Cerca

Voglia di inciucio tra Pdl-Pd per far fuori Bossi e Di Pietro

A letto col nemico: Lega e Idv provano a soffiare voti agli ex alleati che ora stanno con Monti. L'idea: legeg elettorale ad hoc

Voglia di inciucio tra Pdl-Pd per far fuori Bossi e Di Pietro

A letto con il nemico. E molto prima di quanto si potesse prevedere. Il Pd chiama per riscrivere le «regole del gioco», il Pdl si dice pronto a sedersi al tavolo. Solo un mese fa, a parlare con l’avversario si finiva accusati di alto tradimento dagli elettori incarogniti e si era minacciati di abbandono dagli alleati gelosi. Ma a livello nazionale l’alleanza tra Pdl e Lega è finita e quella sui singoli territori è sempre più a rischio. Umberto Bossi se ne sta felice all’opposizione e Antonio Di Pietro si prepara a raggiungerlo. Pdl e Pd hanno davanti un anno e mezzo (alle elezioni anticipate non crede più nessuno) di aggressioni politiche da parte di Lega e Idv, che approfitteranno del sofferto appoggio che gli altri stanno dando al governo per succhiare loro quanti più voti possibile. Così, superato il ribrezzo iniziale per la reciproca vicinanza, i due principali partiti si stanno chiedendo se non convenga cavarne fuori qualcosa di utile. Magari un’intesa sulle regole della rappresentanza. Obiettivo difficile, ma non impossibile. Di sicuro, il gesto con cui Silvio Berlusconi si è sfilato da Palazzo Chigi aiuta parecchio.

Il primo a uscire dagli imbarazzi è stato Dario Franceschini. «Il Parlamento può utilizzare quest’anno e mezzo per cambiare le regole istituzionali», ha detto a Repubblica il capogruppo del Pd. Un percorso in tre passi: riscrivere i regolamenti parlamentari per modernizzare il rapporto tra governo, maggioranza e opposizione; chiudere l’era del bicameralismo, istituendo il Senato delle Regioni; reintrodurre le preferenze e dar vita a «un bipolarismo per scelta e non per costrizione». La risposta del Pdl è arrivata per bocca di Gaetano Quagliariello, uno dei pochi in grado di scrivere una legge elettorale. «Su una cosa sono d’accordo con Franceschini: la politica deve sfruttare questo tempo di responsabilità per costruire un sistema più efficiente», dice il vicecapogruppo al Senato. «Si può partire subito dai regolamenti parlamentari e da lì continuare». Unico punto di dissenso: «Il bicameralismo deve essere riformato, ma non superato». Insomma, se ne può parlare eccome. Tanto che Berlusconi, ieri mattina, durante l’ufficio di presidenza del Pdl, ha dato il via libera ai suoi: «Avviate subito un tavolo di lavoro per vedere come cambiare la legge elettorale».

Nessuno lo dice apertamente, ma è chiaro che la maggioranza che dovrebbe riscrivere le regole è la stessa che sostiene il governo Monti. In parole povere, l’accordo tra Pdl e Pd non potrà che premiare questi due partiti a discapito delle ali estreme, cioè Lega, Idv e la rediviva Sel di Nichi Vendola. Spiega a microfoni spenti un deputato berlusconiano: «Noi e il Pd abbiamo lo stesso interesse: creare uno schema bipolare che sia staccato dal premio di maggioranza, che ci liberi cioè dalle alleanze obbligatorie. Nessuno di noi vuole mettere il coltello alla gola della Lega, ma non possiamo avere come unica alleanza possibile quella con loro. Intendiamo prendere il nostro 28% di voti ed essere poi liberi di allearci con la Lega, con l’Udc o addirittura, se si crea una situazione di emergenza, con il Pd». Esigenza analoga a quella di Pier Luigi Bersani, che ormai non nega di volersi sganciare da Di Pietro: «Ci saranno dei problemi ad andare d'accordo», ha profetizzato ieri al Tg3 il segretario del Pd. Insomma, il sogno è dare vita a un sistema che ruoti attorno a due Soli, il Pdl e il Pd.

Si ragiona già sui modelli di legge elettorale. Un simile schema bipolare può essere garantito anche da una versione corretta dal modello tedesco, che attribuisce i seggi su base proporzionale all’interno di un collegio unico nazionale, con clausola che esclude i partiti che non raggiungono il 5% dei voti. Meglio ancora andrebbe il modello spagnolo, strutturato su piccoli collegi nei quali gli eletti sono scelti su base proporzionale: sovra-rappresenta i partiti grandi ai danni di quelli piccoli, imponendo di fatto una soglia di sbarramento attorno al 10%. Ambedue i modelli hanno estimatori nel Pdl e nel Pd, mentre la Lega frena sostenendo che la legge elettorale si può cambiare solo dopo aver riformato la Costituzione.

Non dovrebbe invece essere un problema tenere dentro gli altri partiti che sostengono Monti. «Il fatto che il terzo polo sia al 12% e non al 5%», confidano a palazzo Grazioli, «aiuta a trovare una soluzione. Casini può accettare di essere ridimensionato, se percepisce che nel nuovo schema diventa indispensabile». L’Udc, del resto, non ha mai nascosto le proprie simpatie per il sistema tedesco.

di Fausto Carioti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    07 Dicembre 2011 - 23:11

    ...fanno l'inciucio o meno! C'è una...diabolica probatio, che ai privilegi sono sempre stati accumunati tutti i partiti,da un vomitevole e saldo sodalizio.Fanno leva sui fans,...dal cervello portato all'ammasso,per spingerli ad odiare la parte avversa,quando serve, ed indietro tutta,quando le mire diventano altre. Più chiaro di così,bisognerebbe essere degli emeriti caproni per non avere capito l'antifona;ora Berlusconi non è più al governo,era questo che importava,altro che lo stato economico delle famiglie che bisognava aiutare.Tutto fumo negli occhi,ora va bene tutto,le famiglie si sono arricchite,ironia della sorte,proprio...sotto Berlusconi,visto che non se ne parla più della durata per arrivare alla IV,poi alla III settimana.Anzi,grazie a Napolitano,(chissà che riceva un fischio alla Scala),foriere della combutta Monti e Soci banchieri,che non trovano di meglio che lasciare intatti i privilegi delle Caste,abbattendosi invece sulla fascia larga dei meno abbienti.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    07 Dicembre 2011 - 18:06

    Qui mi pare di capire che tutti i partiti ormai hanno cessato di esistere.Mi pare di capire che in questo paese non esiste più democrazia e sovranità. Qui,chi detta legge è la UE. E allora a che serve andare al voto,eleggere un governo se poi il nostro debito non ci permetterà mai di poter prendere decisioni autonome ? Obbedire e tacere.Penso che in futuro non avremo più nemmeno la libertà di essere poveri.

    Report

    Rispondi

  • sdavids

    07 Dicembre 2011 - 17:05

    Caro Monti questa non possiamo berla così come ce la pone: economisti al di fuori della politica ammettono si la gravità della situazione ma arrivare agli stipendi bloccati è stato uno strafalcione eccessivo. Se saltino noi salta l'intera finanza ma almeno il cittadino se deve sacrificarsi lo farà da vivo non da morto e fronte di un salvataggio inutile di una moneta inutile e di una politica inutile.

    Report

    Rispondi

  • ciccialberto

    07 Dicembre 2011 - 16:04

    Inciuccio x far fuori Di PIETRO ????? per la lega lo posso credere per il FALSO DI PIETRO no perche come sempre l'ARRIVISTA POLTRONAIO urla sbraita e poi fara come sempre ..perche è gia daccordo con il PD.. la sua e solo polvere negli occhi ai suoi elettori....credo che la lega sia solo l'unico partito da tagliare fuori

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog