Cerca

Pensioni, c'è l'ok ai "ritocchi" Adesso servono 4 miliardi

Accordo governo-parlamento: blocco adeguamenti solo da 1.400 euro. Ora si tratta su Imu, frequenze tv e tasse extra

Pensioni, c'è l'ok ai "ritocchi" Adesso servono 4 miliardi

Accordo sulle pensioni, ma il braccio di ferro tra il governo Monti e i partiti continua. Il premier ha detto sì alle richieste del parlamento: indicizazzione delle pensioni minime fino a 1.400 euro. Dunque il blocco degli adeguamenti all'inflazione verrà attuato, ma solo a partire da quegli assegni e non dai 936 euro  previsti dalla prima bozza di manovra. Un patto, quello tra Monti e i partiti sulla riforma previdenziale, che permetterà di accelerare i tempi. Entro domenica la manovra sarà all'esame della commissione della Camera. A Montecitorio approderà giovedì 15 dicembre e quindi al Senato. Assai probabili i voti di fiducia, per permettere al decreto di ottenere il via libera definitivo il 22 o 23 dicembre.


Braccio di ferro - Il governo l'aveva spiegato: va bene alzare il tetto dell'indicizzazione, ma bisogna rimanere "a saldo invariato". Significa che occorrerà trovare quei 4 miliardi di euro "regalati". Torna in ballo dunque l'Imu, la famigerata nuova Ici. Il punto di contatto tra tecnici e politici sarebbe l'aumento della franchigia di 200 euro prevista dal premier, con annessi meccanismi che leghino la franchigia stessa al valore dell'immobile. Polemica, più tra i partiti che con il governo, la regala il tema delle frequenze tv liberate dal digitale terrestre. Il Pd insisite: valgono 1,5 miliardi di euro, sono un bene pubblico e non possono essere svendute. E allora? Quei 4 miliardi potrebbero essere coperti attraverso un inasprimento del contributo di solidarietà sulle pensioni più ricche, una tassa sulle baby pensioni e l'aumento della pressione fiscale sui capitali scudati. Si colpirebbero molti privilegi, ma ancora della Casta si parla poco o nulla.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sidneysask

    09 Dicembre 2011 - 01:01

    Come al solito, in Italia tutte le cose diventano cosi complicate; a riguardo le pensioni, perche' non disegnare un sistema pensionistico tipo Canadese ? semplice, equo e funzionale . 1) Tutti i cittadini a 65 anni, hanno il diritto alla pensione di vecchiaia, base . che sia contadino, imprenditore, o Primo Ministro, tutti siamo uguali . 2) Per coloro che hanno lavorato e contribuito alla C.P.P. "Canadian Pension Plan" una percentuale del loro stipendio, da 60 anni in su' potranno accedere ad una seconda pensione basata esclusivamente sul contributivo, e non e' necessario avere una quantita' di anni lavorativi, insomma: si raccoglie esattamente cio' che si e' seminato.. 3) Coloro che hanno i super stipendii, ed altri privilegi : Possono facilmente crearsi una ulteriore pensione adeguata al loro stile di vita ; oppure potra' mangiarsi il risparmio, tanto ne avra' accumulato abbastanza ...Don't feel sorry for them ...

    Report

    Rispondi

  • nuc54

    08 Dicembre 2011 - 19:07

    sporcaccioni i soldi sono x l'infrazione gia' fatta e va pagata sulle pensioni 2012 Presidente Monti paghiamo il costo della vita sulle pensioni sono soldi dovuti come il fisco si trattiene l' irpef sulla busta paga tu devi pagare dai a Cesare quello di Cesare a Dio quello di Dio se questo non avverra' siete dei cattivoni pericolosi e noi ci dobbiamo difendere dal male della repubblica invocando il regno d'italia speriamo nel bene pace e bene da don peppe

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    08 Dicembre 2011 - 18:06

    Strano "nonsenso" a tanta irrazionalità...Berlusconi, a Marsiglia, sulla manovra (...e dopo i danni che scaturiranno nei prossimi sacrifici), commenta : "Gli Italiani sono benestanti. Se sommiamo il nostro debito pubblico alla finanza privata siamo il secondo Paese più solido d'Europa, secondo solo alla Germania...Nel sistema italiano il Governo suggerisce ed il Parlamento decide e vota. Ebbene, stante questi valori di Economia non si può accettare allora questo mortificante blocco alla indicizzazione sopra i 1.400 (lordi). Tornare ad ignorare le Province. Questa è Economia da tempi di guerra. Mentre poi si tiene la Chiesa fuori dall'ICI (con il suo 20% del totale?). Poi, via, aumentare la tassazione su aerei ed elicotteri è buttare fumo negli occhi ai bambini (come voler raschiare il barile...non è da Professori). Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    08 Dicembre 2011 - 15:03

    Solo tale termine può definire i ladri di pensioni che blaterano di "diritti acquisiti"; i politicanti e i loro familiari che intascano fin da ragazzini pensioni baby o d'oro per equità e giustizia dovrebbero restituirle tutte fino ai 67 anni. Se non lo fanno, come non lo fanno, e rubano la pensione solo a chi sta attualmente lavorando sono dei ladri e come tali dovrebbero essere puniti secondo il diritto naturale, che è altra cosa del diritto clerical-massone-mafioso oggi vigente in itaglia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog