Cerca

Monti adesso viene criticato anche da chi lo ha voluto

Bechis: evviva, un editoriale duro sul Corriere contro il prof a cui i cronisti dicono "non risponda se non vuole"

Monti adesso viene criticato anche da chi lo ha voluto

 

Oggi "è il primo giorno del regime Monti dove è tornata un po' di libertà. Almeno sui giornali", spiega il vicedirettore di Libero, Franco Bechis: sul Corriere della Sera è apparso un editoriale critico nei confronti del governo tecnico. Evviva il Corriere, dunque, anche perché con Monti è nato un precedente giornalistico, quello del cronista che si inginocchia e premette al premier che "lei è ovviamente libero di non rispondere...". Guarda il videocommento di Franco Bechis.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Desdemona45

    05 Dicembre 2011 - 12:12

    Spettabile Presidente Gli scrivo con tutta l'umiltà di una donna che si sente una fallita.. Ho 45 anni, sono disoccupata anche se ho lavorato tanto, anche se gli ultimi 12 anni della mia vita sono stati interinali, quindi, presa e buttata via. Per questo, ho un curriculum molto ampio, ho esperienza di un po' di tutto, ma non mi vogliono a lavorare proprio perchè ho troppe esperienze e tutte a breve termine. Con uno stipendio di nemmeno 1000 euro, ci viviamo in 3 io, disoccupata e in cerca di lavoro che sarà sempre a tempo determinato , il mio compagno che si ammazza di lavoro tutti i giorni facendo straordinari per una cooperativa che di stipendio gli da la fame e lo stato gli sovrattassa gli straordinari ed un neonato di un anno tra pochi giorni. Non sono egocentrica, e scrivo perchè, come me, ce ne sono tante, troppe famiglie che, anche solo l'aumento del gasolio per poter andare al lavoro è un lusso.. Come pensa che possiamo pagare tutti gli aumenti se, non ne abbiamo per mangiare?

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    05 Dicembre 2011 - 10:10

    Poi si ignora quella Patrimoniale che tutti si aspettavano, ricchi compresi (anche se smembrata in più voci e col timore di fuga). Neppure un cenno di ammiccamento per il Popolo che lo aspetta, sul ridimensionamento degli Organi di rappresentanza statale e regionale, anche se successivamente non esclusi (..."il nostro lavoro non finisce qui")...come ad evidenziare, sul piano delle garanzie, una non adeguata psicologia da incoraggiamento ? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    05 Dicembre 2011 - 10:10

    Ci si aspettava qualcosa di più equo...tanta attesa per una delusione inaspettata, come nei più deludenti pacchi di Natale. Sul piano scenico della conferenza, di aspetto soft, non può bastare una bella pagina deamicisiana (come non capitava da tempo) del ministro Fornero, commossa alle lacrime, da non poter pronunciare la parola "sacrificio", smorzata poi da successive inquadrature sulle orecchie del ministro Giarda (possibile poi, che un evento così primario sia stato trasmesso soltanto da "La 7"?). In sostanza...nella più perfetta continuità, come a dire : tecnici=politici. Ancora una volta è toccata ai "soliti noti". Per un'Italia da salvare...non si può assistere soltanto alla tutela delle pensioni minime (..=iniquità) e sospendere l'indicizzazione a quelle subito superiori, sui mille euro, con un'inflazione galoppante sopra il 3% ? (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • SergioLivio

    05 Dicembre 2011 - 09:09

    Tutto è criticabile. Quello che penso però, su uno sbaglio criticabilissimo, è quello di bloccare gli aumenti della inflazione per pensioni massime pari a circa € 900 dato che una cifra del genere è considerata da fame. Dovevano portare il limite almeno a € 1.500. Ho controllato la mia pensione INPS per vedere gli aumenti annuali causati dall'inflazione è ho visto che ho ricevuto un aumento del 1,40% lordo. Pertanto in questi ultimi 10 anni abbiamo perso il potere di acquisto di una cifra considerevolisima. Grazie Sergio Lenassi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog