Cerca

Almeno una buona notizia. svuotate le province

Segnale anti-casta: abolite le giunte, i presidenti dovrebber essere nominati da un Consiglio di 10 membri

Almeno una buona notizia. svuotate le province

Monti comincia a tagliare i costi della politica. Con la manovra anti crisi approvata ieri vengono modificate le norme che regolano le Province: «Verranno profondamente modificate», ha annunciato il premier Mario Monti. Precisando: «Non abbiamo potere di cancellarle. Ma nel decreto legge approvato dal consiglio dei ministri le modifiche apportate prevedono solo dieci componenti». Gli organi previsti «vengono riportati al ruolo di governo intermedio», con «una drastica riduzione dei consiglieri».

Monti entra nel dettaglio delle misure che tagliano i costi della politica: «Si stabilisce il principio della gratuità delle cariche elettive negli organi territoriali non previsti dalla Costituzione che si considerano a titolo onorifico. Abbiamo anche ridotto il numero dei componenti delle otto Autorità indipendenti: da complessivi 50 membri a 28, presidenti compresi».

Questo è solo il primo intervento, assicura Monti. «È ovvio che si deve fare di più. Nel decreto non ci sono parole o intenzioni. Ma abbiamo deciso in parallelo di avviare un iter per quanto riguarda i costi della politica». Tuttavia il taglio fa infuriare il presidente dell’Unione delle Province Giuseppe Castiglione: «Il provvedimento, nei termini in cui lo ha illustrato il Presidente Monti, è palesemente anticostituzionale». Altro che dialogo e confronto: «Il premier dimostra di non avere alcun rispetto per le istituzioni della Repubblica e smentisce quanto ci aveva dichiarato oggi nell’incontro farsa prima del consiglio dei Ministri. È evidente che con questo atto si apre un duro conflitto istituzionale, di cui certo il Paese non ha bisogno».

L’Upi chiama in causa il Quirinale: «Facciamo appello al Presidente della Repubblica, perché vigili attentamente, prima di firmarlo, sul rispetto della Costituzione vigente. Tra l’altro, ridurre il taglio dei costi della politica alla cancellazione delle giunte e alla riduzione dei consigli provinciali è ridicolo, e dimostra un pressapochismo e una impreparazione che da un governo tecnico davvero non ci saremmo aspettati», conclude Castiglione.

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauro monti

    05 Dicembre 2011 - 18:06

    Monti ha affermato la gratuità delle cariche elettive negli organi territoriali non previsti dalla Costituzione: Poichè le circoscrizioni non sono previste dalla costituzione mi piacerebbe sapere se continueremo a "foraggiare" consiglieri e coordinatori che non contano nulla in enti altrettanto inutili. Le cifre- prese singolarmente- possono sembrare esigue, ma sommate alle centinaia e centinaia di circoscrizioni esistenti in Italia , risulta che la somma totale non è certamente esigua.

    Report

    Rispondi

  • spyke4race

    05 Dicembre 2011 - 18:06

    Finalmente, avanti cosi, decisi. Piccoli potentati di politici piccoli piccoli, contornati di ruffiani e trombati.

    Report

    Rispondi

  • bepper

    05 Dicembre 2011 - 17:05

    Castiglione dovrebbe ricordare che il programma del suo partito prevedeva la cancellazioone delle province, modificato dopo le elezione per sussiego alla Lega, in cancellazione delle province inutili, come la sua Catania, buco nero dell'amministrazione pubblica.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    05 Dicembre 2011 - 16:04

    Una goccia di CIVILTA' nel mare incivile della pubblica amministrazione. Sono un milione trecentomila i parassiti che vivono di politica, che non solo percepiscono stipendi a ufo ma che ci portano costi indotti dagli interessi personali e particolari di cui sono portatori da quei politicanti che sono. Il provvedimento dell province è una goccia nel mare magnum di quei 150 miliardi di spreco pubblico ANNUO che ci costa questo stato africano. Anche i tecnici, burocrati alla fine, hanno toccato SOLO la punta dell'iceberg tralasciando il corpo sommerso che rappresenta il 90% dello schifo. Se i politicanti non cancellano sprechi e privilegi, se i tecnici si mostrano a loro volta incapaci, ALLORA BISOGNA CANCELLARE TUTTA LA COSIDDETTA CLASSE DIRIGENTE AL DI SOPRA DEI 40 ANNI, BUTTARLI VIA PERCHE' I RISULTATI CHE DA DECENNI CI TIRANO ADDOSSO CI HANNO ORMAI DISTRUTTI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog