Cerca

Il Vaticano pagherà l'Ici Sindacati e le altre Caste no

Il Vaticano non è il solo a godere dell'esenzione dell'Ici: tra i privilegiati anche i sindacati, i partiti, l'Arci, gli alcolisti anonomi

Il Vaticano pagherà l'Ici  Sindacati e le altre Caste no

Ieri il capo della Cei Angelo Bagnasco ha detto che la Chiesa è disponibile a discutere del pagamento dell'Ici sugli immobili. Ma a goderne dell'esenzione dell'Ici sugli immobili non è solo il Vaticano ma decine di migliaia di privilegiati del fisco italiani. Sindacati, associazioni di categorie, associazione di promozione socialie. E poi il mondo del no-profit che è anche no-tax.

Proponiamo una parte dell'articolo di Franco Bechis che potrete leggere integralmente su Libero

Non pagano le tasse, o le pagano appena appena, ma non sono evasori. Sono decine di migliaia i privilegiati del fisco italiano che non troveranno mai l’esattore alla loro porta con la cartella in mano per reclamare il dovuto. C’è la Chiesa italiana, è vero, con tutti i suoi ordini religiosi e associazioni in qualche modo collegate. Come lei tutte le Chiese riconosciute in Italia, che certo pesano numericamente assai meno. Ma ci sono anche partiti, movimenti e associazioni politiche nazionali e nelle loro ramificazioni territoriali. Ci sono i sindacati nazionali, le loro associazioni di categoria, le loro ramificazioni territoriali. Ci sono le associazioni di promozione sociale, una voce dentro cui finisce davvero di tutto: dall’Arci, agli alcolisti anonimi, a Italia Nostra, alla comunità di Sant’Egidio, al Movimento delle casalinghe, a Legambiente, alle associazioni dei consumatori, fino al Touring club italiano. Ci sono tutti gli enti non commerciali, un mare indistinto dove ci si riesce a infilare con una certa facilità. E naturalmente il mondo delle Onlus (...)

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nioski

    12 Dicembre 2011 - 20:08

    Salve, ho sostenuto la Vs. tesi dei sindacati che non pagano l'ICI. Però un mio amico della CISL mi dice che non è assolutamente vero... potete chiarire con CERTEZZA come stanno le cose su ICI e Sindacati ? Grazie

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    12 Dicembre 2011 - 10:10

    Sa cosa significa, nella sua accezione fiscale, il termine "elusione"? E perché, secondo il Suo autorevole parere, un'associazione ricreativa culturale, che gestisce frequentatissimi bar, sale da ballo, discoteche, ristoranti, riscuote affitti per i suoi locali e molte altre amenità del genere, non dovrebbe pagare l'ICI, mentre la Chiesa Cattolica, che almeno qualche mensa e qualche dormitorio per i poveri li tiene in piedi, invece sì? Veda, caro Bruno, io sarò anche maldestro, ma non c'ho mica scritto "Giocondo"! Vedrà che questa faccenda dell'ICI al "Vaticano" andrà a finire in linea con uno scurrile detto toscano riferito alle flatulenze: "Chi la sente gl'è parente!".

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    12 Dicembre 2011 - 10:10

    appunto, io parlavo di sindacati, della CGIL nello specifico, non di ARCI: l'ARCI non è un sindacato ma un'Associazione Ricreativa Culturale Italiana

    Report

    Rispondi

  • dadorso65

    12 Dicembre 2011 - 09:09

    Lo Stato del vaticano è praticamente a se, ma in Italia devono pagare e fare quello che decide la legge Italiana, se non gli va bene che si cavino dalle scatole questi esseri inutili

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog