Cerca

Con la maxi-stangata di Monti le tasse salgono al 47%

La manovra-batosta di Monti porta la pressione a livelli mai visti: ma così si aumentano gli effetti recessivi

Con la maxi-stangata di Monti le tasse salgono al 47%

«L’operazione è andata bene, ma il paziente è morto». Non vorremo, fra un anno, fosse il commento del professor Monti dopo aver osservato gli effetti collaterali del decreto «Salva-Italia». L’obiettivo è di quelli che portano alla santità ma al cura a base di tasse e patrimoniale rischia concretamente di trascinare il Paese in una recessione più aspra di quella attuale e, per via dell’Ici, mettere sulla soglia di povertà più di un milione e mezzo di famiglie. La manovra-batosta disegnata dal governo innanzitutto porterà la pressione fiscale al 47% del Pil rispetto al 44% di oggi. E i calcoli sono fatti dall’ufficio studi Eutekne che serve anche l’ordine nazionale dei commercialisti. Insomma, roba super partes. Nonostante Confindustria e le parole di elogio all’operato del salvatore Monti, che la manovra sia recessiva lo dice chiaramente l’Istat. Avrebbe fatto risparmiare 19 miliardi di interessi sul debito, grazie al calo dello spread tra Btp e Bund tedesco, ma la manovra «tende ad avere un impatto complessivamente sfavorevole in termini di crescita», ha detto il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, in una audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato. Per chi poi pensasse che c’è tempo per assorbire la botta dell’Ici, della benzina, della nuova tassa sui rifiuti, della deindicizzazione delle pensioni e pure dell’imposta retroattiva - senza precedenti costituzionali - sui capitali scudati, molto facilmente dovrà ricredersi. Probabilmente quando aprirà la busta paga della tredicesima. E la troverà spolpata dalle tasse.

di Claudio Antonelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol1

    09 Dicembre 2011 - 07:07

    I prof. hanno tanta teoria i testa è normale. Ciò che non è normale è che di economia reale poco o niente capiscono, mentre , in questa situazione estremamente critica, è l'economia reale che dovrà toglierci dai guai. Come possa fare ad un livello tasse del 47% teorico ma del 62% reale lo sanno solo i Pof. : forse. Anch'io avevo in testa tanta teoria alla quale ho dato robuste sforbiciate sostituendole con la realtà appresa da mio padre e sul campo. Credete, cari prof., così non funziona aggiustate il tiro con robuste iniezioni di praticità o si andrà a fondo. Un esempio significativo: avete proposto sgravi fiscali alle aziende che assumono giovani. Ora dovete dirci anche come facciamo ad asumere se non abbiamo nulla da fare ? Pensate che abbiamo tempo e soldi da spendere per insegnare ad un giovane ? Già forse a questo non avete pensato. Un giovane, non per colpa sua, quando arriva dalla scuola non sa fare assolutamente niente perciò sarà un carico pesante per almeno 2 anni-

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    08 Dicembre 2011 - 11:11

    Non respirava piu'.Ho paura che i parenti della vittima piantino cagnara.Occhio...

    Report

    Rispondi

  • encol1

    08 Dicembre 2011 - 09:09

    A questo punto alle piccole aziende conviente chiudere. L'analisi è semplice- al 47% ufficiale occorre aggiungere tutti gli altri balzelli indispensabili per una azienda seppur piccola. Non è semplice ancor meno automatico che il maggior costo dei trasporti, ad esempio, sia scaricato sul prodotto finito. L'esempio vale per tutti gli altri costi aggiunti . A causa della concorrenza spietata dei paesi emergenti, Cina in testa, abbiamo perso moltissimi mercati. Africa, Medio Oriente e SudAmerica quasi completamente. In cifre significa aver perso il 65% della produzione delle piccole e piccolissime aziende a casua esclusiva dei costi elevatissimi, sopratutto tasse e balzelli, che ci escludono dal mercato. Un esempio verificabile da chiunque: un prodotto italiano identico in forma e qualità ad uno stesso prodotto fatto in Malaysia costa il doppio. Mi dite quale fesso potrà mai acquistarlo?

    Report

    Rispondi

  • amb43

    08 Dicembre 2011 - 09:09

    Già che ci siamo , facciamo cifra tonda 50% !

    Report

    Rispondi

blog