Cerca

SolitiBritannici Niente Europa siamo inglesi No di Cameron? Meno tasse e più autonomia

Ecco perché londra fa bene a restare fuori: un'unione monetaria non è possibile senza un'unione politica

SolitiBritannici Niente Europa siamo inglesi  No di Cameron? Meno tasse e più autonomia

Da italiano onorario di sangue inglese e padre di cinque piccoli romagnoli di cittadinanza italiana (per ora!) non riesco a capire voi italiani doc. Cioè: come mai siete disposti, mi chiedo, ad accettare non solo una moneta unica del cazzo e un Premier tecnico non eletto ma a regalare addirittura la vostra sovranità fiscale ad un gregge di eurocrati non eletti della Commissione europea come avete fatto ieri a Bruxelles?
Noi inglesi, invece, non siamo messi come voi. Ed ecco perché il Premier inglese David Cameron è stato l’unico dei 27 leader a dire a Merkozy in parole povere: «No, thanks very much, now just fuck off!». Dicono a Londra e anche a New York: Merkozy&Kameradin, stanno ammazzando il paziente (l’Europa) per tenere vivo il tumore (l’euro).  Intendono: nel disperato tentativo di salvare l’euro, l’eurocasta (complice il vostro Monti of course) sta condannando quei Paesi dell’Eurozona indebitati fino al collo come l’Italia alla penuria economica per il futuro prevedibile. Ma invano. Tanto l’euro, prima o poi, crollerà lo stesso. Al Bar del Duomo, invece, nel centro storico di Forlì, qui nella rossa Romagna, mi hanno preso in giro perché sono solo un povero inglese. «D’ora in poi senza di voi ci sarà un’Europa a due velocità!» mi hanno detto. Poverini loro! Me pure, visto che in Italia, perché Dio lo vuole, ci vivo dal 1998.


Denaro a vagonate Lo sanno i sassi: l’unico modo di salvare l’euro (e solo a breve e medio termine) sarebbe dare l’ok alla Banca centrale europea (Bce) di comportarsi come una banca centrale normale di ultima istanza, cioè: di stampare dei convogli di denaro per comprare a livelli industriali il debito pubblico stratosferico dei 17 Paesi dell’Eurozona. Ma su questo a Bruxelles ieri i leader dell’eurocasta non hanno sprecato neanche una parola, figuriamoci un accordo. La banca olandese ING ha fatto un po’ di conti in questi giorni. Crollasse l’euro, il valore della nuova Dracma greca sarebbe 80% meno della nuova Deutschmark, l’escudo portoghese e la peseta spagnola meno 50%, e la lira italiana meno 25%. Ci sarebbe non solo una recessione nell’Eurozona intera ma una depressione con un calo medio del Pil del 9% nel 2012.
Una situazione, direi, da evitare tutti i costi. Ma questo rapporto ING dà retta agli euroscettici (inglesi in testa), cioè: l’unione monetaria è assurda, grottesca e - appunto - cancerosa.  Quindi, in Italia il meccanismo non può finire con una sola manovra Monti. Anzi. Senza un intervento come si deve dalla Bce, ci sarà per forza una manovra cattiva ogni sei mesi. Ma Frau Merkel dice sempre “Nein!” E sicuramente Monti farà di tutto per tartassare l’Italia laboriosa invece di tagliare la spesa statale e il debito pubblico. Per quanto può resistere l’Italia?
Noi inglesi non vogliamo fare parte di un gioco di azzardo di questo genere. Siamo convinti  che un’unione monetaria non sia possibile senza un’unione politica. Se vogliamo un’idea di come sarà il Parlamento italiano, basta guardare il Parlamento europeo: una torre di Babele che non conta un cazzo. Decide tutto la Commissione europea non eletta. Ho girato una e-mail al settimanale  The Spectator ieri cercando di spiegare come mai gli italiani hanno accettato l’euro, Monti e ora questa unione fiscale soffocante.

Senza Patria
Ho scritto: «L’Italia è una nazione da solo 150 anni e non è stata mai in grado di mettere in piedi un Governo decente. Gli italiani sono arrabbiati come un puma con i loro politici che guadagnano più di qualsiasi altro politico sul pianeta (senza tangenti). Quindi, a differenza di noi inglesi, gli italiani  non hanno una forte lealtà alla Patria fuori dal campo di calcio e dalla camera da letto. Meglio gli antidemocratici burocrati non eletti di Bruxelles sotto il controllo dei tedeschi e del loro barboncino francese piuttosto che la casta politica italiana anche se eletta, insomma». Ecco quello che penso io. Voi? Certo, gli inglesi fanno parte dell’Unione europea e se crolla l’Eurozona e l’euro, sarà durissima anche per loro. Ma almeno possono governare il loro Paese per conto loro.

di Nicholas Farrell

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Rickard

    07 Novembre 2012 - 17:05

    Non che li ami particolarmente. Mi sembrano troppo presuntuosi, ma sono il popolo più intelligente d'Europa o meglio, del continente europeo e se hanno deciso di rimanere fuori da questo schifo chiamato Euro, qualche motivo ci sarà. Non sono loro che sbagliano. Siamo noi gli idioti. La GB è la nazione più indebitata del mondo (facendo la somma del debito pubblico e delle famiglie), ma grazie alla moneta sovrana resiste. Noi invece, affondiamo.

    Report

    Rispondi

  • BellpietroVergognati

    11 Dicembre 2011 - 12:12

    Non di certo un giornale e un politici di sx, cari illusi berlusconiani, ormai non sapete piu che dire e che fare, sbraitate contro l'Europa come i leghisti, ma un minimo di ritegno, aprite un libro di economia ogni tanto!

    Report

    Rispondi

  • nosybe

    11 Dicembre 2011 - 12:12

    Il fatto principale è che a gli ingleisi non gli interessa niente dell' Europa, non sanno neanche che forma ha, ci vanno una volta all'anno in vacanza perche c'è sole e si possono ubriacare senza grossi problemi(a differenza della loro patria). Cameron ha detto no per difendere i propri interessi giustamente, ma sopratutto le proprie banche, e per continuare la propria politica neocolonialista finanziaria. Se l'inghilterra e le loro banche dovrebbero rispettare limiti di bilancio chiuderebbero domani,anzi chiuderebbe l'isola domani. L'inghilterra è un paese che vive con il credito a consumo, comprano tutto facendo debiti, ogni persona ha minimo 3 carte di credito, e usano l' una per pagare l'altra. Per non pagare di case o macchine, tutti hanno mutui di 30 o 50 anni per case di discutibile gusto, tutto quello che guadagnano lo usano per pagare i debiti, e la mggiorpate delle volte usano anche gli stipendi successivi o la tredicesima se la hanno per pagare i debiti. Ecco l'inghilterra!

    Report

    Rispondi

  • drjekill

    11 Dicembre 2011 - 09:09

    si ripete anche se con altre forme. L'INGHILTERRA l'unico vero paese democratico e lungimirante ancora una volta anche a costo di sacrifici difende la sua libertà ed indipendenza. Rule Britannia........british people never shall be slave !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog