Cerca

Asse Berlusconi-Sarkozy Scopo: far saltare Angela

Faccia a faccia tra Silvio e Nicolas: sul ruolo della Banca centrale europea dice quello che sostengo da tempo. Gelo con Merkel

Asse Berlusconi-Sarkozy Scopo: far saltare Angela
La Jaguar si ferma di traverso davanti all’ingresso del Parc Chanot, si apre lo sportello ed esce Silvio Berlusconi. A destra, dietro la transenna, c’è un gruppetto di deputati del Pdl in delegazione qui a Marsiglia per il congresso del Ppe. A sinistra telecamere e giornalisti. Il Cavaliere si avvicina ai primi.  Scherza: «Avete visto che palle sono questi vertici internazionali?». Risate. Poi si avvia verso i secondi. L’ex premier ai taccuini spiega di «non aver mai avuto dubbi» sulla tenuta dell’Italia: «Noi siamo, sommando il debito pubblico alla finanza privata, il secondo Paese più solido d’Europa dopo la Germania e prima di Svezia, Francia e Gran Bretagna». Morale: «L’Italia è indebitata ma ha cittadini benestanti». È l’Unione Europea che preoccupa. Colpa della «rigidità» della Germania, che porta la «responsabilità» dell’aggravarsi della crisi. E ha causato «anche situazioni negative come per esempio la gestione del debito greco».

I bliaterali del Cav  È gelo con la signora Merkel, mentre va un po’ meglio con Sarkozy. Berlusconi, accompagnato da Angelino Alfano, tiene incontri bilaterali con il premier irlandese Enda Kenny, il commissario europeo Michel Barnier, il segretario della Ump Jean Francois Copé, il capogruppo de Ppe al Parlamento Ue Joseph Daul, il nuovo primo ministro spagnolo Mariano Rajoy. Poi ha inizio il clou di questo XX congresso del Partito popolare europeo, il vertice informale dei capi di Stato e di governo iscritti al movimento. Tra loro siede anche Berlusconi. Il presidente del Ppe Martens chiede un applauso ai leader europei per lui e per il greco Samaras, «generosi» nel fare un passo indietro per il bene dei propri paesi. A margine del vertice il Cavaliere si ritaglia un faccia a faccia con Sarkozy. Incontro che dà a entrambi l’opportunità di un chiarimento dopo la risatina di Bruxelles. Silvio è soddisfatto. Alla fine commenterà positivamente anche l’intervento di Sarkò in sessione plenaria: l’uomo dell’Eliseo è rinsavito, «dice adesso le cose che sostenevo io già un mese fa». È il clima generale che non piace a Berlusconi. Ai suoi europarlamentari riferisce: «Merkel e Sarkozy puntano a un’Europa a 17, questo sta generando una forte ondata anti-europeista. Rischia di saltare tutto». Anche l’asse franco-tedesco vacilla: raccontano che il presidente francese, ora favorevole a una Bce più forte nel ruolo di banca centrale, abbia alzato la voce con la Merkel nel corso della riunione dei leader: una testona.  Finito il vertice dei big, Silvio si concede ai suoi parlamentari in una saletta del Parc Chanot. Due-minuti-due di discorso («Purtroppo non siamo riusciti a trovare un accordo in seno al Ppe») e poi foto, battute e strette di mano. Nel frattempo è cominciato l’intervento di Sarkozy e c’è un piccolo caso: quando i pidiellini entrano nell’emiciclo per ascoltare i discorsi dei primi ministri trovano Buttiglione al posto di Alfano, quello accanto a Berlusconi. Il presidente dell’Udc viene invitato a sedersi altrove. E si offende.

L’ici alla Chiesa Si fa pomeriggio: dopo aver sentito le parole di Sarkozy, Barroso e Merkel, il Cavaliere decide che è ora. Prima di andare via, parla della situazione italiana: «Senza fiducia è difficile che passi la manovra, ci sono tanti punti di dissenso». Un tavolo di coordinamento tra forze di maggioranza? Silvio frena: «I contatti avvengono nelle commissioni in modo chiaro e solare». Sull’ipotesi di tassare gli immobili della Chiesa l’ex premier lascia «libertà di decisione al partito», lui è scettico: «Il Vaticano usa le risorse per opere di bene». C’è tempo anche per una domanda sull’asta delle frequenze tv, faccenda che in Italia si sta surriscaldando ma il Cavaliere liquida con poche parole: «Temo che se ci fosse da fare una gara sulle frequenze potrebbe essere veramente disertata da molti. Per quello che ne so io - sottolinea riferendosi a Mediaset - c’è molta incertezza anche nell’azienda che fa capo a me ma di cui io non mi occupo».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • monmar

    10 Dicembre 2011 - 19:07

    adesso ho capito perchè nella manovra si calca la mano su pensionati e lavoratori (dipendenti e non). Per continuare ad essere il miglior Paese d'Europa sommando anche la ricchezza finanziaria privata di quel 10% che detiene il 45% dell'intera torta, non si devono chiedere sacrifici a chi fortunamente non ne risentirebbe affatto, ma neppure agli evasori che, infrangendo la legge, l'hanno sfangata con il 5% e forse (forse, forse) con un altro buffettino dell'1,5%.

    Report

    Rispondi

  • encol1

    10 Dicembre 2011 - 08:08

    Dai Cav. avanti così. Tra i pochi ad aver capito quale sia l'ostacolo da rimuovere, appunto la C/Inch.... che sta distruggendo l'unione solo per affermare la supremazia tedesca. Forse non si rende conto che la Germania come l'Inghilterra dipendono per il 65% dal resto d'Europa. La Merkel può abbandonare come ha fatto Cameron; i risultati li vedranno tra pochi mesi. Questo carrozzone costruito all'insegna dell'incapacità e miopia ha la sola alternativa del: o tutti fuori o tutti dentro specie per chi ha adottato la moneta unica. Che cosa occorre fare Berlusconi e pure Sarko e gli altri lo sanno molto bene. TRASFORMARE L'EUROPA IN UN VERO STATO , quindi BCE come FED e gli attuali stati dei semplici Governatorati dipendenti dalla Stato centrale Europeo. E' complicato ? per soggetti tipo mortadella sicuramente si-

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    09 Dicembre 2011 - 22:10

    Il nome deriva dal fatto che all'epoca remota i debitori insolventi ricevevano la panca in testa fino a farla rompere (la panca). E voi credete che ad un bancarottiere (purtroppo dell'Italia) ci possa stare un ASSE? Dove? Sulla testa, ovviamente. Ma Sarko' non ha mai pensato a Don Silvio, Ricordo la TV francese quando Sarko' a chi gli diceva, nella trasmissione 'face à face' prima dell'elezione '' Voi assomigliate a Beerlusconi'' E Sarko, disse ''via, non esageriamo' (nell'offesa).

    Report

    Rispondi

  • vin43

    09 Dicembre 2011 - 14:02

    Non è una sviscerata affezione all’ex premier Berlusconi. Non una servile prostrazione ma sincera e convinta constatazione. Cioè. Se a B. si fosse lasciato lavorare senza di tutto quello che di male si è detto e fatto contro di lui, tanto da doverlo troppo demoralizzare, avrebbe così come dall’inizio, suggerito comportamenti a livello europeo atti a controllare l’andamento della crisi voluta e generata da privati speculatori. Alla Merkel e Sarkozy avrebbe fatto capire che l’Europa non è come la credono loro. Sarà un’unione politica, economica e militare. E’ da far ricordare loro e a tutti noi che si addensano nubi minacciose dal Medio Oriente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog