Cerca

Partiti in pressing su Monti "Cambiare Ici e pensioni"

Pioggia di emendamenti alla stangata: sono circa 1.300. Il Pdl lavora per attutire la mazzata sulla prima casa, previdenza nel mirino del Pd

Partiti in pressing su Monti "Cambiare Ici e pensioni"

Sulla manovra di Mario Monti crescono i dubbi. E i dubbi si traducono in emendamenti al testo: il pressing dei partiti sale d'intensità per cercare di attutire la mazzata. Le forze politiche, infatti, hanno preannunciato in questi giorni un cospicuo pacchetto di emendamenti, che saranno circa 1.300, su quali però Mario Monti ancora non ha voluto esprimersi, sottolineando che "margini di manovra ce ne sono poco" e che "della cosa si sta occupando Giarda". Insomma il professore mantiene la linea dura, e non si sbilancia nello spiegare che cosa potrà essere accolto dal governo tecnico e che cosa invece verrà rifiutato.

Ici e pensioni - Il Pdl, come è noto, continua a lavorare per ammortizzare la super-stangata che deriva dalla reintroduzione dell'Ici. Oltre alle disparità di trattamento che devono essere limate (per esempio la corsia preferenziale ottenuta dagli edifici bancari e delle assicurazioni), gli Azzurri premono per un prelievo più soft, magari agendo sul livello di rivalutazione degli estimi catastali al 60%, da cui deriverebbe una vera stangata per le tasche dei contribuenti. C'è poi il Partito Democratico, al lavoro per ottenere qualche concessione sulle pensioni che superi lo sblocco alla rivalutazione degli assegni, che nella bozza della manovra non sarebbero più stati adeguati all'aumento dell'inflazione. Per quel che riguarda la reindicizzazione degli assegni previdenziali vi è già stata un'apertura del ministro del Lavoro, Elsa Fornero, che si è detta pronta a rivedere la norma a patto che i saldi restino invariati (si pensa a un contributo di solidarietà sulle pensioni d'oro e a una stretta sulle baby pensioni).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    10 Dicembre 2011 - 01:01

    Durante il fascismo le regole venivano imposte, attualmente non riesco a scorgere la differenza.

    Report

    Rispondi

  • laura.costanzo

    09 Dicembre 2011 - 23:11

    La manovra, oltre che recessiva, è insostenibile e profondamente iniqua. A pagare sono sempre gli stessi, a cominciare dalle famiglie con figli alle quali lo stato non riconosce nemmeno il quoziente familiare. Avere una casa non può essere considerato un lusso, soprattutto se proveniente da anni di duro lavoro e sacrifici. Vorrei che qualche politico mi spiegasse come si fa a tassare una casa che da sola non produce certo reddito. Arrivare a fine mese è sempre più difficile e i "nostri" politici sembrano non rendersi conto di nulla. L'ideale sarebbe che tanto di PD quanto il PDL RIFIUTASSERO di votare quella che non è certo una manovra, ma una rapina legalizzata ai danni dei più deboli. Abbiate il coraggio di NON VOTARE almeno fino a quando, a parità di saldi, le misure proposte non siano realmente eque....anche a costo di mandare a casa il governo Monti e magari di proporre una nuova manovra!!!!

    Report

    Rispondi

  • Fumo di londra

    09 Dicembre 2011 - 22:10

    Berlusconi ha tradito gli Italiani,prima con quel delinquente di Fini,poi lasciando libero campo a sinistre figure come Monti e C. Dopo tanti anni di rinnovata politica con quel fenomeno popolare chiamato Lega Nord,figure come Monti e Napolitano non dovevano assolutamente scendere in campo. Continuita' con la 1° repubblica e con tutto cio' che e' stato rifiutato dagli Italiani. Sembra quasi assurdo quello che sta' accadendo ma sono certo che d'ora in poi potra' accadere di tutto : pacchi bombe ad equitalia e separazione consensuale della Padania ! ! !

    Report

    Rispondi

  • gyxo

    09 Dicembre 2011 - 21:09

    Questo draculin ex bancario(o banchiere?) dice che non cerca voti: evidentemente cerca solo grane. Bell'individuo questo senatore a vita per concessione del capitalcomunista napolitano.Vergognati caro vecchio sadico presidente! Tu ce l'hai con gl'italiani meno abbienti e ti sei precipitato con velocita'da ventenne a firmare questa indegna manovra lasciando indenni tutti gli altri ladri,poco ladri e non ladri pieni di soldi arraffati per lo piu' agli ,onesti per forza, del lavoro dipendente.Con queste tasse senza senso tu non fai altro che pagare tutto quello che di spreco combinano tutte la caste piu'vigliacche del mondo italico.Monti tu non accetti modifiche?Voglio vedere se come dice bagnasco discuterai caso per caso su ici della chiesa cattolica.Vedremo appunto se accetterai modifiche solo per gli ecclesiasti! Poveri gli italiani poco abbienti da sempre presi di mira!Siamo ora in un regime capitalcomunista.Tanti auguri a tutti i sinistri anch'essi sinistrati .Bonjour tristesse.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog