Cerca

Come cambiano le pensioni: subito contributivo per tutti

Le novità: stop alle rivalutazioni, addio alla finestra mobile, mazzata sull'anzianità, sale l'età per le donne nel settore privato

Come cambiano le pensioni:  subito contributivo per tutti

Il ministro Elsa Fornero ha spiegato che le novità in maniera previdenziali si basano "sul principio della felssibilità nel pensionamento. Vogliamo reintrodurre una flessibilità e accompagnare con incentivi il proseguimento dell'attività lòavorativa. Abbiamo passato al setaccio il sistema pensionistico - ha aggiunto - per individuare privilegi ed eliminarli o attenuarli". Ecco tutte le novitò in materia previdenziale.

Contributivo per tutti - Il metodo contributivo pro rata sarà esteso a tutti, anche a coloro che avendo cominciato a versare contributi prima del 1978 avevano mantenuto il metodo retributivo. Per questi lavoratori il nuovo meccanismo varrà dal 2012 e quindi gli anni di lavoro fino al 2011 saranno calcolati con il retributivo.

Blocco delle rivalutazioni - Le pensioni in essere saranno congelate per il 2012 e il 2013 rispetto all'inflazione. Il premier Monti ha sottolineato che "grazie ai proventi derivanti dal bollo sullo scudo fiscale possiamo dare non metà copertura dall'inflazione, come pensavamo, ma piena compertura dall'inflazione anche per le pensioni comprese tra quella minima che è di 480 euro e la doppia della minima".

Addio alla finestra mobile - Scompare il meccanismo della decorrenza di 12 mesi per i dipendenti e di 18 mesi per gli autonomi che era previsto nella manovra del 2010 a partire dal 2011 e che di fatto allungava i tempi per accedere al pensionamento. Il periodo sarà assorbito nei requisiti che per la vecchiaia degli uomini dipendenti, dal 2012, saranno pari a 66 anni (i 65 attuali più i 15 di finestra). Autonomi in pensione a 66 anni e mezzo (65 anni più i 18 di attesa della finestra mobile).

Privato, aumento età donne - Accelerata sull'incremento dell'età di vecchiaia delle donne dipendenti del settore privato: dal 2012 andranno in pensione a 63 anni mentre entro il 2018 saranno a quota 66 come gli uomini (64 anni nel 2014, 65 nel 2016...). Accelerata anche per le donne del settore pubblico: a 66 anni dal 2012. Lo scalino tra il 2011 e il 2012 sarà dunque di due anni poiché per il 2011 le donne dipendenti del settore privato uscivano a 60 anni più 12 mesi di finestra mobile, quindi a 61 anni.

Mazzata sull'anzianità - Sono abolite le cosiddette quote (età più contributi) e per i dipendenti dal 2012 sarà possibile uscire dal lavoro in anticipo rispetto all'età di vecchiaia solo con almeno 41 anni di contributi per le donne e 42 per gli uomini. Oggi gli anni di lavoro necessari per andare in pensione indipendentemente dall'età anagrafica erano 41 anni per uomini e donne (40 più la finestra mobile). Gli autonomi invece andranno in pensione prima dell'età di vecchiaia con 41 anni e mezzo di contributi per le donne e 42 e mezzo per gli uomini. Sparisce inoltre il termine anzianità: si chiamerà pensione anticipata.

Aliquote autonomi - Crescono le aliquote contributive degli autonomi di 0,3 punti ogni anno per arrivare a 2 punti percentuali nel 2018 (oggi sono al 20-21% per commercianti e artigiani a fronte del 33% dei dipendenti).

Fascia flessibile - Per le donne sarà prevista una fascia flessibile per il pensionamento tra i 63 e i 70 anni mentre per gli uomini sarà tra i 66 e i 70. Ci saranno penalizzazioni per chi esce dal lavoro prima e vantaggi per chi esce più tardi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Dennis98

    05 Dicembre 2011 - 22:10

    A piangere saranno tutti quelli che erano prossimi ai 40 anni di contributi,persone che si sono spaccati la schiena dall'età di 14 anni o ancora prima, con l'adolescenza negata,passata a lavorare per aiutare la famiglia, facendo, i lavori più umili e usuranti, a cui le aspettative di vita non daranno scampo........oltre il danno la beffa,......definiti.....PRIVILEGIATI....di tutto questo dobbiamo.... (RINGRAZIARE)....la ministra Fornero,la sua pensione per aver proposto questo ,si innalzerà,...(RINGRAZIAMO)...pure,..il PDL e il PD,la LEGA,che con i suoi blà blà blà,non risolve mai niente,ma sopratutto,...(RINGRAZIAMO)....il direttore di Libero ...BELPIETRO....che appena poco tempo fà, muoveva la sua battaglia sul giornale e in questo sito,contro ..(I PRIVILEGIATI)...avendo loro lavorato per 40 anni,e il sistema figurativo della loro pensione,....APPUNTO......quello che ci ha chiesto la Fornero

    Report

    Rispondi

  • pino7848

    05 Dicembre 2011 - 11:11

    Ho 63 anni. Quale datore di lavoro sarà disposto ad assumermi?

    Report

    Rispondi

  • Ade

    05 Dicembre 2011 - 11:11

    comunisti tutti zitti e magnate er pappone, pe chi nun sà che è er pappone magna e zitto.

    Report

    Rispondi

  • gado53

    05 Dicembre 2011 - 09:09

    La ministra EMMA piange !!! uccidi i pensionati ; non si fa pagare l'ICI agli immobili del Vaticano. Si comperano Cacciabombardierei e carri armati, missioni militari all'estero costose ed inutili. Pero' si toccano le pensioni, pianga ministro, pianga ne ha ben ragione. pero' non ci prenda in giro !!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog