancora!!!!!!!!!! Che tristezza. A casa l'euro c'ha strozzato e non è ancora finita!!!!!

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    04 Dicembre 2011 - 08:08

    Certo che tutte queste consultazioni sono una burletta.E credo che Monti, se potesse, ne farebbe volentieri a meno. Tra un po ci sarà anche la bocciofila di Montecitorio.Il fatto è che in questo sventurato paese oltre alla mafia, camorra , ndrangheta ecc.. deve contare anche su altre centinaia di organizzazioni a delinquere che stanno in parlamento e dintorni e tutte vogliono dire la loro se no si offendono. A questo ha portato il sistema della concertazione.Solo a creare centri di potere e di corruzione.Monti deve ignorarli ed andare avanti per la sua strada.Ma deve dare un forte segnale che vuole mettere fine alla corruzione, all'evasione fiscale e ai costi spropositati della politica altrimenti gli italiani non accetteranno i grossi sacrifici che si appresta a chiedere.

    Report

    Rispondi

  • pierfabro

    03 Dicembre 2011 - 21:09

    Berlusconi le raccontava....... monti non può prenderci in giro.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog