Cerca

Napolitano firma la manovra: "Si è evitata la catastrofe"

Capo dello Stato: "Maggiore l'impatto di riforme che arrivano in ritado". Fini: "Il sì del Parlamento entro Natale"

Napolitano firma la manovra:  "Si è evitata la catastrofe"

Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha spiegato che "l'approvazione della manovra da parte del Parlamento arriverà in tempi solleciti. Credo si possa dare per acquisito che il Parlamento, quindi Camera e Senato, approveranno prima della pausa natalizia la manovra finanziaria". Quindi l'intervento di Giorgio Napolitano, che spiega come "quando certe riforme, decisioni e misure arrivano in ritardo, è maggiore l'impatto, l'insoddisfazione, la preoccupazione e il dissenso". Il Capo dello Stato riconosce che il pacchetto anti-crisi varato da Mario Monti è una stangata per gli italiani, ma spiega che a suo parere era l'unica strada percorribile: "Con franchezza dobbiamo dire che ora stanno arrivando giusto in tempo per evitare sviluppi catastrofici". L'inquilino del Quirinale spiega di essere "convinto che faremo ciascuno la propria parte con spirito di giustizia ma anche con spirito di sacrificio", sacrifici che non sono "come quelli che affrontarono i patrioti per l'indipendenza, però abbiamo da fare oggi quello che richiede l'esigenza di salvaguardare il futuro dei giovani e il futuro dell'Italia, la nostra appartenenza alla comune patria".

Sul precedente governo - Napolitano poi respinge le accuse di chi sostiene che avesse cercato di pilotare la fine del governo Berlusconi: "Ho sempre mantenuto massima distanza e rispetto per il nuovo governo. E non sono mai entrato nel merito del governo precedente perchè è alle forze del Parlamento che spettano le valutazioni. Ho motivo di esprimere grande rispetto per la tensione morale e per la fatica che il governo sta esprimendo in momenti così difficili". Quindi la spiegazione della scelta di Monti: "Ho creduto di dover fare, nei limiti che la Costituzione mi impone, una scelta che aprisse uno spiraglio migliore per il Paese affidando a Monti l'incarico di formare questo governo". Quindi un richiamo all'Europa: "Dobbiamo fare quello che richiede il futuro dei nostri giovani e dell'Italia e la nostra appartenenza alla comune patria europea. Lo dobbiamo fare per riconquistare rinnovata autorevolezza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabrizioch

    10 Dicembre 2011 - 23:11

    Presidente la catastrofe è già in atto,,,,, bisogna ridurre gli stipendi ai politici, eliminare i privilegi,,,ma gli italiani non sono tutti uguali?? ridurre gli stipendi ai politici, per oltre 20 anni hanno preso più del massimo della media europea, per i prossimi 20 anni prendete il minimo della media europea,,,e poi siete in troppi,,,,tagliare, ridurre, 200/300 tra camera e senato son più che sufficienti,,,gli altri a casa.......cosi si salva il paese,,,,riducendo tutto a cominciare dall' alto,

    Report

    Rispondi

  • giorgio

    07 Dicembre 2011 - 09:09

    caro re Giorgio non riesca a dormire sogni tranquilli.. spero che alla notte pensi a quei poveri pensionati che già non riescono a vivere.. ai giovani che non possono permettersi di diventare genitori.... vista la sua età importante e tandi anni alle dipendenze dello stato potrebbe dare il buon esempio... rinunci al suo compenso...tanto è mantenuto in tutto e per tutto dai cittadini... si prenda 1000 euro di stipendio e rinunci a tutti i privilegi e vediamo.... VERGOGNA

    Report

    Rispondi

  • gmario52

    07 Dicembre 2011 - 09:09

    Vorrei sapere come si arriva alla catastrofe se non c'e' uno tsunami o un terremoto? Si arriva quando persone che fanno politica da 50 anni e piu' sono ancora li' a pontificare attaccate alla loro sedia , o meglio trono! Guardate le facce che ci sono in politica? Il nuovo che ha portato Berlusconi non c'e' piu' perche' forse troppo di sottana piu' che di cervello , e dall'altra parte? Tolto Renzi che viene sistematicamente bastonato politicamente dai suoi non saranno mica nuovo: d'Alema, Rosy Bindi , Bersani ,Franceschini , e poi Fini , Rutelli ,Veltroni , si e' rivisto persino Cirino Pomicino , De Mita , La Malfa e via dicendo! Questa e' ed e' stata la catastrofe italiana e per far si che continui ci vengono a spaventare per poterci tartassare dicendoci che lo fanno per noi per salvare l' Italia. L'unico modo per salvare l' Italia sarebbe una rivoluzione alla francese " GUILLOTIN" pour tous les politiciens de l' ancien regime !!!

    Report

    Rispondi

  • gmario52

    07 Dicembre 2011 - 09:09

    Vorrei sapere come si arriva alla catastrofe se non c'e' uno tsunami o un terremoto? Si arriva quando persone che fanno politica da 50 anni e piu' sono ancora li' a pontificare attaccate alla loro sedia , o meglio trono! Guardate le facce che ci sono in politica? Il nuovo che ha portato Berlusconi non c'e' piu' perche' forse troppo di sottana piu' che di cervello , e dall'altra parte? Tolto Renzi che viene sistematicamente bastonato politicamente dai suoi non saranno mica nuovo: d'Alema, Rosy Bindi , Bersani ,Franceschini , e poi Fini , Rutelli ,Veltroni , si e' rivisto persino Cirino Pomicino , De Mita , La Malfa e via dicendo! Questa e' ed e' stata la catastrofe italiana e per far si che continui ci vengono a spaventare per poterci tartassare dicendoci che lo fanno per noi per salvare l' Italia. L'unico modo per salvare l' Italia sarebbe una rivoluzione alla francese " GUILLOTIN" pour tous les politiciens de l' ancien regime !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog