Cerca

Bocciati Belpietro incalza, Catricalà ammette: "Manovra raffazzonata: decisa senza pensare"

La beffa: per gli istituti rivalutazione degli estimi al 20%, per i cittadini al 60. E il sottosegretario a Ballarò non ha risposte da fornire al direttore

Bocciati Belpietro incalza, Catricalà ammette:  "Manovra raffazzonata: decisa senza pensare"

Come spiega Franco Bechis in un articolo su Libero in edicola oggi, mercoledì 7 dicembre, la nuova Ici punisce i negozianti e i proprietari privati di immobile, ma grazia le banche: il governo dei banchieri di Mario Monti ci ha riservato l'ennesima sorpresa a favore degli istituti di credito (tra tracciabilità dei pagamenti, conti correnti obbligatori e altre agevolazioni). E così, per le abitazioni popolari e le botteghe, la manovra prevede una rivalutazione delle rendite catastali del 60 e del 61 per cento. Per le banche e le assicurazioni la rivalutazione delle rendite degli immobili si limita a un ben più generoso 20 per cento. Perché? Il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, ospite alla puntata di Ballarò di martedì 6 dicembre, incalza il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Antonio Catricalà, su questi ed altri punti. Belpietro, per esempio, chiede perché oltre al favore fatto alle banche sugli immobili, la Chiesa continui a essere esente dal pagamento del super-balzello sul mattone. Le risposte di Catricalà? Balbettii e mezze frasi: poco, poco convincente. Fino a che, a un certo punto, messo all'angolo anche dall'ex ministro degli Interni, Roberto Maroni, è costretto ad ammettere: "La verità è che non abbiamo avuto il tempo di pensarci...". Se questi sono i risultati che il governo dei secchioni porterà in dote all'Italia siamo messi bene...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    08 Dicembre 2011 - 09:09

    Catricalà ammette che la manovra è stata decisa senza pensare.Ma cos'è scemo? Spendiamo miliardi in n governo di professori con tanto di titoli accademici e fanno leggi senza pensare?tanto bastava la persona più ignorante di questo mondo.Se questi sono i prof. figuriamoci gli studenti. Carlo Zani

    Report

    Rispondi

  • paolino pierino

    07 Dicembre 2011 - 20:08

    L'odierna manovra finanziaria detta di salvataggio (per loro)pensata,poco, fatta sotto dettatura dei massoni delle banche indebitate al massimo che lo stato garantirà della chiesa dei poteri forti dei mafiosi e di un presidente di nome Napolitano che ha instaurato la in Italia la dittaura Sono solo una banda di miserabili

    Report

    Rispondi

  • Ade

    07 Dicembre 2011 - 18:06

    sono tutti preti mancati vanno in chiesa a pregare il morto per fregare il vivo e noi preghiamo per..........

    Report

    Rispondi

  • Azz1!

    07 Dicembre 2011 - 18:06

    Le misure del governo Monti certo sono pesanti ma sono dettate dall'emergenza. Certe misure bisognava farle prima con la possibilità di garantire maggiore equità, ma la nostra classe politica di destra e di sinistra non ha saputo guardare all'Europa e al futuro. Due esempi su tutti: c'era lo scalone Maroni, il governo di CSX l'ha modificato - costo 10 mld; Il governo di CDX ha abolito l'ICI pur sapendo che le risorse per i comuni andavano comunque garantite - costo 11 mld, risultato 21 mld. E allora il problema è del governo dei secchioni? E i professori precedenti Brunetta e Sacconi, quest'ultimo ininterrottamente sottosegretario al TESORO non al turismo, dalla metà degli anni '80, sottosegretario anche del Governo Amato quello delle mani sui c.c. cosa hanno partorito? Finanza creativa, tagli lineari, condoni e scudi fiscali per gli evasori, ecc. Non sarà meglio sistemare i conti pubblici e poi sostituire questa classe politica incapace e buona per ogni stagione?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog