Cerca

Irpef, la mazzata regionale: novanta euro a famiglia

Cambia la quota fissa nazionale: dallo 0,90% sale all'1,23%. Una famiglia tipo con reddito sotto i 32mila euro verserà 90 euro all'anno

Irpef, la mazzata regionale:  novanta euro a famiglia

La stangata di Monti passa anche dall'addizionale regionale Irpef. La quota fissa su base nazionale passerà dallo 0,90% all'1,23%, a cui si aggiungerà una quota disposta dalle singole Regioni che può raggiungere un massimo dello 0,50%. Secondo Federconsumatori e Adusbef l'aumento in soldoni sarà di 90 euro all'anno per un nucleo familiare-tipo composto da due genitori, un figlio, un membro che lavora a tempo pieno, uno part-time e un reddito che non supera i 32mila euro all'anno con casa di proprietà e risparmi per meno di 50mila euro. Le aliquote del 41 e del 43%, dunque, non sono state toccate, ma il governo punta comunque a raccogliere liquidità "in spiccioli".



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • renzoarde

    07 Dicembre 2011 - 00:12

    Nel 2012 e 2013 le pensioni no avranno adeguamento ISTAT e saranno di entita' inferiore al 2011 per via dell'aumento delle aliquote di addizionale IRPEF regionale. Ricordiamoci che il reddito fisso dall'introduzione dell'euro ha gia' perso il 40% di potere d'acquisto. Manovra tecnicamente inadeguata in quanto non rispetta la progressivita' e penalizza il monoreddito. Infatti,non capisco perche'se un capofamiglia monoreddito che prende 1600 euro non riceve l'adeguamento e due coniugi che percepiscono 900 euro e quindi un totale di 1800 euro prendono l'adeguamento. Penso che se il PD approva questa manovra sulle pensioni si gusdagna l'opposizione per i prossimi 20 anni.

    Report

    Rispondi

  • ziociro0

    06 Dicembre 2011 - 12:12

    per chi non lo sapesse il nostro governatore Caldoro già quest'anno ci aumentò l'addizionali e si mangio l'adeguamento della pensione che rimase la stessa dell'anno precedente quest'anno visto che il salvatore dell'Italia ha deciso che le pensioni non devono essere adeguate al costo della vita( cosa che non è mai successa perche se se l'adeguamento era del 3% a noi pensionati ci davano 1%)quindi le addizionali andranno ad incidere sulla pensione diciamo a napoli faccio curnuto e mazziato e cosi vedrò diminuire la mia pensione cosa che ho avuta dopo 40 anni ditelo al salvatore d'Italia che ha concesso ai governatori che oggi dicono che sono stati sentiti

    Report

    Rispondi

blog