Cerca

Papponi La mazzata sulle pensioni non vale per chi lavora in parlamento e al Quirinale

I sacrifici sulla previdenza non sono previsti per la Casta e gli Onorevoli: ennesima fregatura

Papponi La mazzata sulle pensioni non vale  per chi lavora in parlamento e al Quirinale

"Per cercare di contenere la dinamica della spesa del comparto pensionistico, è stata di recente modificata in modo incisivo la normativa dei pensonamenti anticipati di anzianità, fissando a regime il limite di 60 anni di età e 35 anni di anzianità utile al pensionamento e introducendo misure dissuasive con la previsione di significative riduzioni di trattamenti pensionistici". Ora, tutti sappiamo che la recente manovra 'Salva Italia' ha toccato in modo particolarmente violento le nostre pensioni. E per questo sappiamo molto bene cosa ci succederà: i tempi per la pensione di anzianità sono stati dilatati oltre i 40 anni di contribuzione e si alzerà anche l'età di vecchiaia che arriverà a 66 anni per uomini e donne. Perché allora nel virgolettato che abbiamo riportato si parla di 35 anni e 60 anni? Una svista, un errore? Niente affatto. E' tutto giusto, con un piccolo accorgimento: quella norma riportata in calce all'articolo è la nota illustrativa di bilancio di previsione per il 2011 dell'Amministrazione della Presidenza della Repubblica. Detta in altri termini, La riforma delle pensioni così come la conosciamo noi non si applicherà ai dipendenti di Camera, Senato, Quirinale e Corte Costutuzionale. Siamo alle solite.

Da quanto detto si scoprono due "simatici" dettagli. Anzitutto: gli organi costituzionali (Presidenza della Repubblica, governo, Camera, Senato e Corte Costituzionale) conservano per legge una propria autonomia organizzativa e di bilancio. La seconda, la più imbarazzante: al Quirinale dopo uan modifica "incisiva" della normativa intervenuta nei mesi passati, si può andare in pensione al compimento dei 60 anni e con 35 anni di anziantità: Ovevro con condizioni pensionistiche non solo infinitamente più convenienti di quelle applicate ai "comuni mortali" con l'ultima manovra, ma anche largamente migliori di quelle di tutti gli italiani prima che il pacchetto Salva Italia intervenisse. Non c'è da aggiungere altro: la vicenda si commenta da sè.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabrizioch

    11 Dicembre 2011 - 00:12

    è una vergogna,,,,,,,, equità per tutti, sacrifici per tutti,,,,dall' alto, dalle caste l' esempio.-

    Report

    Rispondi

  • nato1952

    10 Dicembre 2011 - 16:04

    Questo giornale insieme al cugino il Giornale e come tutta la PDL hanno fatto una guerra giornalistica affinchè si toccasse il sistema pensionistico e l'età pensionabile. Adesso che da un giorno all'altro si innalza di 6 anni l'età di pensionamento vogliono attaccarsi ai parlamentari senza minimamente preoccuparsi che migliaia di persone che stanno alle soglie di requisiti si troveranno per 6 lunghissimi e drammatici anni senza reddito. Va bene così ? Siete felici e contenti ? Ah direttore Feltri ? Ah direttore Belpietro ? Non saprei proprio come definirvi la rabbia è tantissima sperando in qualche ritocco

    Report

    Rispondi

  • robiem

    10 Dicembre 2011 - 12:12

    Da un lato son contento di questa manovra per tutti quelli che criticavano quella di Tremonti col governo Berlusconi, ma in realtà sono ancora più indiavolato proprio per l'atteggiamento che il PDL sta avendo riguardo questa manovra. Anzichè lottare insieme alla LegaNord per impedire questa amplificazione del salasso nei nostri confronti, si preoccupano di poter allargare al centro, si preoccupano di dirci che sono dispiaciuti ma bisogna affrontare il sacrificio, tanto gli Idioti che crepano siamo solo noi. Sono Sardo, vivo in Sardegna, e vi posso garantire che in questo periodo vorrei tanto che la Sardegna fosse un'isola della Padania. E' da vent'anni che non voto più perchè non mi sono più piaciute le alleanze proposte per le elezioni, ma questa volta da Sardo e per la mia Sardegna voterei la Lega Nord, gli unici che cercano di combattere realmente per i loro elettori, e sicuramente hanno una cultura dell'azione politica migliore di quella dei politici Sardi "magna,magna"!

    Report

    Rispondi

  • robiem

    10 Dicembre 2011 - 08:08

    Da un lato son contento di questa manovra per tutti quelli che criticavano quella di Tremonti col governo Berlusconi, ma in realtà sono ancora più indiavolato proprio per l'atteggiamento che il PDL sta avendo riguardo questa manovra. Anzichè lottare insieme alla LegaNord per impedire questa amplificazione del salasso nei nostri confronti, si preoccupano di poter allargare al centro, si preoccupano di dirci che sono dispiaciuti ma bisogna affrontare il sacrificio, tanto gli Idioti che crepano siamo solo noi. Sono Sardo, vivo in Sardegna, e vi posso garantire che in questo periodo vorrei tanto che la Sardegna fosse un'isola della Padania. E' da vent'anni che non voto più perchè non mi sono più piaciute le alleanze proposte per le elezioni, ma questa volta da Sardo e per la mia Sardegna voterei la Lega Nord, gli unici che cercano di combattere realmente per i loro elettori, e sicuramente hanno una cultura dell'azione politica migliore di quella dei politici Sardi "magna,magna"!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog