Cerca

Molto ragioniere, poco prof Monti non ha riformato nulla

La manovra non è altro che una serie di sottrazioni: la faceva pure Filini. Mari non era l'uomo che avrebbe fatto delle magie?

Molto ragioniere, poco prof  Monti non ha riformato nulla

Più che quella di un professore, sembra la manovra di un ragioniere. Il signro Mario Monti, seduto al suo tavolo armato di scure, ha tagliato e tassato ovunque. Tanti balzelli e poca crescita insomma: molto poco bocconiano, molto più Filini, il mitologico braccio destro di Fantozzi abile a far di conto. Anche la stampa che ha chiamato a gran voce la scesa in campo del professore di Varese, ora, critica la sua stangata: il Corriere della Sera, per esempio rimproverava al premier di non aver tagliato la spesa statale. E ancora, il quotidiano di Via Solferino sottolinea come contro l'evasione sia stato fatto poco e nulla, esattamente come per le riforme del settore pubblico.

Da una figura di alto profilo come quella di Monti ci si aspettava qualche ricetta più arguta rispetto che una serie di rincari che cadono a pioggia su qualsiasi voce di spesa. Gli stangati saranno i soliti noti: contribuenti onesti e cittadini con un reddito medio. Il professore di Varese non è riuscito a stupire nessuno - semmai a fare arrabbiare tutti - e non è riuscito nemmeno ad estrarre mezzo coniglio dal cilindro. Per la crescita, nel testo definitivo della manovra, non si vede nulla. Le imprese esultano soltanto per il fatto che i 170 miliardi di sgravi fiscali di cui godono ogni anno non sono stati toccati. Se questo è il Professore...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Azz1!

    07 Dicembre 2011 - 17:05

    Certo i prof. Tremonti, Brunetta e Sacconi, tutti di estrazione socialista e, nel caso di Sacconi, ininterottamente sottosegretario al TESORO non al TURISMO, dalla metà degli anni '80, avevano più fantasia: finanza creativa, tagli lineari,aumento della pressione fiscale con spostamento dal centro alla periferia e tanti altri conigli fuori dal cilindro. Per inciso Brunetta era consigliere economico del governo Amato e Sacconi sottosegretario, si proprio del governo che mise le mani sui c.c. degli italiani. Parte della responsabilità dello stato di cose attuale di chi è, dei vecchi o dei nuovi professori, fate un po voi!

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    07 Dicembre 2011 - 16:04

    Dunque l'Italia sta per fallire sotto la guida di un branco di cialtroni che fan politica per interesse e ,prima di far la fine del Cav. Benito Mussolini,danno il timone a Monti. Ora dicono che ha fatto il ragioniere. Ma loro non potevano farlo perchè perdevano elettori fondamentali per il loro vitalizio. Hanno fatto fare il lavoro sporco al killer . Ma che cavolo volevano ,far fallire tutti ed essere portati dal popolo in miseria in piazzale Loreto ? Peccato non sia successo.Mi sarebbe piaciuto vedere la diretta TV ! PS) Mi vergogno per chi ha scritto l'articolo .

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    07 Dicembre 2011 - 15:03

    Alla sicura professionalità tecnica dei Professori dell'attuale Governo, sarebbe da suggerire un pizzico di psicologia applicata (collante di difficoltà impossibili), quando si voglia esaminare determinate situazioni complesse. Molti Italiani saranno sicuramente "in sofferenza" per ciò che sta capitando e che gli verrà tolto o comunque ridotto...ed il pensiero di veder dimezzati gli attuali Parlamentari, sarebbe una consolazione..."senza prezzo", come pure veder equilibrati organici statali e comunali Nord-Sud. D'accordo, tali risparmi sarebbero di lungo respiro...ma il solo ANNUNCIO (...sul tappeto) sarebbe già un risultato. (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    07 Dicembre 2011 - 15:03

    Non solo...(con la paventata e reale bocciatura...pensare con quale maggioranza si era partiti), Camera e Senato, al momento sembrerebbero Istituzioni più simboliche ed "in stallo" (visto l'attuale esautoramento) e scarsamente attive da non giustificare quei stipendi (tanto discussi?) ...occasione unica da potersi associare l'idea di far assaporare anche a tali "Eccellenze" una, anche se pur velata forma di Cassa integrazione, magari, per non sminuirne il ruolo, cambiandone anche il nome ? Armonizzando così una surrogazione con gli attuali aumenti di benzina ? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog