Cerca

Indennità parlamentari, così la Casta frega Monti

Bechis su Libero in edicola oggi: premier furibondo. E' nel giusto, ma Camera e Senato vogliono evitare la (loro) stangata e tenersi i privilegi

Indennità parlamentari, così la Casta frega Monti

Tutti uniti nel momento del bisogno. Il proprio, non quello del Paese. La Casta se ne frega di dare il buone esempio e risponde piccata al premier Monti, che nel decreto salva-Italia ha previsto il taglio delle indennità degli onorevoli: è il settimo comma dell'articolo 23. Lì, come ricorda Franco Bechis su Libero in edicola oggi, domenica 10 dicembre, "il premier Mario Monti aveva stabilito che se entro il 31 dicembre una apposita commissione guidata dal presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, non fosse riuscita a stabilire come prevede la legge, quale fosse lo stipendio giusto dei parlamentari e dei consiglieri regionali italiani per stare nella media dei primi sei paesi dell’Unione europea, avrebbe provveduto il governo per decreto legge". Pd, Pdl, Udic, Fli, Lega e tutto il resto del parlamento, eccetto l'Italia dei Valori, sono insorti. Fini, senza nemmeno avere letto il decreto Monti, ha dato ragione ai suoi deputati di cui per una volta ha fatto il sindacalista sostenendo che quella norma era un "errore" e che non  è "possibile intervenire per decreto nell’ambito delle questioni che sono di competenza esclusiva delle Camere". "Coperti dal presidente - scrive Bechis -, tutti i peones così sono insorti a dare lezioni di diritto costituzionale al povero Monti, che invece in questa vicenda aveva ragioni da vendere sia nella sostanza che nella forma".

 

Su Libero in edicola oggi, domenica 10 dicembre
Franco Bechis spiega perché Mario Monti è nel giusto

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    24 Marzo 2012 - 16:04

    La Casta non frega proprio nessuno.....poiché anche il buon eroe Cincinnato (alias Monti) "salvaItalia" è parte integrante della Casta banchierpoliticoburocratica di questo nostro povero paese.

    Report

    Rispondi

  • 654321

    12 Dicembre 2011 - 18:06

    Buffoni, speriamo arrivi presto il giorno delle votazioni in aula...cosi' avremo la certezza di chi siete!!! Se fate passare questa orribile inutile manovra ci saranno alle altre votazioni supposte per tutti !!! So che non ve ne frega nulla,ma ci vuol veramente una grandissima faccia di culo nell'andare in giro tra la gente!!! tutti i soldacci che ci avete estorto non vi basteranno per una plastica facciale!!! Ciao benestanti a presto!! M.G.orb

    Report

    Rispondi

  • aldogam

    12 Dicembre 2011 - 15:03

    Secondo il fighetto nazionale il decreto "salva Italia" non può contemplare le prebende dei politici che, a suo dire, possono essere decise solo dal parlamento. Vorrei far notere al fighetto che tutto il decreto dovrà essere soggetto ad una approvazione del parlamento, quindi di cosa ciancia. Oppure Monti è libero di togliere a tutti ma non a lui? Che Monti non modifichi di una virgola l'articolo relativo ai parlamentari, chieda la fiducia e vediamo se la banda dei mangiapane avrà il coraggio di far cadere il governo che hanno voluto proprio per pararsi il culo.

    Report

    Rispondi

  • amb43

    12 Dicembre 2011 - 09:09

    Signor Monti dia prova del Suo potere,agli stipendi dei ns. onorevoli (purtroppo si chiamano ancora così) faccia una bella potata, solo così sarà più considerato da noi Italiani ! Ma in fretta, molto in fretta !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog