Cerca

Grande Fratello fiscale: 1.000 euro al massimo se paghi in contanti

Nella manovra varata dal governo di Monti la nuova soglia di tracciabilità contro l'evasione

Grande Fratello fiscale: 1.000 euro al massimo se paghi in contanti

C’era chi, Dario Franceschini capogruppo del Partito Democratico alla Camera, chiedeva quota 100. In realtà si temeva che il tetto arrivasse a 300 o 500 euro. Alla fine la soglia per l’uso del contante è passata, nelle intenzioni del governo Monti dagli attuali 2.500 euro a mille. Tutto nel segno della cosiddetta tracciabilità: la possibilità cioè di ricostruire una transazione economica e quindi prevenire l’uso del sistema finanziario per il riciclaggio o il fianziamento del terrorismo. Insomma: meno banconote e più bancomat. E su questo versante è intervenuto il viceministro all’Economia Vittorio Grilli che, dopo aver confermato il tetto dei mille euro per la tracciabilità, ha aggiunto che il governo chiederà al sistema bancario e ai provider delle carte di credito «una revisione delle commissioni, considerato che aumenteranno enormemente le transazioni elettroniche».

La misura rappresenta il fiore all’occhiello del pacchetto antievasione dei professori, ma stando alle voci più critiche non servirà a risolvere il problema. Perché alla fine i furbetti avranno modi e tempi per trovare stratagemmi alternativi, mentre a pagare resteranno sempre i soliti noti. Probabile.

Anche perché stando ad alcuni dati pubblicati negli scorsi giorni da Libero tratti dalla relazione del ministero dell’Economia sull’antiriciclaggio sembra che in Italia l’uso del contante sia già abbastanza limitato. Con alcune differenze, certo. Nell’Italia Nord-Occidentale il peso del contante rispetto al totale delle movimentazioni è appena dello  0,67% e tocca l’1,76% in quella Nord-Orientale. Mentre al Centro si arriva appena allo 0,5%. Poi aumenta gradualmente quando si scende al verso il Sud e le isole, senza però mai sfiorare la doppia cifra. Nel Mezzogiorno tocca il  7,61 e in Sardegna e Sicilia l’8,59%. Per non parlare poi del  discorso della privacy.

Fatto sta che Monti sul capitolo evasione pare puntarci molto. Ha parlato di una priorità. E ci ha fatto anche dell’ironia quando ha detto che  «una misura di lotta all’evasione è un non misura, cioè i non condoni. Abbiamo adottato misure significative contro l'evasione fiscale e vedrete che i nostri provvedimenti sono incisivi. Abbiamo inoltre sottoposto noi stessi a disciplina dimagrante».  E del resto il bottino è ghiotto. Si parla di circa 120 miliardi di euro che gli italiani ogni anno evadono. Ben tre punti del prodotto interno lordo del Paese ai quali tutti i governi di destra e sinistra hanno sempre puntato.  Il problema è capire se quello della tracciabilità, con il limitre di mille auro all’uso del contante, sia il modo giusto per arrivarci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    05 Dicembre 2011 - 17:05

    E' la solita furbizia per non introdurre lo scarico di fatture e parcelle dagli imponibili, obbligando di fatto chi incassa a denunciare l'incasso. Nè politici nè tecnici sono capaci in italia di azioni oneste e risolutive dei problemi di civiltà che ci affliggono. Ha ragione Renzi, bisogna rottamare tutta la classe dirigente, o ladrocinante, che supera i 40 anni. Visti i risultati che ci hanno dato in questi decenni ci sarebbe da IMPICCARLI .

    Report

    Rispondi

  • albertodalecco

    05 Dicembre 2011 - 09:09

    Io sono di centro destra, tanto per dirlo subito. Come tanti, sono lavoratore dipendente e pago (necessariamente) già tutte le tasse. Perchè scrivete un articolo con questi toni drammatici sul 'grande fratello' , sullo 'spiare i cittadini ecc. ecc.' ? Alle gente come me non dà alcun fastidio l'abbassamento della soglia di tracciabilità, vorrei che questo fosse chiaro anche a voi giornalisti. Guardate che non ci sarà nessun guardone che sta in un ufficio a sbirciare queste liste, se non altro perchè conterranno miliardi di movimenti. Idem lo stracciarsi le vesti del PDL sulla patrimoniale: ma che problemi deve dare al cittadino medio la patrimoniale per chi possiede più di 1,5 milioni di Euro? Ma chi ce l'ha tutta 'sta roba? Piuttosto vedete di scrivere qualcosa sul fatto che i soliti operai forestali (inutili) calabresi e siciliani non sembrano essere toccati dal nuovo governo. Lì ce n'è di spesa inutile, altro che le pensioni di anzianità. Forza, commentate i mancati tagli!

    Report

    Rispondi

blog