Cerca

Le 11 domande di Libero al Prof

Giornalisti bonari con il neo presidente del Consiglio ma restano tanti aspetti da chiarire: qualche suggerimento a Vespa per stasera

Le 11 domande di Libero al Prof

Mario Monti si è concesso a più conferenze stampa in queste due settimane e più da quando è diventato presidente del Consiglio. Il professore non fugge le domande, e spesso cerca il rapporto con i giornalisti, come faceva anche quando era commissario della Ue. Non è mancato lui, sono mancate però le domande. Perché con quella piaggeria che spesso la stampa ha nei confronti di nuovi potenti, a ogni conferenza le richieste più pungenti sono state: «Professore, come sta? È stanco? È contento?», e giù di lì. Terminato l’ultimo Ecofin la scorsa settimana si è raggiunto l’apice. Un giornalista italiano ha fatto a Monti una domanda anche interessante sui vertici di Finmeccanica, premettendo però un inusuale: «Lei è libero di non rispondere».

Siamo giunti a questo record: uno la domanda la fa, ma non sia mai che pretenda una risposta. E mette le mani avanti subito. Con questo nuovo stile della stampa italiana, improvvisamente assai diverso da quello che caratterizzava le precedenti conferenze stampa a palazzo Chigi, c’è da temere per la prima uscita televisiva del prof. Monti, questa sera nel salotto di Porta a Porta. Siamo certi delle domande di Bruno Vespa, ma se può servire a ravvivare un po’ la serata, ne suggeriamo sommessamente qualcuna pronta per l’uso.

Si potrebbe a chiedere a Monti perché palesemente ha concesso al suo ministro Dino Piero Giarda di sventolare una bugia presentando la manovra economica domenica sera. Giarda infatti ha accusato i giornali di essersi inventati di sana pianta, perfino nei titoloni dei giorni precedenti, un aumento delle aliquote Irpef. Siccome quell’aumento era scritto nero su bianco nel testo in entrata in consiglio dei ministri, che cosa ha convinto il governo ad accantonarlo? C’è qualcuno fuori dal consiglio dei ministri che ha favorito quella (saggia) idea? È stato il Pdl? Beh, è importante sapere chi e come ha messo nei binari quella manovra.

Ad esempio: è stato Bersani a chiedere a Monti di inserire la mini-tassa su chi aderì allo scudo fiscale? E il premier, se ha accolto la richiesta, è convinto che sia equa quella una tantum sugli scudati rispetto alla imposta di bollo contemporaneamente inserita su tutti i contratti bancari e finanziari? E, visto che siamo in tema, Monti è sicuro che quello specchietto per le allodole funzioni davvero? Quanti di quegli scudati pensa di scovare ancora? E se non li scova, toglierà i soldi ai pensionati che prendono più di 500 euro al mese, visto che l’adeguamento di quegli assegni alla inflazione era coperto con la tassa sullo scudo fiscale? Visto che ci siamo, anche filasse tutto perfetto, considera un esempio di equità avere congelato l’indicizzazione degli assegni pensionistici sopra i mille euro al mese? Mille euro nella nuova Italia è uno stipendio da ricchi?

Siccome l’equità è lo slogan principale con cui è stata presentata la manovra economica, vediamo un po’ quanto è equa la supertassa sulla casa che da sola vale quasi mezza manovra. Professore Monti, hai mai letto il rapporto del suo ministero dell’Economia sugli immobili in Italia? Avesse preso in mano quello 2011 avrebbe letto che il 72% dei proprietari di immobili ha un reddito complessivo inferiore ai 26 mila euro lordi annui. Le sembra uno stipendio da ricchi? Crede che sia equo avere tassato loro la casa di abitazione aumentando pure gli estimi del 60%, o le sta per scappare una lacrimuccia dopo avere fatto la frittata come è capitato al suo ministro Elsa Fornero?

Scorrendo il testo della manovra trovo. Prima parte: garanzia dello Stato su tutte le obbligazioni ed emissioni bancarie fino al tetto del patrimonio netto di vigilanza. Poi: contante limitato a 1000 euro, e obbligo al di sopra di utilizzo di pagamenti elettronici o bancari. Terzo: obbligo per chiunque attenda 500 euro dallo Stato di aprire un conto corrente bancario a condizioni speciali. Vale anche per i pensionati. Quarto: obbligo per artisti e professionisti dello spettacolo di aprire un conto corrente per l’attività di impresa. Mi fermo, ma c’è dell’altro: non le sembra di avere fatto un numero impressionante di regalini alle banche italiane? Se le è inventate lei quelle norme o c’è qualcuno che gliele ha suggerite? Chi? E per rimanere all’equità, credo che sia equo costringere una pensionata a 500 euro al mese ad aprirsi un conto corrente bancario?

Le lascio qualche domandina in fondo, più generale. Quali delle misure che poi abbiamo visto ha anticipato ad Angela Merkel e soprattutto cosa è sembrato al cancelliere tedesco così impressionante? E ancora: in questa manovra ha soprattutto aumentato tasse (e contributi previdenziali). Per portare in alto un’asticella fiscale non ci vuole un professorone, basta un bambino. Sta preparando qualche idea un po’ più innovativa per il futuro? Ad esempio, ha in mente qualcosa sulla riduzione del debito pubblico? Nella sua manovra c’è una sola norma, quella sulla vendita delle quote Co2. Non le sembra un po’ poco di fronte alla emergenza? E sta squadrona di professori, dopo avere svolto il compitino banale che abbiamo visto domenica, la facciamo lavorare sul serio? C’è un bel banco di prova: fra sei mesi aumenterà l’Iva di due punti senza starci troppo a pensare, o in tutto quel tempo i professoroni saranno capaci di inventarsi meraviglie alternative? Altrimenti, che li ha chiamati a fare a palazzo Chigi e dintorni?

di Franco Bechis

Ecco le undici domande di Libero:


1) Perché ha lasciato che Giarda dicesse una bugia sull'Irpef, sostenendo che mai avete pensato ad aumentarla?

2) Visto che l'aumento Ipref era scritto nella manovra in entrata, perché ha cambiato idea, e chi gliel'ha fatta cambiare?

3) E' stato Bersani a chiederle di inserire la mini-tassa su chi aderì allo scudo fiscale? E adesso che l'ha messa, realisticamente, quanti di quegli scudati pensa di scovare ancora? Se non li scova, toglie i soldi anche ai pensionati che prendono più di 500 euro al mese?

4) Ha mai letto il rapporto del suo ministero dell'Economia sugli immobili in Italia? Lo sa che quello 2011 dice che il 72% dei proprietari di immobili ha un reddito complessivo inferiore ai 26mila euro lordi annui?

5) Le sembra ricco chi ha un reddito di 26mila euro lordi all'anno? Crede che sia equo avergli tassato la casa aumentando gli estimi del 60%?

6) Perché ha inserito nella manovra un numero impressionante di norme a favore del sistema bancario italiano? Chi gliele ha suggerite?

7) Lei crede che costringere un pensionato a 500 euro al mese ad aprirsi un conto corrente bancario sia una misura equa?

8) Quali delle misure che poi abbiamo visto ha anticipato ad Angela Merkel e soprattutto cosa è sembrato al cancelliere tedesco così impressionante?

9) In questa manovra ha soprattutto aumentato tasse (e anche contributi previdenziali). Per portare in alto un'asticella fiscale non ci vuole un professorone, basta un bambino. Sta preparando qualche idea un po' più innovativa per il futuro?

10) Ha in mente qualcosa sulla riduzione del debito pubblico? Nella sua manovra c'è una sola norma, quella sulla vendita delle quote Co2. Non le sembra un po' poco di fronte alla emergenza?

11) Fra sei mesi aumenterà l'Iva di due punti senza starci troppo a pensare o finalmente farà lavorare un po' la sua squadra di cervelloni per escogitare un'alternativa?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    07 Dicembre 2011 - 17:05

    Sei proprio un babbione. Chi sta gongolando felice è chi non ha aderito allo scudo per quanto gli sta andando bene. Chi non è per niente felice è chi si è fidato ancora dello stato e delle sue promesse vane ed ora si vede ritorchiato. Stai pure sicuro che tutti quelli che hanno portato i loro quattrini all'estero non ripeteranno mai più l'errore di fidarsi di uno stato bugiardo e rapace.

    Report

    Rispondi

  • Saviano R.

    07 Dicembre 2011 - 10:10

    che ha favorito enormemente le banche, ma anche che non ha toccato 1 euro alla chiesa ... proprietaria di centinaia di miliardi in immobili e terreni, per non parlare dei conti in banca ! sarà che la maggior parte del governo proviene dall'università cattolica e ne trae ancora beneficio ... ?!

    Report

    Rispondi

  • Faraxius

    07 Dicembre 2011 - 09:09

    ...LACRIME E SANGUE??? Io non ho sbagliato nulla, devo pagare "IO"??? chi è stato "delegato" da ME per mio conto, col voto QUI E IN EUROPA, da ieri a oggi SBAGLIA e nella manovra NON PAGA????????????? quel CRIMINALE deve tornare a CASA subito e spiego il mio semplice "PERCHE": aumentate le pensioni? PRIMA TOGLIETEVI LE VOSTRE DOPO UN ANNO DI PARLAMENTO!!!!!!!! manovra correttiva???? PRIMA DIMEZZATIVI GLI STIPENDI PERCHE' AVETE SBAGLIATO VOI POLITICI INFAMI......basta....non servirebbe altro per comprendere la MALAFEDE di questa gente... dopo potrebbero presentare "tutto il resto" e notate una "differenza"..su repubblica c'è scritto "necessario" ed ecco che nessuno "si indignatos" SERVI SERVI SERVI SERVI SERVI SERVI SERVI CHE CREDETE DI POTER DIRE AGLI ALTRI "SERVI"...FANTOCCI che vi fate rigirare come AGNELLI MANSUETI AL MACELLO..ora PAGATE PURE VOI CHE "PRIMA" NON ARRIVAVATE A FINE MESE...ora invece SI, del resto se lo scrivevano da soli sulla "maglietta", no? ve lo ricordate? ;)

    Report

    Rispondi

  • vinnie81

    07 Dicembre 2011 - 09:09

    Caro vgrossi, se a 30 anni sono laureato non vuol dire che il lieto evento sia accaduto nell'ultima sessione! Lavoro da 5 anni (ho seguito il nuovo percorso universitario, 3+2, università pubblica); preso in stage per 6 mesi, sono stato assunto subito dopo a tempo indeterminato. Mi sembra che lei non distingua tra mondo reale e mondo ideale: se pretende una giustizia omnicomprensiva rimarrà sempre deluso da tutti (tranne che dai suoi idoli, almeno finché tali, proprio perché al di fuori del suo universo di giudizio). Rilegga il suo commento: in primis, senza neanche conoscermi, cerca di svilire la mia persona per poi darsi un connotato di superiorità (perché non citare anche il lemma di Ito, problemi vari di ottimizzazione e un sociologo tipo Castells o Bauman che non fanno mai male?). Solo in seconda battuta esprime i suoi giudizi. Se non è superficialità questa, è perlomeno supponenza mista a insicurezza. Cordiali saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog